Tutti in classe: accendiamo la luce. <span>Foto Riccardo Di Pietro</span>
Tutti in classe: accendiamo la luce. Foto Riccardo Di Pietro
Non perdiamoci di vista

Tutti in classe: accendiamo la luce

L’illuminazione durante i periodi di studio è fondamentale per il rendimento scolastico

Da qualche giorno la campanella è tornata a suonare per gli studenti di tutta Italia, le scuole sono state riaperte dopo la pausa estiva, le luci delle classi sono state riaccese… ed è proprio di luce e illuminazione, delle scuole e classi scolastiche (in generale di uffici e locali pubblici), che parleremo oggi.

Partendo dal presupposto che la visione dell'alunno o dello studente sia stata esaminata, e quando necessario corretta con occhiali o altri ausili, è importante che anche le condizioni in cui viene messo a svolgere il proprio compito siano adeguate; e a tal proposito rimando a un mio articolo di qualche mese fa "Bambini, visione e postura" in cui abbiamo parlato di come anche una postura scorretta, nei bambini, può portare ad avere disturbi visivi e difficoltà nell'apprendimento.

Tornando a parlare di illuminazione dei locali scolastici, abbiamo addirittura due norme UNI che si riferiscono ai criteri generali per l'illuminazione artificiale e naturale delle aule e degli altri locali scolastici: la UNI 10840 e la UNI EN 12464. I locali scolastici sono utilizzati prevalentemente durante le ore diurne, perciò le due norme forniscono le prescrizioni generali sia per l'illuminamento artificiale sia per l'illuminazione naturale; esse garantiscono condizioni che soddisfino il benessere e la sicurezza degli studenti e degli altri utenti della scuola. Queste norme prevedono che i requisiti illuminotecnici debbano soddisfare tre esigenze fondamentali:

Il comfort visivo, cioè la sensazione di benessere percepita;
La prestazione visiva, cioè la possibilità da parte degli studenti di svolgere le proprie attività anche in condizioni difficili e al lungo nel tempo;
La sicurezza, cioè la garanzia che l'illuminazione non incida negativamente sulle condizioni di sicurezza degli studenti.

La corretta illuminazione dei locali di studio e dei posti di lavoro è necessaria per consentire in modo agevole lo svolgimento delle mansioni in tutte le stagioni e in tutte le ore del giorno. L'illuminazione deve essere sempre adeguata qualitativamente al tipo di operazione eseguita. Un'illuminazione insufficiente o distribuita non correttamente, favorisce l'insorgenza di affaticamento visivo, l'assunzione di posture scorrette e la difficoltà di apprendimento o svolgimento dei compiti. In condizioni poco confortevoli i ragazzi che svolgono attività visive di lettura, potranno lamentare disagi o disturbi (mal di testa, bruciore agli occhi, lacrimazione...), e tenderanno ad avvicinarsi all'oggetto del loro impegno visivo, con conseguente assunzione di posture scorrette ed insorgenze di disturbi a carico sia del sistema visivo che dell'apparato osseomuscolare.

Per quanto riguarda la qualità della luce, le lampade consigliate devono emettere una luce il più possibile simile a quella naturale (bianca), per permettere una buona resa dei colori e del contrasto del testo.

La giusta postura e le condizioni di illuminazione dell'ambiente devono essere osservate anche durante i compiti a casa, e nei periodi ludici in cui venga richiesto uno sforzo visivo prolungato.
Tutti in classe: accendiamo la luce
  • Ottica e Optometria
Altri contenuti a tema
Occhio pigro: l’arma più efficace è la prevenzione Occhio pigro: l’arma più efficace è la prevenzione Ambliopia: quando occhio e cervello elaborano in modo anomalo l'input visivo
Occhio alla schiena: assumere una postura corretta per vederci meglio Occhio alla schiena: assumere una postura corretta per vederci meglio La postura comporta la perdita di visus e la visione influenza la postura scorretta per cercare di “autocorreggersi”
Fioriscono le allergie e gli occhi lacrimano Fioriscono le allergie e gli occhi lacrimano Con l’arrivo della primavera tornano i pollini e le allergie che colpiscono una persona su due
Estate 2019: gli occhiali must have Estate 2019: gli occhiali must have In passerella i nuovi trend per l’accessorio che caratterizza il look e protegge gli occhi dai raggi UV
Perché non vedo bene con gli “occhiali da vicino”? Perché non vedo bene con gli “occhiali da vicino”? Quando insorge la presbiopia un paio di occhiali non basta più
Quando “vedere” i dieci decimi non basta più Quando “vedere” i dieci decimi non basta più Raggiungere la massima acuità visiva che l’occhio può esprimere, può aiutarci a cogliere prima i segnali di una patologia
Illusioni ottiche: com’è che si genera l’inganno Illusioni ottiche: com’è che si genera l’inganno Le illusioni ottiche riescono a trarre in inganno l’apparato visivo a “causa” del cervello
Come vedono i cani? Come vedono i cani? Cani e gatti non vedono in bianco e nero come spesso si pensa ma hanno una visione diversa dei colori
© 2001-2019 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.