Caveau di Catanzaro
Caveau di Catanzaro
Cronaca

Colpo da 8 milioni al caveau: confermata condanna per 43enne di Andria

Sei le condanne e un'assoluzione a Catanzaro

Sei condanne e un'assoluzione a Catanzaro nel processo contro gli indagati del colpo da 8 milioni di euro al caveau della Sicurtransport, istituto di vigilanza nella zona industriale di Caraffa, per il quale era stato arrestato anche il 52enne di Bitonto, Pasquale Pazienza. Proprio per il bitontino, la Corte d'Appello di Catanzaro ha disposto l'assoluzione durante il procedimento (con rito abbreviato) di secondo grado contro i responsabili del colpo.
L'uomo era stato preso, dopo due anni di latitanza, in una masseria nell'agro di Giovinazzo, insieme al 40enne cerignolano, Alessandro Morra, ritenuto il capo della banda, al quale invece è stata inflitta una pena a 12 anni di reclusione.

I giudici di secondo grado hanno anche smentito la constatazione dei colleghi di primo grado secondo cui la banda avrebbe ottenuto il placet delle cosche locali in cambio di una parte del bottino. Esclusa l'aggravante mafiosa, i magistrati hanno rideterminato la pena per Giovanni Passalacqua, presunto ideatore del colpo, e Dante Mannolo, nipote del boss di San Leonardo di Cutro, Alfondo Mannolo. Entrambi sono stati condannati a 10 anni (in primo grado erano stati 14). Confermate, invece, le condanne a 10 anni e 8 mesi ciascuno per Carmine Fratepietro, 43enne di Andria, Matteo Ladogana, 48enne di Cerignola e Leonardo Passalacqua, 48enne di Catanzaro.
La svolta sull'inchiesta arrivò dopo la decisione di Annamaria Cerminara, complice della banda e legata sentimentalmente a Giovanni Passalacqua, di collaborare con la giustizia e svelare i dettagli del piano.
  • Rapina
Altri contenuti a tema
1 Rapina a portavalori a Canosa di Puglia, vigilantes trasportato al Bonomo di Andria Rapina a portavalori a Canosa di Puglia, vigilantes trasportato al Bonomo di Andria In corso le operazioni di carico e scarico del denaro davanti ad un ufficio postale
Assaltano cisterna d'olio a Terlizzi. In fuga provocano un incidente ed abbandonano il mezzo fra Andria e Bisceglie Assaltano cisterna d'olio a Terlizzi. In fuga provocano un incidente ed abbandonano il mezzo fra Andria e Bisceglie Autotrasportatore vittima di un assalto sulla strada provinciale 231
Rapina del 14 dicembre: la gioielliera ringrazia Forze dell'Ordine e Sindaco Rapina del 14 dicembre: la gioielliera ringrazia Forze dell'Ordine e Sindaco I due responsabili furono bloccati dal pronto intervento dei poliziotti di una Volante del 113
Rapina a mano armata nelle campagne di Andria: “Ora basta, lo Stato intervenga. Sono necessari presidi costanti” Rapina a mano armata nelle campagne di Andria: “Ora basta, lo Stato intervenga. Sono necessari presidi costanti” Lo chiede Michele Lacenere di Confagricoltura Bari-Bat
Rapina a mano armata: ritrovato il mezzo pesante dalla Polizia di Stato Rapina a mano armata: ritrovato il mezzo pesante dalla Polizia di Stato Malviventi mascherati e con fucili avevano portato via la macchina raccoglitrice di olive intorno alle ore 6.30
Rapina ad Andria: trafugato un camion nella zona di Montegrosso Rapina ad Andria: trafugato un camion nella zona di Montegrosso E' accaduto intorno alle ore 6.30 di stamane. Battute in corso da parte delle Forze dell'ordine
Rapina a un cittadino pakistano residente ad Andria, arrestati i due responsabili Rapina a un cittadino pakistano residente ad Andria, arrestati i due responsabili Si tratta di due cittadini marocchini, di 34 e 39 anni, fermati dalla Polizia di Stato a Barletta
Rapinati 20mila euro ad un imprenditore andriese Rapinati 20mila euro ad un imprenditore andriese I malviventi con delle armi hanno portato via anche l’auto dell’uomo prima che egli deponesse i suoi contanti in banca
© 2001-2021 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.