Allupo murgia
Allupo murgia
Territorio

Continuano i raids dei lupi nelle stalle del territorio pugliese

Coldiretti preoccupata dell'aumento di questi episodi, con un alto numero di animali morti o feriti

Elezioni Amministrative 2020
Candidati sindaco
Candidati al consiglio comunale
Elezioni Regionali 2020
Nel 2019 si è verificata una vera e propria mattanza nelle stalle e sui pascoli di pecore e capre sbranate, mucche sgozzate e agnelli uccisi in Puglia, dove la presenza del lupo si è moltiplicata negli ultimi anni con il ripetersi di stragi negli allevamenti sulla Murgia barese e tarantina e sul Gargano. E' quanto afferma Coldiretti Puglia, a seguito della recrudescenza del fenomeno degli attacchi dei lupi che hanno attaccato, ferito e ucciso pecore, agnelli, mucche, vitelli, capre, suini, asini, cavalli, per un totale di 510 capi da gennaio ad oggi, sulla base delle denunce degli allevatori a Coldiretti.

"Nel giro di dieci anni i lupi sono raddoppiati mettendo a rischio non solo gli animali nelle stalle e al pascolo, ma anche la vita stessa di agricoltori, allevatori e automobilisti. In Puglia sono enormi i danni causati dalla fauna selvatica, con un danno pari ad oltre 11 milioni di euro. Sono essenziali misure di contenimento per non lasciar morire i pascoli e costringere alla fuga migliaia di famiglie che da generazioni popolano le aree rurali più difficili dove l'allevamento è l'attività principale, ma anche i tanti giovani che faticosamente sono tornati per ripristinare la biodiversità perduta con il recupero delle storiche razze pugliesi, come la pecora 'Gentile' di Altamura o la 'Moscia' leccese", denuncia Savino Muraglia, presidente di Coldiretti Puglia.
Le prede o spariscono perché i lupi le portano via o vengono azzannate alla giugulare e lasciate morte in loco – riferisce Coldiretti Puglia - oppure se ne ritrovano solo brandelli e i numeri la dicono lunga sulla necessità di innalzare il livello di allerta e programmare efficaci attività di riequilibrio della fauna selvatica che mette a repentaglio la stessa incolumità delle persone.

"L'ok definitivo alla legge regionale contro i danni da fauna selvatica – spiega Muraglia - ha colmato un vuoto normativo durato decenni e cambiato l'approccio al'emergenza. Abbiamo fatto pressing continuo sul delicato tema della fauna selvatica che mette a repentaglio l'incolumità pubblica e arreca danni al settore agricolo e all'allevamento. Ma ora serve passare ai fatti per non disperdere un patrimonio zootecnico importante, lasciato in balia dei lupi", conclude il presidente Muraglia.
Serve responsabilità nella difesa degli allevamenti, dei pastori e allevatori che con coraggio continuano a presidiare le aree zootecniche e a garantire la bellezza del paesaggio. Senza i pascoli – conclude la Coldiretti – aree straordinarie come la Murgia e il Gargano muoiono, l'ambiente si degrada e frane e alluvioni minacciano le città.
  • coldiretti
Altri contenuti a tema
Criminalità, Coldiretti Puglia: «Necessaria cabina di regia tra Ministeri Agricoltura e Interno»​ Criminalità, Coldiretti Puglia: «Necessaria cabina di regia tra Ministeri Agricoltura e Interno»​ Coldiretti rinnova la richiesta dopo il danneggiamento di 5 ettari di vigneto di uva da tavola nelle campagne di Andria
Negli agriturismi di Puglia le vacanze sono pet friendly Negli agriturismi di Puglia le vacanze sono pet friendly Il 20% dei turisti italiani decide di trascorrere le ferie rigorosamente accompagnati dagli amici a 4 zampe
Torna in Puglia l' allarme insetti "alieni", Coldiretti: «Strage nei nostri campi» Torna in Puglia l' allarme insetti "alieni", Coldiretti: «Strage nei nostri campi» L'associazione degli agricoltori punta il dito contro l'Unione Europea: «Le loro barriere sono un colabrodo»
Buona la presenza di italiani negli agriturismi pugliesi, mentre arrivano anche tanti vip in questa estate 2020 Buona la presenza di italiani negli agriturismi pugliesi, mentre arrivano anche tanti vip in questa estate 2020 Purtroppo grandi assenti rimangono i turisti stranieri. Le ultime rilevazioni da parte di Coldiretti
Male l'export dell'ortofrutta: adesso si teme per l'uva da tavola Male l'export dell'ortofrutta: adesso si teme per l'uva da tavola Servono nuovi mercati per l'ortofrutta pugliese e maggiori tutele per i produttori
1 L'andriese Muraglia eletto presidente di PugliaOlive cui aderiscono 12 mila produttori L'andriese Muraglia eletto presidente di PugliaOlive cui aderiscono 12 mila produttori Nuovo riconoscimento per il 41enne imprenditore oleario, a capo di Coldiretti Puglia
Per carenze infrastrutturali e reti colabrodo la Puglia perde l'89% dell'acqua meteorica Per carenze infrastrutturali e reti colabrodo la Puglia perde l'89% dell'acqua meteorica Mentre aumenta la desertificazione manca la manutenzione delle reti di distribuzione idrica
Cane sbranato trovato ai piedi di Castel del Monte: attacco di cani inselvatichiti o di un lupo? Cane sbranato trovato ai piedi di Castel del Monte: attacco di cani inselvatichiti o di un lupo? E' accaduto nei giorni scorsi. Coldiretti aveva lanciato l'allarme sulla presenza di questi predatori
© 2001-2020 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.