Infermieri
Infermieri
Enti locali

Conca (M5S) su formazione OSS: «La Regione frustra la libera concorrenza»

Il penta stellato interroga sulla legittimità dei criteri di organizzazione di corsi formativi

«I criteri individuati dalla Regione Puglia si pongono in netto contrasto con le direttive europee, con la normativa nazionale, frustrando la libera concorrenza». Queste l'opinione di Mario Conca, consigliere del M5S nonché componente della III Commissione Sanità, che ha pertanto depositato un'interrogazione rivolta agli organi di competenza. Essa riguarda la legittimità e la correttezza dei criteri individuati dalla Regione Puglia per consentire agli Enti formatori di poter organizzare i corsi di formazione.

«L'organizzazione dei corsi di formazione per OSS, sulla base delle previsioni dei bandi emessi dalla Regione Puglia, rischia di diventare un problema di portata non indifferente» ha dichiarato il penta stellato, ponendo l'attenzione sul Regolamento Regionale n°28 del 18.12.2007, e dagli avvisi n°1/2014 e n°5/2016.

«L'inserimento dei requisiti dell'esperienza biennale, anche non continuativa, nel campo dei percorsi formativi per il sociale mediante avviso pubblico -continua Conca- e di quello della dimostrazione dell'erogazione, da parte dei soggetti formatori, di attività finalizzate alla formazione di figure nel settore sociale di durata non inferiore ad 800 ore nel biennio, si eliminano tutti quegli enti formativi che, pur essendo accreditati dalla Regione, non possono partecipare autonomamente in quanto privi dei suddetti requisiti».

Conca nell'interrogazione sottolinea come la previsione di tali criteri impoverisca la qualità dei programmi formativi e determini l'impossibilità di soddisfare la crescente richiesta di percorsi formativi nel settore socio sanitario, con la conseguente proliferazione sul web di "enti" di formazione pugliesi, privi dell'accreditamento previsto dalla Regione Puglia, che aggirano tranquillamente l'ostacolo abbinandosi ad enti di altre regioni. «In questo modo -aggiunge- si crea una vera migrazione di corsisti fuori dalla Puglia, senza alcuna garanzia sulla frequenza e sulla serietà dell'organizzazione dei corsi che ha come conseguenza un ulteriore danno economico agli enti formativi accreditati.

Per tutti questi motivi il Consigliere Conca ritiene doveroso che gli organi competenti forniscano un'adeguata e motivata risposta agli interrogativi suscitati dalle problematiche innanzi evidenziate."Questa situazione -conclude- non può essere tollerata, perché crea notevoli disparità fra gli enti accreditati, perchè alcuni non potranno mai acquisire i requisiti richiesti nei bandi e negli avvisi relativi ai progetti formativi».
  • Sanità
  • corsi di formazione
  • Mario Conca (M5S)
Altri contenuti a tema
Assunzione per 162 ausiliari per la Sanitaservice della Asl Bt Assunzione per 162 ausiliari per la Sanitaservice della Asl Bt Le domande dovranno essere inviate entro le ore 13 del 7 dicembre 2021
Carenza di personale nei pronto soccorso: "La battaglia quotidiana degli zombie" Carenza di personale nei pronto soccorso: "La battaglia quotidiana degli zombie" Le (amare) considerazioni di uno (dei pochi rimasti) medici di Emergenza/Urgenza
Carenza medici pronto soccorso e 118: la Regione verso una premialità per attività disagiata Carenza medici pronto soccorso e 118: la Regione verso una premialità per attività disagiata Avviate le procedure per la selezione di 45 unità per i Pronto Soccorso della Bat
Sanità, Ministro Speranza: "Dal 2022 nuova indennità a personale pronto soccorso" Sanità, Ministro Speranza: "Dal 2022 nuova indennità a personale pronto soccorso" Soddisfatti Guido Quici e Luciano Suriano, rispettivamente presidente e vice segretario organizzativo di CIMO-FESMED
Sanità: sempre più critica la situazione del Servizio di emergenza urgenza nella Bat Sanità: sempre più critica la situazione del Servizio di emergenza urgenza nella Bat L'Ordine dei Medici chiede una conferenza di servizio. Rischi per "salute e sulla vita stessa dei cittadini”
La Puglia avrà 7.000 operatori sanitari in più La Puglia avrà 7.000 operatori sanitari in più Mauro Vizzino Presidente della Commissione Sanità: "Ma si può e si deve fare altro per la sanità della nostra regione”
Quattro apparecchi per tamponi rapidi covid 19 donati dal Rotary per alcune strutture sanitarie pugliesi Quattro apparecchi per tamponi rapidi covid 19 donati dal Rotary per alcune strutture sanitarie pugliesi Seconda tranche di un intervento nato dalla partnership fra Rotary International e Usaid, l’Agenzia statunitense per la lotta alla povertà globale
Assunzioni in Sanitaservice: "La confusione regna sovrana" Assunzioni in Sanitaservice: "La confusione regna sovrana" Il consigliere regionale Saverio Tammacco (Gruppo Misto): "Manca un criterio unico per reclutare personale"
© 2001-2021 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.