Lo sport per la vista, la vista per lo sport. <span>Foto Riccardo Di Pietro</span>
Lo sport per la vista, la vista per lo sport. Foto Riccardo Di Pietro
Non perdiamoci di vista

Lo sport per la vista, la vista per lo sport

Bastano 4-5 minuti al giorno di attività fisica, per “proteggere” il nostro sistema visivo

È ormai noto, che fare esercizio fisico o un attività sportiva anche a livello amatoriale, migliora lo stato di salute muscolare e cardiovascolare, le capacità cognitive e la resistenza all'invecchiamento, riduce i livelli di stress e tensione, agisce addirittura sui processi di plasticità cerebrale, ovvero la capacità dei circuiti del cervello di adattarsi in risposta agli stimoli ambientali. Un recente studio dell'Atlanta VA Center for Visual and Neurocognitive Rehabilitation della Emory University, ha confermato che anche per quanto concerne gli occhi e il sistema visivo, svolgere almeno, oltre a tenerci in forma possono aiutare la nostra vista. Da questo studio si evince che chi si allena con continuità è più protetto dal "fotostress", che colpisce la retina, in quanto l'esercizio fisico aerobico compensa lo stress ossidativo retinico causato dalla luce. L'attività sportiva è, un fattore di protezione e come tale può ridurre il rischio o rallentare lo sviluppo di alcune patologie, come ad esempio la degenerazione maculare senile, (è una delle principali cause di cecità negli anziani), provocata dalla morte dei fotorecettori, cellule in grado di tradurre gli stimoli luminosi in impulsi elettrici.

Inoltre, svolgere un'attività sportiva all'aria aperta raddoppia i benefici: un tempo l'uomo guardava l'orizzonte, oggi il tablet. In "pochi" anni è cambiato completamente lo stile di vita dell'uomo, e gli occhi sono messi a dura prova. Il campo visivo "lungo" non esiste quasi più: si vive molto al chiuso, si lavora davanti a un computer e ci ritroviamo per ore di fronte alla tv, a un tablet o a uno smartphone. Gli occhi sono così costretti a un continuo adattamento alla visione da vicino e/o a una messa a fuoco a breve distanza. La vista alla lunga ne risente comportando stanchezza e perdita delle capacità. Non bisogna dimenticare che l'occhio umano è fisiologicamente programmato per vivere negli spazi aperti e per guardare lontano.

Tornando all'argomento principale, lo sport, possiamo dire che qualunque sport va a produrre benefici, ma sarebbe meglio evitare o limitare tutti gli sport traumatici come il pugilato o attività che comportano repentine accelerazioni o decelerazioni (ad esempio tuffi o paracadutismo), che, causando delle violente compressioni e decompressioni, provocano i cosiddetti traumi contusivi bulbari. Tali stimoli potrebbero indurre più frequentemente traumi alla superficie retinica determinando potenziali rotture e distacco di retina.

Non va dimenticato che oltre all'esercizio fisico esistono altri fattori di protezione della vista, come ad esempio uno stile di vita sano o l'alimentazione a base di sostanze antiossidanti, frutta e verdura.
  • Ottica e Optometria
Altri contenuti a tema
Occhio pigro: l’arma più efficace è la prevenzione Occhio pigro: l’arma più efficace è la prevenzione Ambliopia: quando occhio e cervello elaborano in modo anomalo l'input visivo
Occhio alla schiena: assumere una postura corretta per vederci meglio Occhio alla schiena: assumere una postura corretta per vederci meglio La postura comporta la perdita di visus e la visione influenza la postura scorretta per cercare di “autocorreggersi”
Fioriscono le allergie e gli occhi lacrimano Fioriscono le allergie e gli occhi lacrimano Con l’arrivo della primavera tornano i pollini e le allergie che colpiscono una persona su due
Estate 2019: gli occhiali must have Estate 2019: gli occhiali must have In passerella i nuovi trend per l’accessorio che caratterizza il look e protegge gli occhi dai raggi UV
Perché non vedo bene con gli “occhiali da vicino”? Perché non vedo bene con gli “occhiali da vicino”? Quando insorge la presbiopia un paio di occhiali non basta più
Quando “vedere” i dieci decimi non basta più Quando “vedere” i dieci decimi non basta più Raggiungere la massima acuità visiva che l’occhio può esprimere, può aiutarci a cogliere prima i segnali di una patologia
Illusioni ottiche: com’è che si genera l’inganno Illusioni ottiche: com’è che si genera l’inganno Le illusioni ottiche riescono a trarre in inganno l’apparato visivo a “causa” del cervello
Come vedono i cani? Come vedono i cani? Cani e gatti non vedono in bianco e nero come spesso si pensa ma hanno una visione diversa dei colori
© 2001-2019 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.