A cosa servono le ciglia?. <span>Foto Riccardo Di Pietro</span>
A cosa servono le ciglia?. Foto Riccardo Di Pietro
Non perdiamoci di vista

A cosa servono le ciglia?

La barriera dei nostri occhi

Come ben sappiamo, ciglia sono i peli che crescono sul margine delle palpebre e servono a proteggere gli occhi dalle impurità e dai corpi estranei: essendo sensibili al tocco portano le palpebre a chiudersi per riflesso, quando un oggetto si avvicina all'occhio.

Ma c'è di più: un gruppo di ricerca del Georgia Institute of Technology, guidato da David Hu, ha studiato l'occhio umano per comprendere meglio il funzionamento delle ciglia e soprattutto capire a che cosa servono realmente. Lo studio condotto ha preso in considerazione alcune ricerche realizzate in passato, secondo cui le persone sprovviste di ciglia (alcuni nascono senza, altri per patologie) soffrono di infezioni agli occhi più frequentemente rispetto alla media.

L'osservazione e lo studio delle ciglia di 22 specie di mammiferi ha portato a capire in che modo le ciglia evitano che gli occhi si "asciughino" e quante particelle di polvere si sedimentano sulla superficie della cornea, la membrana trasparente esterna dell'occhio, a seconda delle dimensioni delle ciglia. David Hu ha ipotizzato, studiato e confermato che le ciglia, oltre a tenere alla larga dai bulbi oculari la polvere ed eventuali corpi estranei potenzialmente pericolosi, cambino il flusso d'aria nelle loro vicinanze, in modo da creare "turbolenze" che fermano la polvere e altre sostanze irritanti, contribuendo intanto a preservare l'umidità e la stabilità del film lacrimale (vedi l'ultimo articolo sulle lacrime) sulla superficie dell'occhio. Si è inoltre concluso che l'evoluzione ha portato alla misura ideale delle ciglia per farle funzionare al meglio.

Anche le ciglia possono essere colpite da patologie; le più frequenti sono entropion e ectropion, che in realtà colpiscono il lembo più esterno delle palpebre dove le ciglia sono posizionate. Nell'entropion le palpebre si rivoltano verso l'interno: le ciglia, in questa condizione, si vengono a trovare a contatto col bulbo oculare e lo graffiano; le lesioni della cornea si possono spesso trasformare in ulcere.

Nell'ectropion invece la palpebra cede sporgendo verso l'esterno. Tale affezione può riguardare entrambe le palpebre (superiore ed inferiore), ma quella inferiore è maggiormente colpita. In base agli stadi si hanno diverse conseguenze sia sulla cornea, film lacrimale, cute circostante e congiuntiva passando alla lacrimazione continua.
  • Ottica e Optometria
Altri contenuti a tema
Donare occhiali usati: un gesto di altruismo Donare occhiali usati: un gesto di altruismo Domenica 22 dicembre, una grande festa per la raccolta straordinaria di occhiali usati
Google sostituisce l’esame visivo? Google sostituisce l’esame visivo? Ricercare i sintomi del proprio malessere sul web viene prima del consulto medico, vale anche per la vista
Perché le lenti da occhiali costano tanto, ed altre troppo poco? Perché le lenti da occhiali costano tanto, ed altre troppo poco? Quando si acquista un occhiale con lenti da vista è sempre importante farsi consegnare la certificazione e le “bustine”
Visione velata e opaca: la cataratta Visione velata e opaca: la cataratta Quando il cristallino si opacizza diventando cataratta, la visione appare sbiadita, ingiallita e annebbiata
Il bambino è in grado di vedere già nel pancione? Il bambino è in grado di vedere già nel pancione? La vista dei neonati si sviluppa già durante i primi otto mesi di gestazione e durante la ventottesima settimana di gestazione il feto sarà in grado di distinguere la luce dal buio
Ottobre: mese della vista Ottobre: mese della vista La prevenzione visiva e la giornata mondiale della vista
Cheratocono: scoperta tutta italiana per fermare l’avanzamento Cheratocono: scoperta tutta italiana per fermare l’avanzamento Colpisce una persona su 500, con un’incidenza maggiore tra giovani adulti
Settembre: occhio ricomincia la scuola Settembre: occhio ricomincia la scuola Spesso lo scarso rendimento scolastico è influenzato da difetti visivi non corretti
© 2001-2019 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.