Settembre: occhio ricomincia la scuola. <span>Foto Riccardo Di Pietro</span>
Settembre: occhio ricomincia la scuola. Foto Riccardo Di Pietro
Non perdiamoci di vista

Settembre: occhio ricomincia la scuola

Spesso lo scarso rendimento scolastico è influenzato da difetti visivi non corretti

Tra qualche settimana la campanella tornerà a suonare e con l'inizio della scuola bisogna prepararsi ad un altro anno scolastico impegnativo, anche per gli occhi dei vostri bambini. Oltre a preparare libri, quaderni e zainetti è importante analizzare la condizione visiva del bambino o del ragazzo che si accinge a riprendere gli studi, un sistema visivo non coretto o non bilanciato potrebbe essere concausa dei mancati risultati scolastici.

La visione, nel bambino, fornisce la maggior quantità di stimoli al cervello e svolge un ruolo primario nello sviluppo senso-motorio, nella relazione con l'ambiente che lo circonda, nella crescita sociale e culturale. Insieme allo sviluppo fisico del corpo, quindi, la visione raggiunge il suo completamento prima che il bambino si trovi a fronteggiare le richieste scolastiche, perciò l'apprendimento scolastico non può prescindere da una visione integra ed efficiente.

Fino ai 7-8 anni di vita il sistema visivo è molto flessibile, si adatta facilmente alle condizioni a cui è sottoposto, e se è presente un problema che non permette al bambino di percepire un immagine singola (uno strabismo ad esempio) o nitida (astigmatismo o miopia elevata) si possono andare a instaurare difficoltà percettive, motorie e posturali. Una postura scorretta se mantenuta per lunghi periodi, può avere effetti sulla coordinazione binoculare, affaticamento e alterazioni dell'equilibrio del sistema visivo.

In alcuni casi è il difetto visivo a portare il bambino ad assumere una postura scorretta, in altri è l'esatto contrario e questo accade proprio perché il cervello cerca di "risolvere il problema" svolgendo l'attività con il minor dispendio di energie; si potrà, inoltre, notare che il bambino non riuscirà a tenere a lungo l'attenzione e la concentrazione sull'attività svolta e molte volte questa difficoltà a concentrarsi del bambino viene confusa con le sindromi da deficit di attenzione e iperattività.

È sempre necessario sottoporre bambini e ragazzi ad almeno un esame visivo ogni anno, ma per capire se è urgente rivolgersi allo specialista, basta studiare i comportamenti del bambino a scuola e a casa: strizza gli occhi, si avvicina troppo al foglio, assume posture anomale del capo e del corpo, è lento e/o scorretto nella lettura e nella scrittura, chiede di potersi sedere vicino alla lavagna per copiare, pressione eccessiva nella scrittura, impugnatura non corretta della penna, si avvicina eccessivamente alla televisione o al computer, si rifiuta di leggere, segnala dolori agli occhi e alla testa.

Per esempio il modo in cui il bambino impugna la penna, è l'elemento che influenza direttamente la posizione della testa e del tronco. Avere un impugnatura sbagliata genera una catena di reazioni muscolari che partono dalla mano, passano per i muscoli del collo e condizioneranno anche l'inclinazione della testa. L'inclinazione della testa, se eccessiva, rischia di provocare una riduzione d'illuminazione sull'occhio opposto alla mano con cui si scrive favorendo problematiche alla visione binoculare e stimolando difetti visivi. L'impugnatura corretta è quella delle tre dita poste agli angoli immaginari di un triangolo equilatero. A questo proposito si vendono delle impugnature in gomma per permettere al bambino di imparare a tenere la giusta postura delle dita sulla penna.

Oltre a verificare la condizione refrattiva e visiva del bambino all'inizio dell'anno scolastico, è importante riuscire a creare la giusta sinergia tra genitori, docenti e specialisti al fine di effettuare una prevenzione efficace ed evitare le varie problematiche sopra elencate, che andrebbero a rallentare la crescita socio-culturale del bambino.
  • Ottica e Optometria
Altri contenuti a tema
Perché le lenti da occhiali costano tanto, ed altre troppo poco? Perché le lenti da occhiali costano tanto, ed altre troppo poco? Quando si acquista un occhiale con lenti da vista è sempre importante farsi consegnare la certificazione e le “bustine”
Visione velata e opaca: la cataratta Visione velata e opaca: la cataratta Quando il cristallino si opacizza diventando cataratta, la visione appare sbiadita, ingiallita e annebbiata
Il bambino è in grado di vedere già nel pancione? Il bambino è in grado di vedere già nel pancione? La vista dei neonati si sviluppa già durante i primi otto mesi di gestazione e durante la ventottesima settimana di gestazione il feto sarà in grado di distinguere la luce dal buio
Ottobre: mese della vista Ottobre: mese della vista La prevenzione visiva e la giornata mondiale della vista
Cheratocono: scoperta tutta italiana per fermare l’avanzamento Cheratocono: scoperta tutta italiana per fermare l’avanzamento Colpisce una persona su 500, con un’incidenza maggiore tra giovani adulti
Occhi al cielo Occhi al cielo Esprimere un desiderio e “misurare la vista” nella notte delle stelle cadenti
Ciak si gira: occhiali da film Ciak si gira: occhiali da film Gli occhiali iconici che sono diventati famosi grazie ad attori, cantanti ed artisti
Estate tempo di lenti a contatto Estate tempo di lenti a contatto Improvvisarsi portatori di lenti a contatto può essere molto rischioso: cosa fare quando si decide di iniziare a portare le Lac
© 2001-2019 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.