Allupo murgia
Allupo murgia
Territorio

Continuano i raids dei lupi nelle stalle del territorio pugliese

Coldiretti preoccupata dell'aumento di questi episodi, con un alto numero di animali morti o feriti

Nel 2019 si è verificata una vera e propria mattanza nelle stalle e sui pascoli di pecore e capre sbranate, mucche sgozzate e agnelli uccisi in Puglia, dove la presenza del lupo si è moltiplicata negli ultimi anni con il ripetersi di stragi negli allevamenti sulla Murgia barese e tarantina e sul Gargano. E' quanto afferma Coldiretti Puglia, a seguito della recrudescenza del fenomeno degli attacchi dei lupi che hanno attaccato, ferito e ucciso pecore, agnelli, mucche, vitelli, capre, suini, asini, cavalli, per un totale di 510 capi da gennaio ad oggi, sulla base delle denunce degli allevatori a Coldiretti.

"Nel giro di dieci anni i lupi sono raddoppiati mettendo a rischio non solo gli animali nelle stalle e al pascolo, ma anche la vita stessa di agricoltori, allevatori e automobilisti. In Puglia sono enormi i danni causati dalla fauna selvatica, con un danno pari ad oltre 11 milioni di euro. Sono essenziali misure di contenimento per non lasciar morire i pascoli e costringere alla fuga migliaia di famiglie che da generazioni popolano le aree rurali più difficili dove l'allevamento è l'attività principale, ma anche i tanti giovani che faticosamente sono tornati per ripristinare la biodiversità perduta con il recupero delle storiche razze pugliesi, come la pecora 'Gentile' di Altamura o la 'Moscia' leccese", denuncia Savino Muraglia, presidente di Coldiretti Puglia.
Le prede o spariscono perché i lupi le portano via o vengono azzannate alla giugulare e lasciate morte in loco – riferisce Coldiretti Puglia - oppure se ne ritrovano solo brandelli e i numeri la dicono lunga sulla necessità di innalzare il livello di allerta e programmare efficaci attività di riequilibrio della fauna selvatica che mette a repentaglio la stessa incolumità delle persone.

"L'ok definitivo alla legge regionale contro i danni da fauna selvatica – spiega Muraglia - ha colmato un vuoto normativo durato decenni e cambiato l'approccio al'emergenza. Abbiamo fatto pressing continuo sul delicato tema della fauna selvatica che mette a repentaglio l'incolumità pubblica e arreca danni al settore agricolo e all'allevamento. Ma ora serve passare ai fatti per non disperdere un patrimonio zootecnico importante, lasciato in balia dei lupi", conclude il presidente Muraglia.
Serve responsabilità nella difesa degli allevamenti, dei pastori e allevatori che con coraggio continuano a presidiare le aree zootecniche e a garantire la bellezza del paesaggio. Senza i pascoli – conclude la Coldiretti – aree straordinarie come la Murgia e il Gargano muoiono, l'ambiente si degrada e frane e alluvioni minacciano le città.
  • coldiretti
Altri contenuti a tema
Olivicoltura in ginocchio a causa dell'import dalla Spagna e dal forte vento dei giorni scorsi. VIDEO Olivicoltura in ginocchio a causa dell'import dalla Spagna e dal forte vento dei giorni scorsi. VIDEO Ulteriore stangata dopo il crollo della produzione per le gelate del 2018: le importazioni crescono del 48%
Caduta olive per il forte vento: rischio peggioramento meteo da martedì Caduta olive per il forte vento: rischio peggioramento meteo da martedì Anche ad Andria si teme per questa situazione ambientale che non aiuta le operazioni di raccolta
Maltempo, Coldiretti soddisfatta mozione unanime Consiglio regionale Maltempo, Coldiretti soddisfatta mozione unanime Consiglio regionale Adottato dopo le segnalazioni dell’Organizzazione che ha raccolto le denunce degli agricoltori
Termina la vendemmia in Puglia con un -20% di produzione Termina la vendemmia in Puglia con un -20% di produzione Coldiretti nutre forti aspettative, per una ulteriore crescita dell'export
In Puglia 310 incidenti stradali nel 2019 per colpa dei cinghiali In Puglia 310 incidenti stradali nel 2019 per colpa dei cinghiali E con si contano i danni arrecati a colture, impianti e materiale aziendale
Superato il 58% delle cure per tutti i tumori a 5 anni: l'importanza della dieta mediterranea e km0 Superato il 58% delle cure per tutti i tumori a 5 anni: l'importanza della dieta mediterranea e km0 Il prof. Moschetta interviene al Forum intergenerazionale organizzato da Coldiretti Puglia 
Vendita agrumi: prezzi stracciati dalla grande distribuzione Vendita agrumi: prezzi stracciati dalla grande distribuzione Pur a fronte del calo della produzione (del 50%), avvengono vendite sottocosto
Tutela del "Made in Italy": iniziativa di Coldiretti ad Andria Tutela del "Made in Italy": iniziativa di Coldiretti ad Andria Incontro presso l'Istituto Agrario "Umberto I" con istituzioni e forze dell'ordine
© 2001-2019 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.