Non perdiamoci di vista (Foto Riccardo Di Pietro)
Non perdiamoci di vista (Foto Riccardo Di Pietro)
Non perdiamoci di vista

Il glaucoma: la patologia che “ruba” la vista

Cos’è e come si sviluppa questa malattia che può portare alla cecità

Oggi parleremo di glaucoma, una patologia oculare molto importante e grave che se non viene diagnosticata e trattata in tempo porta alla cecità. Secondo l'OMS - Organizzazione mondiale della sanità – è la seconda causa di cecità irreversibile a livello planetario e più di 55 milioni di persone nel mondo ne sono affette; in Italia si stima che colpisca circa un milione di persone, ma la metà di esse non ne sarebbero a conoscenza perché non effettuano controlli visivi costanti.

Il glaucoma è caratterizzato da un aumento della pressione all'interno dell'occhio, e la possibilità di riscontrare il glaucoma sale nei soggetti over 45 anni, soggetti con casi di glaucoma in famiglia, soggetti con la pressione oculare alta (normalmente varia da 8 a 21 millimetri di mercurio, se aumenta troppo, danneggia le fibre del nervo ottico che trasmette le immagini al cervello), soggetti diabetici, miopi elevati, soggetti che usano cortisone o hanno subito traumi oculari.

Negli stadi iniziali il glaucoma non dà sintomi e la visione non ne risente, ma quando il soggetto affetto da glaucoma si accorge di avere un campo visivo ristretto, il nervo ottico è già stato danneggiato in modo irreversibile e la visione periferica è perduta. La diagnosi è quindi complessa e gli esami da svolgere a seconda del quadro clinico sono: tonometria, pachimetria, OCT, HRT e l'esame del campo visivo.

A seconda dell'anamnesi e del quadro clinico, ci sono trattamenti che limitano la progressione del glaucoma tramite la riduzione della pressione oculare, dato che ad oggi non c'è una vera e propria cura. Nel caso in cui le terapie farmacologiche non siano in grado di ridurre i valori della pressione oculare si ricorre al laser.

Oltre a controlli visivi costanti e cadenzati, lo stile di vita sano contribuisce a ridurre il rischio di glaucoma; quindi regolare esercizio fisico, una dieta ricca di vitamine A, C, E, zinco, luteina e cromo e anche mediante la protezione data dalle lenti con filtri che bloccano il passaggio della luce blu.
GlaucomaGlaucoma
  • Ottica e Optometria
Altri contenuti a tema
Come vedono i cani? Come vedono i cani? Cani e gatti non vedono in bianco e nero come spesso si pensa ma hanno una visione diversa dei colori
Teniamo d’occhio i festeggiamenti Teniamo d’occhio i festeggiamenti Tra Natale e Capodanno i traumi oculari si triplicano, tappi e fuochi d’artificio le cause principali
Santa Lucia: tra tradizione e prevenzione Santa Lucia: tra tradizione e prevenzione Oggi 13 dicembre si festeggia la Santa Patrona dei professionisti della visione e protettrice della vista
Cosa sono i residui intorno agli occhi? Cosa sono i residui intorno agli occhi? Svegliarsi con gli occhi “incollati”: secrezione oculare, quando preoccuparsi
Le lenti a contatto fanno male? Perché vedo le “mosche volanti”? Le lenti a contatto fanno male? Perché vedo le “mosche volanti”? Rispondiamo ad alcune delle domande più frequenti sugli occhi
Come vedono i daltonici? Come vedono i daltonici? Una persona su 20 soffre di daltonismo: Pink Floyd, Newton e Dalton per capire cosa è
Lo sport per la vista, la vista per lo sport Lo sport per la vista, la vista per lo sport Bastano 4-5 minuti al giorno di attività fisica, per “proteggere” il nostro sistema visivo
Bambini: quando si fa il primo controllo della vista? Bambini: quando si fa il primo controllo della vista? Ottobre il mese della vista: la prevenzione inizia dai primi giorni di vita
© 2001-2019 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.