Polizia Postale e delle Comunicazioni
Polizia Postale e delle Comunicazioni
Attualità

Attenzione ai mutui e finanziamenti proposti sui social e sul web

Aumentano le truffe e la Polizia Postale rilancia l’allerta

Approfittano del bisogno di denaro e di liquidità dei cittadini per sparire poi con un anticipo sull'attività d'intermediazione che in realtà non è svolta o semplicemente per sottrarre dati personali o bancari. Utilizzano i social per promuovere l'accesso al credito con mutui e finanziamenti a condizioni a dir poco vantaggiose che traggono in inganno una platea sempre più crescente di utenza. È questa una delle ultime frontiere delle truffe online adottate dai nuovi criminali del web che anche la Polizia Postale ha voluto segnalare con un post sulla propria pagina Facebook "Commissariato di PS Online - Italia" per rilanciare l'aumento costante delle denunce ricevute e per invitare la cittadinanza alla massima prudenza quando si vuol stipulare un mutuo o richiedere un finanziamento e si fanno ricerche in rete o si clicca sui banner pubblicitari di questo tipo che ormai ci bersagliano continuamente sui social.

È questo il testo del messaggio lanciato dalla Polizia Postale: "Sono diverse le segnalazioni di truffe ai danni di utenti che attirati da banner, che compaiono sulle pagine web durante la comune navigazione, offrono mutui a condizioni vantaggiose. Dobbiamo prestare attenzione a questo tipo di offerte cercando di rivolgere le nostre istanze di mutuo a istituti di credito o finanziari autorizzati allo svolgimento di attività bancarie e finanziarie. Possiamo accertarci di questo accedendo ad una speciale sezione del sito ufficiale della Banca d'Italia raggiungibile a questo link https://www.bancaditalia.it/compiti/vigilanza/albi-elenchi/". Insomma, per Giovanni D'Agata presidente dello "Sportello dei Diritti", è utile e imprescindibile verificare sempre se gli intermediari del credito, i promotori e le banche cui ci rivolgiamo risultano essere inseriti negli elenchi della Banca d'Italia. Nel caso siate comunque incappati in una frode di questo tipo potrete rivolgersi agli esperti della nostra associazione tramite i nostri contatti email info@sportellodeidiritti.org o segnalazioni@sportellodeidiritti.org per valutare immediatamente tutte le soluzioni del caso per evitare pregiudizi.
  • Truffe
Altri contenuti a tema
Si finge suora 46enne di Andria per offrire lavoro in cambio di denaro Si finge suora 46enne di Andria per offrire lavoro in cambio di denaro E' stata tratta in arresto dai Carabinieri della Stazione di Cerignola. La Procura di Trani invita altri truffati a rivolgersi ai Carabinieri
Nuova operazione anti contraffazione delle Fiamme Gialle Nuova operazione anti contraffazione delle Fiamme Gialle Sequestrati in tutta la regione oltre 3,4 milioni di articoli, con la denuncia di 60 soggetti
Tentativi di truffe on-line: numerose segnalazioni di ricatti hard via web Tentativi di truffe on-line: numerose segnalazioni di ricatti hard via web Si moltiplicano i casi di email inviate contenenti richieste di pagamento per evitare la diffusione di contenuti osè
Olio di oliva di qualità, Guglielmi: "Il made in Italy a... metà!" Olio di oliva di qualità, Guglielmi: "Il made in Italy a... metà!" Assoproli al fianco di Cno contro le.. strane intese sulla pelle degli olivicoltori
Truffatori indentificati dalla Polizia di Stato: per loro scattano gli arresti domiciliari Truffatori indentificati dalla Polizia di Stato: per loro scattano gli arresti domiciliari Numerosi i colpi messi a segno in alcuni esercizi cittadini: l'ultimo ad un distributore di benzina
Gasolio "impuro" in Puglia, è allarme sui social Gasolio "impuro" in Puglia, è allarme sui social Giunge la replica dell'Eni dopo la varie segnalazioni diventate virali su Whatsapp
Truffe online, iniziano quelle di Natale. Ecco come evitarle Truffe online, iniziano quelle di Natale. Ecco come evitarle Fantomatici regali di biglietti gratis per voli aerei. L'allerta anche su Commissariato di PS On Line della Polizia Postale
© 2001-2019 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.