La donazione delle cornee per ridare la vista. <span>Foto Riccardo Di Pietro</span>
La donazione delle cornee per ridare la vista. Foto Riccardo Di Pietro
Non perdiamoci di vista

La donazione delle cornee per ridare la vista

Donare le cornee è una grande opportunità: sono estremamente limitati i casi di esclusione dalla donazione

Qualche giorno fa è stato effettuato il primo espianto di cornee "a cuore fermo" nella Asl Bat, e proprio il nostro giornale ne ha dato notizia tramite un post: a donare è stato un uomo che aveva dato il consenso alla donazione all'atto del rinnovo della carta di identità.

Donare le cornee dopo la propria morte è una grande opportunità, possibile per tutti, ed è un gesto di grande rilevanza sociale. La donazione di cornee ed il successivo trapianto permettono di curare un'altra persona con gravi problemi di vista migliorandone sostanzialmente la qualità di vita.

Prima di tutto dobbiamo far chiarezza: cosa indichiamo con la parola cornea? La cornea è un tessuto trasparente che riveste la superficie anteriore dell'occhio, è una sorta di piccola cupola che rappresenta la "barriera" esterna del bulbo oculare. In condizioni fisiologiche la cornea è trasparente, avascolare, speculare: è priva di vasi sanguigni, permette ai raggi luminosi di penetrare nell'occhio facendoli convergere sulla retina dopo essere passati attraverso il cristallino. Quando la cornea è danneggiata a causa di traumi, infezioni o malattie perde la sua trasparenza: le immagini non sono più nitide e la vista risulta ridotta o compromessa; nei casi estremi si può arrivare alla cecità, ma spesso è possibile intervenire con un trapianto di cornea totale o parziale, ripristinando così la funzione visiva.

Nella quasi totalità dei casi anche i soggetti deceduti a causa di patologie tumorali possono donare, questa causa di decesso non è un criterio di esclusione perché non è possibile la trasmissione della malattia attraverso la cornea, dato che è un tessuto privo di irrorazione sanguigna. Una volta confermata la possibilità di procedere con la donazione, il Coordinamento Ospedaliero Trapianti contatta Fondazione Banca degli Occhi la quale invia un medico specializzato nel prelievo di cornee. Il prelievo delle cornee non lascia tracce visibili sul donatore. Dopo il prelievo, le cornee donate vengono inviate a Fondazione Banca degli Occhi, dove sono valutate e selezionate da personale specializzato. Se idonee, vengono inviate ai centri di trapianto. L'assegnazione avviene sulla base di criteri di distribuzione che tengono conto della gravità della patologia e delle richieste ricevute dalle strutture ospedaliere. Le cornee, in quanto tessuti, possono essere prelevate una volta accertato il decesso con l'esecuzione di un elettrocardiogramma piatto per almeno 20 minuti, che attesta la morte celebrale. Il prelievo deve essere eseguito al più presto, entro le 24 ore.

Essere donatori significa acconsentire al fatto che, dopo la morte, alcuni organi e tessuti vengano prelevati al fine di essere trapiantati ad ammalati gravi che ne hanno necessità, per migliorare o salvare la loro vita. La donazione è sempre gratuita e anonima.
  • Ottica e Optometria
Altri contenuti a tema
Cioccolato: la cura per gli occhi Cioccolato: la cura per gli occhi Il cioccolato fornisce vitamina A, importante per la prevenzione della degenerazione maculare
Ottobre: guarda che è importante Ottobre: guarda che è importante Fare prevenzione visiva con un esame o uno screening all’anno può salvare i nostri occhi
Cattive abitudini: “stropicciarsi” gli occhi Cattive abitudini: “stropicciarsi” gli occhi Sfregare gli occhi quando siamo stanchi ci dà immediato sollievo, ma se ripetuto può comportare gravi patologie
Gli occhiali da “lettura” cosa cambia tra i premontati e quelli su misura? Gli occhiali da “lettura” cosa cambia tra i premontati e quelli su misura? Gli occhiali “già pronti” possono provocare astenopia e fotofobia andrebbero utilizzati solo in caso di emergenza
Vedo le stelle Vedo le stelle San Lorenzo: una notte per guardare il cielo e “misurare” la vista
Lenti a contatto in estate Lenti a contatto in estate Cosa fare quando si decide di iniziare a portare le Lac? Le possono indossare tutti?
Armocromia: forme e colori per i nostri occhi Armocromia: forme e colori per i nostri occhi Gli occhiali non sono più solo un ausilio visivo ma un accessorio: l’armocromia ci aiuta a sentirci più confident
Estate: il vento, il sole e gli occhi rossi Estate: il vento, il sole e gli occhi rossi Iperemia bulbare: i raggi ultravioletti del sole possono causare cheratite attinica o congiuntivite
© 2001-2020 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.