Perché non vedo bene con gli “occhiali da vicino”?. <span>Foto Riccardo Di Pietro</span>
Perché non vedo bene con gli “occhiali da vicino”?. Foto Riccardo Di Pietro
Non perdiamoci di vista

Perché non vedo bene con gli “occhiali da vicino”?

Quando insorge la presbiopia un paio di occhiali non basta più

Dal titolo del post di oggi si intuisce chiaramente l'argomento e se hai più di 40 anni ti sarai certamente posto questa domanda. Mi capita molto spesso, nella quotidianità del mio studio, che mi venga posta questa domanda: "Con questi occhiali ci vedo benissimo da vicino, ma se provo a guardare lontano vedo sfuocato: come mai?".

Per poter dare una risposta a questa domanda, dobbiamo ricordare alcuni argomenti che abbiamo trattato in precedenza, in cui abbiamo parlato di presbiopia (leggi anche gli articoli "A 50 anni vorrei un paio di braccia più lunghe" e "Le lenti progressive"). La presbiopia è una condizione fisiologica legata all'avanzare dell'età, insorge intorno ai 35-40 anni e comporta la diminuzione del potere di accomodazione dell'occhio, per cui, tra le altre cose, la visione difficoltosa e "annebbiata" degli oggetti vicini. Per risolvere questo problema, a livello ottico, si possono seguire diverse strade; la prima è avere due paia di occhiali monofocali, uno per la visione a distanza e uno per la lettura, oppure avere un unico occhiale con lenti progressive che ci permette la visione nitida a tutte le distanze.

Nella lente progressiva si hanno tutte le correzioni che ci servono per vedere bene da lontano, intermedio fino al vicino, applicate verticalmente sulla lente oftalmica. Nel caso in cui si scelga di avere due paia di occhiali (uno per lontano e uno per vicino) si deve essere a conoscenza del fatto che il paio di occhiali per la visione a distanza sarà funzionale solo nell'intervallo da 1m a ∞, mentre quello per la visione da vicino sarà efficiente per l'intervallo da 30 a 60cm circa. Detto questo, è chiaro il motivo per il quale indossando gli occhiali per vedere "da vicino" non si abbia una visione nitida nel momento in cui venga utilizzato per la distanza intermedia o addirittura impiegandolo per il lontano: il potere delle lenti per la correzione della presbiopia è troppo "forte" per vedere da lontano ma è giusto per conferire una visione confortevole da vicino; le lenti per la correzione del lontano sono troppo "deboli" per vederci bene da vicino. Quindi per ovviare al discomfort del dover avere diversi paia di occhiali per le diverse distanze si utilizzano gli occhiali con lenti progressive.

Ricordiamo che quando si parla di occhi e visione è sempre il caso di affidarsi a esperti e specialisti e mai fare autodiagnosi, affidarsi a soggetti non qualificati o addirittura a notizie reperite sul web.
  • Ottica e Optometria
Altri contenuti a tema
Occhiali da “lettura” premontati: fanno male? Occhiali da “lettura” premontati: fanno male? Gli occhiali “già pronti”, da utilizzare solo in caso di emergenza, possono provocare astenopia e fotofobia
Gravidanza: si vede dagli occhi Gravidanza: si vede dagli occhi Durante la gravidanza ci sono diversi cambiamenti nel fisico della donna: cosa accade agli occhi in gravidanza?
Occhio pigro: l’arma più efficace è la prevenzione Occhio pigro: l’arma più efficace è la prevenzione Ambliopia: quando occhio e cervello elaborano in modo anomalo l'input visivo
Occhio alla schiena: assumere una postura corretta per vederci meglio Occhio alla schiena: assumere una postura corretta per vederci meglio La postura comporta la perdita di visus e la visione influenza la postura scorretta per cercare di “autocorreggersi”
Fioriscono le allergie e gli occhi lacrimano Fioriscono le allergie e gli occhi lacrimano Con l’arrivo della primavera tornano i pollini e le allergie che colpiscono una persona su due
Estate 2019: gli occhiali must have Estate 2019: gli occhiali must have In passerella i nuovi trend per l’accessorio che caratterizza il look e protegge gli occhi dai raggi UV
Quando “vedere” i dieci decimi non basta più Quando “vedere” i dieci decimi non basta più Raggiungere la massima acuità visiva che l’occhio può esprimere, può aiutarci a cogliere prima i segnali di una patologia
Illusioni ottiche: com’è che si genera l’inganno Illusioni ottiche: com’è che si genera l’inganno Le illusioni ottiche riescono a trarre in inganno l’apparato visivo a “causa” del cervello
© 2001-2019 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.