Allupo murgia
Allupo murgia
Territorio

Continuano i raids dei lupi nelle stalle del territorio pugliese

Coldiretti preoccupata dell'aumento di questi episodi, con un alto numero di animali morti o feriti

Nel 2019 si è verificata una vera e propria mattanza nelle stalle e sui pascoli di pecore e capre sbranate, mucche sgozzate e agnelli uccisi in Puglia, dove la presenza del lupo si è moltiplicata negli ultimi anni con il ripetersi di stragi negli allevamenti sulla Murgia barese e tarantina e sul Gargano. E' quanto afferma Coldiretti Puglia, a seguito della recrudescenza del fenomeno degli attacchi dei lupi che hanno attaccato, ferito e ucciso pecore, agnelli, mucche, vitelli, capre, suini, asini, cavalli, per un totale di 510 capi da gennaio ad oggi, sulla base delle denunce degli allevatori a Coldiretti.

"Nel giro di dieci anni i lupi sono raddoppiati mettendo a rischio non solo gli animali nelle stalle e al pascolo, ma anche la vita stessa di agricoltori, allevatori e automobilisti. In Puglia sono enormi i danni causati dalla fauna selvatica, con un danno pari ad oltre 11 milioni di euro. Sono essenziali misure di contenimento per non lasciar morire i pascoli e costringere alla fuga migliaia di famiglie che da generazioni popolano le aree rurali più difficili dove l'allevamento è l'attività principale, ma anche i tanti giovani che faticosamente sono tornati per ripristinare la biodiversità perduta con il recupero delle storiche razze pugliesi, come la pecora 'Gentile' di Altamura o la 'Moscia' leccese", denuncia Savino Muraglia, presidente di Coldiretti Puglia.
Le prede o spariscono perché i lupi le portano via o vengono azzannate alla giugulare e lasciate morte in loco – riferisce Coldiretti Puglia - oppure se ne ritrovano solo brandelli e i numeri la dicono lunga sulla necessità di innalzare il livello di allerta e programmare efficaci attività di riequilibrio della fauna selvatica che mette a repentaglio la stessa incolumità delle persone.

"L'ok definitivo alla legge regionale contro i danni da fauna selvatica – spiega Muraglia - ha colmato un vuoto normativo durato decenni e cambiato l'approccio al'emergenza. Abbiamo fatto pressing continuo sul delicato tema della fauna selvatica che mette a repentaglio l'incolumità pubblica e arreca danni al settore agricolo e all'allevamento. Ma ora serve passare ai fatti per non disperdere un patrimonio zootecnico importante, lasciato in balia dei lupi", conclude il presidente Muraglia.
Serve responsabilità nella difesa degli allevamenti, dei pastori e allevatori che con coraggio continuano a presidiare le aree zootecniche e a garantire la bellezza del paesaggio. Senza i pascoli – conclude la Coldiretti – aree straordinarie come la Murgia e il Gargano muoiono, l'ambiente si degrada e frane e alluvioni minacciano le città.
  • coldiretti
Altri contenuti a tema
Brexit a rischio per l'export della Puglia. Export cresciuto +41,5% in 5 anni Brexit a rischio per l'export della Puglia. Export cresciuto +41,5% in 5 anni Dal 1º novembre 2019 le merci provenienti dall'Ue che entrano nel Regno Unito potrebbero essere soggette a dazi doganali
Vino, sale ancora l'export di quelli pugliesi: +2,5% nei primi sei mesi 2019 Vino, sale ancora l'export di quelli pugliesi: +2,5% nei primi sei mesi 2019 Grande successo anche per il biologico, dove 1 ettaro su 8 di vigneto è biologico in Puglia
Parco dell'alta Murgia: Rifiuti e fauna selvatica al centro della nuova governance Parco dell'alta Murgia: Rifiuti e fauna selvatica al centro della nuova governance Incontro con Coldiretti Bari e Bat. oltre 6mila aziende lungo la filiera agroalimentare
Cresce ancora il consumo di prodotti bio in Puglia Cresce ancora il consumo di prodotti bio in Puglia Secondo Coldiretti, la Puglia è seconda nella classifica delle regioni più bio d’Italia
Arriva sentenza di condanna dall'U.E per l'Italia per le sue lentezze nella lotta alla xylella Arriva sentenza di condanna dall'U.E per l'Italia per le sue lentezze nella lotta alla xylella Le dichiarazioni di Emiliano e Nardone. Indignazione da parte del mondo associazionistico agricolo
Entra nel vivo la vendemmia 2019 in Puglia Entra nel vivo la vendemmia 2019 in Puglia Lieve calo della produzione -intorno al 5%- solo nelle province di Bari e BAT
Cambiamenti climatici: Puglia a rischio desertificazione, si perde un litro di acqua su due Cambiamenti climatici: Puglia a rischio desertificazione, si perde un litro di acqua su due Le aree interessate sono il 57% del territorio, necessari interventi mirati
Xylella: ecco il primo olio da ulivi resistenti Xylella: ecco il primo olio da ulivi resistenti A Lecce piante malate innestate con Leccino hanno prodotto dopo 3 anni
© 2001-2019 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.