Il bambino è in grado di vedere già nel pancione?. <span>Foto Riccardo Di Pietro</span>
Il bambino è in grado di vedere già nel pancione?. Foto Riccardo Di Pietro
Non perdiamoci di vista

Il bambino è in grado di vedere già nel pancione?

La vista dei neonati si sviluppa già durante i primi otto mesi di gestazione e durante la ventottesima settimana di gestazione il feto sarà in grado di distinguere la luce dal buio

Molto spesso ci chiediamo cosa e come si vede da bambini o addirittura nei primi giorni di vita; macchie sfuocate, chiazze di luce, una confusione grigiastra di colori in cui spicca il rosso: questo è ciò che vede un bambino quando apre per la prima volta gli occhi.

La vista del neonato si sviluppa nel corso dei primi otto mesi di vita. Gli occhi si formano molto presto durante la gravidanza, ma dall'inizio del secondo mese fino al settimo mese sono protetti dalle palpebre ben chiuse. A partire dalla ventottesima settimana di gestazione, il feto apre gli occhi e comincia a distinguere la luce dal buio. Quando la luce passa attraverso la parete addominale, viene percepita dal bambino come una tinta rossastra o viola.

Dopo la nascita, il neonato percepisce vagamente il mondo, vede da subito, ma in modo non ben definito. A differenza di quanto si pensava fino a non molti anni fa, e cioè che un bambino appena nato vedesse solo in bianco e nero, gli esperimenti più recenti hanno mostrato che ha la percezione, seppure limitata, di alcuni colori. Subito dopo la nascita, il piccolo impara ad esercitare i muscoli oculari per fissare quello che gli interessa, segue anche gli oggetti in movimento con gli occhi (il viso e le espressioni della mamma o i giochini sospesi sulla culla).

Nelle prime settimane di vita la vista non è ancora del tutto formata. Il neonato è miope, non riesce a vedere oltre la distanza di 30 cm, quindi riesce a vedere chiaramente quello che è a 20-25 cm di distanza dal suo viso, pian piano, con il passare dei giorni, migliora. L'acuità visiva nei primi giorni di vita è solo del 5% rispetto a quella di un adulto, vale a dire che tutto gli appare molto sfocato e che solo a distanza prossimale può riconoscere un volto.

Già a due mesi, un bambino è in grado di discriminare il rosso dal verde; a 3-4 mesi riconosce il blu e il giallo, purché siano di tonalità intensa; a sei mesi, poi, la visione dei colori e l'acuità visiva sono paragonabili a quelle di un adulto. La visione binoculare si sviluppa dalla nona settimana di vita: le informazioni fornite da entrambi gli occhi si fondono in una sola immagine e quindi il bambino può ora vedere anche oggetti fino ad otto metri di distanza. Da sei mesi in su la percezione della profondità è ancora più definita, il piccolo, infatti, dimostra sempre più interesse per ciò che lo circonda e cerca di interagire con ciò che vede. Dopodiché si è sviluppato anche il coordinamento tra i due occhi, che consente la visione stereoscopica e la percezione della profondità, anche se il sistema continua a migliorare, probabilmente fino ai dieci anni di età.
  • Ottica e Optometria
Altri contenuti a tema
Ottobre: guarda che è importante Ottobre: guarda che è importante Fare prevenzione visiva con un esame o uno screening all’anno può salvare i nostri occhi
Cattive abitudini: “stropicciarsi” gli occhi Cattive abitudini: “stropicciarsi” gli occhi Sfregare gli occhi quando siamo stanchi ci dà immediato sollievo, ma se ripetuto può comportare gravi patologie
Gli occhiali da “lettura” cosa cambia tra i premontati e quelli su misura? Gli occhiali da “lettura” cosa cambia tra i premontati e quelli su misura? Gli occhiali “già pronti” possono provocare astenopia e fotofobia andrebbero utilizzati solo in caso di emergenza
Vedo le stelle Vedo le stelle San Lorenzo: una notte per guardare il cielo e “misurare” la vista
Lenti a contatto in estate Lenti a contatto in estate Cosa fare quando si decide di iniziare a portare le Lac? Le possono indossare tutti?
Armocromia: forme e colori per i nostri occhi Armocromia: forme e colori per i nostri occhi Gli occhiali non sono più solo un ausilio visivo ma un accessorio: l’armocromia ci aiuta a sentirci più confident
Estate: il vento, il sole e gli occhi rossi Estate: il vento, il sole e gli occhi rossi Iperemia bulbare: i raggi ultravioletti del sole possono causare cheratite attinica o congiuntivite
Gravi i danni provocati dal sole e dagli occhiali contraffatti Gravi i danni provocati dal sole e dagli occhiali contraffatti Guardare direttamente il sole senza protezione o esporsi con lenti da sole non a norma causano gravi e talvolta irrimediabili danni e patologie oculari
© 2001-2020 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.