Visione velata e opaca: la cataratta. <span>Foto Riccardo Di Pietro</span>
Visione velata e opaca: la cataratta. Foto Riccardo Di Pietro
Non perdiamoci di vista

Visione velata e opaca: la cataratta

Quando il cristallino si opacizza diventando cataratta, la visione appare sbiadita, ingiallita e annebbiata

Nella mia pratica ambulatoriale quotidiana, tante volte mi capita di ricevere presbiti (soggetti over 40, la cui condizione visiva rende faticosa la visione da vicino, gli oggetti ravvicinati cominciano ad apparire sfocati) che lamentano una visione "velata, offuscata, opaca o appannata". Spesso, questi pazienti mi chiedono di prescrivergli lenti che gli permettano di vedere più chiaramente; adesso vedremo perché non sempre una correzione con lenti oftalmiche può comportare una visione ottimale e nitida.

Intorno ai 40/42 anni insorge fisiologicamente la presbiopia, processo durante il quale il cristallino inizia a perdere trasparenza ed elasticità. Il cristallino che è una piccola lente situata all'interno del nostro occhio, ha lo scopo di filtrare la luce che penetra attraverso la pupilla, direzionandola sulla retina. Adattando la propria forma tramite il cosiddetto processo dell'accomodazione, il cristallino permette la messa a fuoco degli oggetti alle varie distanze. La cataratta consiste, quindi, nell'opacizzazione del cristallino, causato dall'accumulo progressivo delle proteine dovuto all'invecchiamento. Con l'avanzare di questo processo, il cristallino opacizzato riduce la quantità di luce che passa all'interno dei nostri occhi e la visione diventa annebbiata.

I sintomi e i segnali che si rilevano quando il cristallino inizia a trasformarsi in cataratta, sono i seguenti: visione annebbiata e sfuocata, problemi di visione notturna, fotosensibilità e abbagliamento, percezioni di aloni intorno alle luci, percezione di colori sbiaditi e ingialliti, visione sdoppiata.

Quando le lenti da occhiale non bastano più a correggere la vista, e non appena paziente ed oculista riscontrano che la visione è così peggiorata da interferire con la qualità della vita del soggetto stesso si vara la possibilità di effettuare l'intervento di cataratta. Si tratta di un intervento compiuto generalmente senza ricovero, in anestesia locale. Prima dell'intervento sono necessari alcuni esami preparatori; il paziente, pur rimanendo sveglio durante l'intervento non avverte alcun dolore. La tecnica utilizzata è la facoemulsificazione che può oggi garantire un immediato recupero visivo ed una notevole riduzione delle complicanze. L'intervento dura generalmente circa 15/20 minuti a seconda della procedura utilizzata e dopo poche ore il paziente può fare ritorno a casa. Solitamente l'intervento di cataratta viene eseguito su un occhio per volta, operando per primo l'occhio con l'opacità più avanzata in modo da conservare la visione dell'altro occhio per il periodo successivo all'intervento. Dopo qualche giorno o qualche settimana viene effettuato l'intervento sul secondo occhio. Naturalmente la visione migliora una volta operati entrambi gli occhi: aumenta il senso di profondità, la valutazione delle distanze e la percezione dei colori. Dopo alcune settimane dall'ultimo intervento, quando la condizione oculare diventa stazionaria si procede con un nuovo esame visivo e si valuta la correzione da utilizzare eventualmente per la visione a distanza e la correzione da utilizzare per la visione prossimale. Quindi, la visione può tornare ad essere "pulita" grazie alla rimozione del cristallino divenuto cataratta, e solo dopo si può intervenire con lenti da occhiale per renderla nitida.
  • Ottica e Optometria
Altri contenuti a tema
Primavera: allergia e lacrimazione Primavera: allergia e lacrimazione Anche in un periodo di emergenza, torna la primavera e l'allergia da polline: una persona su due ne soffre
Gli occhi lo specchio dell…a salute Gli occhi lo specchio dell…a salute Un esame oculare e visivo approfondito può essere il primo rilevatore di patologie
Fotofobia: quando la luce provoca dolore Fotofobia: quando la luce provoca dolore Se in presenza di luce si prova fastidio o addirittura dolore oculare, potrebbe esserci una patologia in corso
Cosa succede ai nostri occhi quando notiamo delle macchioline o mosche volanti? Cosa succede ai nostri occhi quando notiamo delle macchioline o mosche volanti? Le miodesopsie sono dovute alla presenza di addensamenti nel liquido che riempie il bulbo oculare
L’astigmatismo non corretto può provocare stanchezza e mal di testa L’astigmatismo non corretto può provocare stanchezza e mal di testa Quando le immagini risultano poco definite e i contorni non appaiono nitidi è possibile che l’occhio sia astigmatico
Cheratocono: quando la diagnosi precoce salva la vista Cheratocono: quando la diagnosi precoce salva la vista Una delle patologie più pericolose per la nostra vista e per la salute dell’occhio
Il diabete inficia anche sulla vista? Il diabete inficia anche sulla vista? Molte delle patologie oculari sono causate dal diabete e dagli elevati livelli di glucosio nel sangue
Il makeup interferisce sullo stato di salute degli occhi? Il makeup interferisce sullo stato di salute degli occhi? Il rito di truccare gli occhi parte da Cleopatra e arriva ai giorni nostri, cosa c’è da sapere
© 2001-2020 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.