Antonello Fortunato
Antonello Fortunato
Associazioni

Anche il Centro Zenith interviene sulla scomparsa di Gianna

«Un'anima fragile spesso derisa da una cultura retrograda», sottolinea il professor Forunato

«C'è un vecchio adagio intriso di luoghi comuni assolutamente inaccettabile che recita : "Quando si nasce si è tutti belli. Quando ci si sposa si è tutti bravi. Quando si muore si è tutti buoni" ».

Scrive in una nota il professor Antonello Fortunato, responsabile del Centro Zenith.

«Mi sembra accada sempre così quando la nostra comunità, per lavarsi la coscienza dalla sua insensibilità, accompagna il feretro di chi ormai non c'è più e magari in vita avrebbe voluto la stessa attenzione. Sto parlando di Gianna che girava nelle strade di Andria prigioniero di un corpo che non sentiva suo. Sto parlando di un'anima fragile spesso derisa e insultata da una cultura retrograda e beffarda che non ha rispetto per la dignità di ogni persona. Sto parlando di Gianna che oggetto di scherno era la rappresentazione visiva della nostra limitata accettazione della diversità.

Amata città. Così non va bene. Che senso ha ridere e deturpare la vita quando è vita e poi abbandonarsi ad una malinconica reminiscenza di ciò che fu. Abbiamo il dovere di tutelare la vita sempre, soprattutto quando palpita nel cuore, quando è attiva, quando chiede con la sua voce e i suoi gesti di essere salvata, quando con i suoi pensieri desidera essere bella e realizzata. Sapete quante volte al nostro centro Zenith si sono avvicinate persone distrutte dall'indifferenza generale. È sempre stato doloroso ascoltarle e sempre difficile recuperare la loro voglia di vivere. Difendiamo la vita sempre, ovunque e dovunque prima dei titoli di coda».
  • centro zenith
  • Antonello Fortunato
Altri contenuti a tema
Tanta musica ed entusiasmo per il "Sanremo Zenith" Tanta musica ed entusiasmo per il "Sanremo Zenith" Lo Zenith ed i suoi amici rispettano le prescrizioni anti covid e raccontano un' Andria vitale
Covid-19, il Centro Zenith lancia un appello alle Istituzioni: “Non lasciateci soli” Covid-19, il Centro Zenith lancia un appello alle Istituzioni: “Non lasciateci soli” Il professor Fortunato: “E’ necessario che la comunità abbia più luoghi e spazi per l'inclusione”
Fortunato (Centro Zenith): "Il lavoro nobilita l'uomo" Fortunato (Centro Zenith): "Il lavoro nobilita l'uomo" "Le pari opportunità si possono e si devono raggiungere"
Centro Zenith: “Un Carnevale in sordina, ma meglio che niente” Centro Zenith: “Un Carnevale in sordina, ma meglio che niente” Il prof. Fortunato spiega come mantenere accesa la luce della speranza in una città spesso triste
Centro Zenith: "Tante le persone con disabilità che durante la pandemia sono diventate...invisibili" Centro Zenith: "Tante le persone con disabilità che durante la pandemia sono diventate...invisibili" Prof. Fortunato: "Anime fragili che subiscono il terrorismo psicologico di una informazione che fomenta paura e panico"
10 Febbraio, Giorno del Ricordo: il centro Zenith rievoca le vittime delle foibe 10 Febbraio, Giorno del Ricordo: il centro Zenith rievoca le vittime delle foibe "Coltivare la memoria è un imperativo categorico"
Fortunato (Centro Zenith): "La vita, il dono più grande che abbiamo" Fortunato (Centro Zenith): "La vita, il dono più grande che abbiamo" Il responsabile dell'associazione di volontariato interviene sul manifesto antiabortista affisso per Andria
Centro Zenith: "Tra maggioranza ed opposizione continua la farsa che diventa tragedia, mentre i problemi rimangono" Centro Zenith: "Tra maggioranza ed opposizione continua la farsa che diventa tragedia, mentre i problemi rimangono" Il commento del responsabile del centro di volontariato cittadino, il prof. Antonello Fortunato
© 2001-2021 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.