La macchina del tempo: come sono “nati” gli occhiali?. <span>Foto Riccardo Di Pietro</span>
La macchina del tempo: come sono “nati” gli occhiali?. Foto Riccardo Di Pietro
Non perdiamoci di vista

La macchina del tempo: come sono “nati” gli occhiali?

Breve sunto storico per capire l’origine di questo importantissimo ausilio per la nostra vista

Oggi grazie alle innovative tecnologie presenti nel settore medico e scientifico, riusciamo a evidenziare i sintomi e trovare in molti casi la soluzione ai nostri malesseri e patologie; quando la vista si deteriora o comincia a non essere quella di una volta, ci rivolgiamo ad uno specialista e risolviamo il problema con gli occhiali, lenti a contatto o trattamenti di vario tipo. I vizi refrattivi come miopia, ipermetropia e astigmatismo sono sempre esistiti come tutte le altre patologie che possono colpire il sistema visivo: ma cosa succedeva nell'antichità?

La storia ci insegna che Maya, Egizi, Cinesi e Greci furono delle grandi culture che realizzarono incredibili opere migliaia di anni fa, ma per quanto riguarda la vista e la sua salvaguardia, anche i più grandi studiosi si trovarono impotenti.

Un aneddoto riguarda il grande oratore Cicerone, che si lamentava di quanto fosse fastidioso per lui dover disporre di schiavi che leggessero ad alta voce i testi per lui. Il filosofo greco Tolomeo (intorno al 150 d.C.) conosceva le prime leggi della refrazione della luce, ma si dovette aspettare oltre 1000 anni dopo prima che i matematici arabi e l'astronomo Alazen fossero in grado di formulare la legge di refrazione che fu essenziale per i successivi successi in campo ottico: solo dopo il tredicesimo secolo le persone poterono migliorare davvero la loro vista con l'assistenza dei supporti visivi. Proprio i monaci italiani furono i primi che crearono le prime lenti dalla forma simile all'attuale nel 13°secoloe queste lenti funzionavano come delle lenti di ingrandimento. I laboratori vetrari di Murano a Venezia erano gli unici che avevano la capacità di fabbricare il vetro plasmandolo sino ad ottenere delle elementari lenti. Solo 200 anni più tardi furono fabbricati i primi occhiali che possono, in qualche modo, essere assimilati agli occhiali moderni: gli occhiali da mano furono sostituiti da occhiali da indossare.

Se per quanto concerne le lenti si era iniziata a percorrere la giusta strada, non fu così per la montatura che sorreggeva la coppia di lenti correttive. Il problema più grande infatti era in realtà la montatura, che tendeva a scivolare ripetutamente sul naso e in molti casi era talmente pesante che gli utenti trovavano questi occhiali piuttosto scomodi da indossare.

Intorno alla fine del 18°secolo, per cercare di ovviare a questo problema gli occhiali con una singola lente chiamati monocoli divennero molto alla moda. Il monocolo era indossato dalle signore e dai signori dell'alta società.

Strano ma vero, solo intorno al primo ventennio del '900 gli occhiali acquistarono il loro aspetto attuale e un disegno anatomicamente perfetto. Oggi, gli occhiali sono prodotti e creati in tutte le forme e materiali e le opzioni sono illimitate. Oggi gli occhiali si sono il più importante supporto visivo in tutto il mondo, e sono diventati un accessorio di moda indispensabile anche per chi non ne necessiterebbe per la correzione della visione.
Per chi volesse toccare con mano la storia dai primi occhiali ad oggi, in Italia c'è il Museo dell'occhiale, in provincia di Belluno, dove sono esposti tantissimi pezzi originali di occhialeria, la documentazione dell'evoluzione tecnologica nella produzione di occhiali e lenti.


  • Ottica e Optometria
Altri contenuti a tema
Occhio pigro: l’arma più efficace è la prevenzione Occhio pigro: l’arma più efficace è la prevenzione Ambliopia: quando occhio e cervello elaborano in modo anomalo l'input visivo
Occhio alla schiena: assumere una postura corretta per vederci meglio Occhio alla schiena: assumere una postura corretta per vederci meglio La postura comporta la perdita di visus e la visione influenza la postura scorretta per cercare di “autocorreggersi”
Fioriscono le allergie e gli occhi lacrimano Fioriscono le allergie e gli occhi lacrimano Con l’arrivo della primavera tornano i pollini e le allergie che colpiscono una persona su due
Estate 2019: gli occhiali must have Estate 2019: gli occhiali must have In passerella i nuovi trend per l’accessorio che caratterizza il look e protegge gli occhi dai raggi UV
Perché non vedo bene con gli “occhiali da vicino”? Perché non vedo bene con gli “occhiali da vicino”? Quando insorge la presbiopia un paio di occhiali non basta più
Quando “vedere” i dieci decimi non basta più Quando “vedere” i dieci decimi non basta più Raggiungere la massima acuità visiva che l’occhio può esprimere, può aiutarci a cogliere prima i segnali di una patologia
Illusioni ottiche: com’è che si genera l’inganno Illusioni ottiche: com’è che si genera l’inganno Le illusioni ottiche riescono a trarre in inganno l’apparato visivo a “causa” del cervello
Come vedono i cani? Come vedono i cani? Cani e gatti non vedono in bianco e nero come spesso si pensa ma hanno una visione diversa dei colori
© 2001-2019 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.