formazione professionale, artigianato
formazione professionale, artigianato
Attualità

Confartigianato: "Priorità nel piano vaccinale a servizi essenziali e categorie lavoratori a contatto col pubblico"

"Sottoposta la questione alla Regione", dice Francesco Sgherza, presidente di Confartigianato Imprese Puglia

«Nel piano vaccinale si dia priorità ai servizi essenziali e alle categorie di lavoratori a contatto con il pubblico». È quanto chiede Confartigianato Imprese Puglia.
«Crediamo importante che, nel definire il prosieguo del piano vaccinale, si tengano in adeguata considerazione le categorie produttive più esposte e quelle che forniscono servizi essenziali – dice Francesco Sgherza, presidente di Confartigianato Imprese Puglia – Abbiamo sottoposto la questione anche alla Regione affinché, nel rispetto del riparto delle competenze tra livello statale e regionale e nell'ambito della disponibilità delle dosi, si faccia un'attenta valutazione anche di queste esigenze».

Il riferimento è a tutte quelle attività che si svolgono in contatto diretto col pubblico e che, proprio per questo, soprattutto nella c.d. "Fase 1" della pandemia, sono state individuate come a più elevato rischio di sviluppare possibili cluster di contagio e pertanto sottoposte alle misure più restrittive e penalizzanti se non proprio all'obbligo di chiusura.

«Il ragionamento è semplice – continua Sgherza – Se è vero che queste attività presentano un elevato tasso di rischio per via delle intrinseche modalità di svolgimento, prevederne la priorità nell'accesso ai vaccini è un'operazione di buon senso non soltanto per la protezione degli operatori ma anche nell'interesse dell'utenza, dato che contribuisce a consolidare la strategia di abbattimento della circolazione virale. Si tratta di settori sistematicamente sottoposti a lockdown più o meno rigidi e, altrettanto sistematicamente, non adeguatamente ristorati per perdite e mancati guadagni. Vaccinare con il giusto grado di priorità consentirebbe di restituirli a condizioni di lavoro se non normali, quantomeno accettabili».

Distinta partita ma medesime considerazioni possono essere fatte per le imprese che forniscono servizi essenziali, come quelle di autotrasporto persone e merci, i cui operatori sono esposti rispettivamente sotto il profilo del contatto con l'utenza e sotto quello dello spostamento sul territorio nazionale piuttosto che internazionale con tutto ciò che ne consegue (ad esempio, utilizzo servizi promiscui, contatto con operatori di zone con maggiore tasso di contagio eccetera).

«Abbiamo tutti presente – prosegue il presidente – quanto successo pochi giorni fa al Brennero, con gli autotrasportatori costretti ore di fila per l'obbligo di presentazione di un tampone negativo per passare il confine. Considerata l'importanza del lavoro che questa categoria ha svolto durante la fase più dura della pandemia e che continua a svolgere tutt'ora, esponendosi direttamente al rischio per assicurare la sopravvivenza del Paese, non ci sembra ardito chiedere che anche per loro si possa verificare la possibilità di una priorità nell'accesso al vaccino. Il rischio insito nello spostamento tra regioni, nazioni e differenti territori merita di essere adeguatamente valutato».
  • confartigianato puglia
Coronavirus

Speciale Coronavirus

Tutte le notizie sulla pandemia che ha cambiato il mondo

1782 contenuti
Altri contenuti a tema
Covid, in Puglia oltre 1000 casi su quasi 8500 tamponi Covid, in Puglia oltre 1000 casi su quasi 8500 tamponi Nella Bat 74 nuovi contagi
Avviata anche nella Bat la campagna vaccinale anti covid per i Vigili del fuoco Avviata anche nella Bat la campagna vaccinale anti covid per i Vigili del fuoco Fp Cgil Bat: “Soccorritori che ogni giorno rischiano il contagio”. Il 2 marzo è cominciata la somministrazione
Covid 19, Asl Bt: avviato servizio di assistenza psicologica Covid 19, Asl Bt: avviato servizio di assistenza psicologica Dedicato ai pazienti Covid, ai loro familiari ed ai dipendenti dei presidi ospedalieri per la gestione clinica del coronavirus
Sempre alti i positivi in Puglia, oggi sono 1.483 e 110 nella Bat Sempre alti i positivi in Puglia, oggi sono 1.483 e 110 nella Bat Anche questa volta i tamponi eseguiti sul territorio regionale superano le 10 mila unità
Covid, i dati di Andria: 168 attualmente positivi, i guariti complessivi sono 3077 Covid, i dati di Andria: 168 attualmente positivi, i guariti complessivi sono 3077 La città federiciana registra il dato più alto dei decessi nella provincia Bat, 122 dall'inizio della pandemia
Emergenza covid 19 in Puglia, per la scuola che succederà da lunedì 8 marzo? Emergenza covid 19 in Puglia, per la scuola che succederà da lunedì 8 marzo? Accelerare sui vaccini e trovare una soluzione per il personale escluso, la richiesta dei sindacati
Emergenza covid: la Puglia ancora in zona gialla Emergenza covid: la Puglia ancora in zona gialla Indice Rt di poco inferiore a 1. La decisione del ministro della salute Speranza giunta in serata
Emergenza covid: ad Andria tornano le restrizioni anti assembramento Emergenza covid: ad Andria tornano le restrizioni anti assembramento Preoccupa il diffondersi della variante inglese e l'atteggiamento sconsiderato di troppi individui
© 2001-2021 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.