Non perdiamoci di vista (Foto Riccardo Di Pietro)
Non perdiamoci di vista (Foto Riccardo Di Pietro)
Non perdiamoci di vista

Il cheratocono: una patologia oculare sempre più diffusa

Scoprire che cos’è il cheratocono per salvare la visione

Negli ultimi tempi capita sempre più spesso sentir parlare di cheratocono; il cheratocono è una patologia oculare, che colpisce la cornea (la cornea è la membrana trasparente che costituisce la porzione anteriore della tonaca fibrosa del bulbo oculare) procurandone uno sfiancamento e quindi una protuberanza, dal termine greco "keratokonus" che significa "cornea conica", è un'affezione degenerativa che provoca gradualmente l'assottigliamento dell'apice corneale. Il cheratocono colpisce una persona su 2000; la patologia è più frequente (fino a due volte) nel sesso femminile e si presenta generalmente tra i 15 e i 45 anni quando blocca o rallenta il decorso; è generalmente bilaterale e raramente colpisce solo un occhio.

Dopo tanti anni di ricerche scientifiche, le cause che implicano l'insorgenza di questa patologia, rimangono ancora sconosciute e continuano ad essere oggetto di studio; esiste una correlazione tra fattori genetici e l'insorgenza di questa patologia, esistono forme ereditarie di tipo familiare trasmissibili come carattere dominante nel 10% dei pazienti, e anche se la tesi della familiarità non è stata del tutto confermata, è sicuramente importante e utile fare dei screening e controlli preventivi in presenza di casi in famiglia.

Il cheratocono colpisce circa 30 000 italiani ogni anno e ultimamente, è più facile sentir parlare di cheratocono non perché i casi siano aumentati esponenzialmente, ma perché grazie al progresso scientifico e tecnologico, gli strumenti atti ad analizzare una patologia di questo genere, si trovano sia a livello ospedaliero che ambulatoriale ed è quindi più facile diagnosticare tale patologia e trattarla. Le tecniche per riconoscere un cheratocono sono svariate, ma la diagnosi viene confermata dalla esecuzione di una topografia corneale e di una pachimetria corneale o di una tomografia corneale.

I soggetti affetti da questa patologia, in base allo stadio e al grado di intensità, non sempre accusano fin da subito sintomi che riconducano alla presenza del cheratocono; si evidenzia la visione periferica non definita e talvolta sfocata, paragonabile all'effetto causato dagli errori refrattivi più comuni, in realtà diventerà poi un astigmatismo irregolare con aberrazioni che si traducono in immagini sfuocate e distorte. La diagnosi può essere intuita durante screening di base se vengono evidenziati miopia e/o astigmatismi insorti improvvisamente. Questa patologia può provocare episodi di distorsione della visione ed è spesso accompagnata da una maggiore sensibilità alla luce di forte intensità e occasionalmente si può avvertire secchezza oculare e/o prurito. La deformazione della cornea e cicatrici corneali che si verificano nei punti elevati di deformazione sono evidenziabili solo con specifici esami. Il cheratocono comporta solitamente una diminuzione della visione in ambienti bui o di notte, dato che in condizioni di scarsa illuminazione la pupilla si dilata, per lasciare passare una maggiore quantità di luce, ed espone la retina alla porzione di cornea affetta dal cheratocono.

La patologia è caratterizzata da una deformazione e da un assottigliamento corneale con sviluppo progressivo di astigmatismo irregolare; negli stadi iniziali è correggibile con occhiali e lenti oftalmiche e/o lenti a contatto morbide, man mano che progredisce è possibile anche utilizzare lenti a contatto rigide gas permeabili (RGP) per correggere l'acuità visiva, andando in parte a contrastare la modifica della forma della cornea. Negli stadi più avanzati si interviene chirurgicamente (impianto di anelli intrastromali, cross-linking del collagene corneale, cheratoplastica lamellare) e solo in casi borderline si procede con la cheratoplastica (trapianto di cornea), che al giorno d'oggi è un intervento chirurgico comune, sicuro ed efficace, tuttavia i pazienti necessitano spesso di qualche forma di correzione visiva standard.
Non perdiamoci di vistaNon perdiamoci di vistaNon perdiamoci di vistaNon perdiamoci di vista
  • Ottica e Optometria
Altri contenuti a tema
Come vedono i cani? Come vedono i cani? Cani e gatti non vedono in bianco e nero come spesso si pensa ma hanno una visione diversa dei colori
Teniamo d’occhio i festeggiamenti Teniamo d’occhio i festeggiamenti Tra Natale e Capodanno i traumi oculari si triplicano, tappi e fuochi d’artificio le cause principali
Santa Lucia: tra tradizione e prevenzione Santa Lucia: tra tradizione e prevenzione Oggi 13 dicembre si festeggia la Santa Patrona dei professionisti della visione e protettrice della vista
Cosa sono i residui intorno agli occhi? Cosa sono i residui intorno agli occhi? Svegliarsi con gli occhi “incollati”: secrezione oculare, quando preoccuparsi
Le lenti a contatto fanno male? Perché vedo le “mosche volanti”? Le lenti a contatto fanno male? Perché vedo le “mosche volanti”? Rispondiamo ad alcune delle domande più frequenti sugli occhi
Come vedono i daltonici? Come vedono i daltonici? Una persona su 20 soffre di daltonismo: Pink Floyd, Newton e Dalton per capire cosa è
Lo sport per la vista, la vista per lo sport Lo sport per la vista, la vista per lo sport Bastano 4-5 minuti al giorno di attività fisica, per “proteggere” il nostro sistema visivo
Bambini: quando si fa il primo controllo della vista? Bambini: quando si fa il primo controllo della vista? Ottobre il mese della vista: la prevenzione inizia dai primi giorni di vita
© 2001-2019 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.