Fioriscono le allergie e gli occhi lacrimano. <span>Foto Riccardo Di Pietro</span>
Fioriscono le allergie e gli occhi lacrimano. Foto Riccardo Di Pietro
Non perdiamoci di vista

Fioriscono le allergie e gli occhi lacrimano

Con l’arrivo della primavera tornano i pollini e le allergie che colpiscono una persona su due

Da una settimana è arrivata ufficialmente la primavera, e con se ha portato giorni di sole e altri di pioggia, l'incerto passaggio dal freddo al caldo, le giornate che si allungano, la fioritura che avanza… Ma questa stagione di rinascita è anche causa di un fenomeno molto fastidioso: le allergie da pollini.

In Italia si sta assistendo a un progressivo aumento delle allergie, con una prevalenza di rinite allergica nei giovani adulti (che può essere associata a congiuntivite) di circa il 25% e di approssimativamente il 9% nei bambini in età scolare; tra coloro che già manifestano una sensibilità ad allergeni, i disturbi oculari si stima che siano presenti in circa un caso su due.

Inoltre, a parere di alcuni studi, ci sarebbe un'importante correlazione tra l'aumento delle allergie e la crescita dei livelli di inquinamento; quest'ultimo, infatti, sembrerebbe avere la capacità di potenziare l'azione irritante dei normali allergeni.

Nella maggior parte dei casi l'esposizione ai pollini o agli acari della polvere è il fattore scatenante della congiuntivite allergica; la migliore forma di prevenzione contro l'allergia consiste nell'evitare il contatto con la sostanza allergenica. Per quanto riguarda i pollini si consiglia pertanto – soprattutto durante la stagione primaverile – di evitare zone come parchi e campagna. Quando si è in casa è opportuno chiudere le finestre e cambiare più spesso i filtri dell'aria dei sistemi di condizionamento. Per contrastare l'azione dannosa degli acari della polvere, bisogna evitare in ambiente domestico l'uso di materiali d'arredamento che possano favorirne l'accumulo (tendaggi, cuscini non anallergici, tappeti).

Le donne e chi fa uso di make-up, inoltre, possono sviluppare una congiuntivite allergica a seguito dell'utilizzo di creme per il viso e/o per il contorno occhi o di particolari cosmetici. In tal caso è bene interrompere immediatamente l'utilizzo del prodotto sospetto e rivolgersi al medico.

Le allergie oculari sono fenomeni patologici che si manifestano a carico dell'apparato visivo (in persone che generalmente hanno già un'allergia di base). Si tratta di individui che hanno un sistema immunitario che reagisce eccessivamente agli allergeni esterni, con conseguente sviluppo di una serie di fastidi che possono coinvolgere le vie respiratorie (rinite, asma), la cute (orticaria, dermatite, eczema) e/o, per l'appunto, gli occhi (congiuntivite allergica, blefarite). La reazione allergica è quindi una risposta complessa dell'organismo determinata dall'interazione di diversi fattori: interni (genetici, immunitari) ed esterni (ambientali).

Normalmente chi soffre di allergia oculare presenta sintomi molto fastidiosi, ma che di solito non causano danni agli occhi, come: prurito oculare, lacrimazione eccessiva o secchezza, gonfiore palpebrale, arrossamento oculare, marcata sensibilità alla luce (fotofobia), negli stati infiammatori più gravi si può avere una visione sfuocata.

L'optometrista riesce a rilevare e valutare tramite l'esame biomicroscopico, effettuato mediante lampada a fessura, i segni della congiuntivite allergica. Il soggetto affetto da allergia oculare presenta iperemia congiuntivale (congiuntiva arrossata), lieve secrezione mucosa, papille tarsali (piccoli rilievi interni alla palpebra), rigonfiamento palpebrale (edema), che possono essere più o meno marcati.

Le allergie oculari sono trattabili di solito solo nella fase acuta, anche se purtroppo di solito tendono a ripresentarsi periodicamente, diventando una condizione cronica: in questo caso non c'è una cura risolutiva. In base alla gravità dei sintomi si può però ricorrere all'utilizzo di colliri ad azione antistaminica, decongestionanti, a stabilizzatori dei mastociti, antinfiammatori e steroidi oppure si possono assumere gli antistaminici per via orale.
  • Ottica e Optometria
Altri contenuti a tema
Donare occhiali usati: un gesto di altruismo Donare occhiali usati: un gesto di altruismo Domenica 22 dicembre, una grande festa per la raccolta straordinaria di occhiali usati
Google sostituisce l’esame visivo? Google sostituisce l’esame visivo? Ricercare i sintomi del proprio malessere sul web viene prima del consulto medico, vale anche per la vista
Perché le lenti da occhiali costano tanto, ed altre troppo poco? Perché le lenti da occhiali costano tanto, ed altre troppo poco? Quando si acquista un occhiale con lenti da vista è sempre importante farsi consegnare la certificazione e le “bustine”
Visione velata e opaca: la cataratta Visione velata e opaca: la cataratta Quando il cristallino si opacizza diventando cataratta, la visione appare sbiadita, ingiallita e annebbiata
Il bambino è in grado di vedere già nel pancione? Il bambino è in grado di vedere già nel pancione? La vista dei neonati si sviluppa già durante i primi otto mesi di gestazione e durante la ventottesima settimana di gestazione il feto sarà in grado di distinguere la luce dal buio
Ottobre: mese della vista Ottobre: mese della vista La prevenzione visiva e la giornata mondiale della vista
Cheratocono: scoperta tutta italiana per fermare l’avanzamento Cheratocono: scoperta tutta italiana per fermare l’avanzamento Colpisce una persona su 500, con un’incidenza maggiore tra giovani adulti
Settembre: occhio ricomincia la scuola Settembre: occhio ricomincia la scuola Spesso lo scarso rendimento scolastico è influenzato da difetti visivi non corretti
© 2001-2019 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.