Seminario vescovile
Seminario vescovile
Commento

Vandalismo ed inciviltà ad Andria: "Largo Seminario è terra di nessuno?"

Riflessioni del Rettore del Seminario, don Sabino Mennuni dopo gli ultimi atti di vandalismo nei confronti del Seminario e della Biblioteca

Anno nuovo, vita vecchia! Purtroppo per quel che riguarda la situazione di Largo Seminario, la proverbiale espressione "anno nuovo, vita nuova" non si addice, visto l'ennesimo episodio di vandalismo al quale siamo andati incontro.
Questa mattina, 4 gennaio, mi sono apprestato con guanti, scopa e paletta a ripulire nel migliore dei modi l'ingresso della Chiesa del Carmine e del Seminario, visto che da giorni Largo Seminario, che è una strada comunale, non viene ripulita. Un gesto da parte mia di rispetto del luogo ma soprattutto delle persone che frequentano la chiesa per le celebrazioni e per l'utenza della Biblioteca diocesana che ha il suo ingresso qualche metro più in là.
Nel mentre ripulivamo io e una bibliotecaria gli spazi suddetti, abbiamo dovuto ricevere da parte di un gruppo di ragazzini insulti e bestemmie irripetibili, oltre ad essere ostacolati in quello che stavamo facendo. Il meglio o il peggio doveva ancora arrivare però: dopo solo pochi minuti dalla conclusione della pulizia ci ritroviamo il portone nuovamente sporco di ogni rifiuto e bagnato anche da urina, quasi a "vendicare" da parte loro il nostro gesto di civiltà.

Purtroppo questo è solo l'ultimo degli innumerevoli atti di vandalismo e di inciviltà ai quali assistiamo e che suscitano una serie di riflessioni.
Largo Seminario è terra di nessuno? Perché siamo costretti ad assistere a una continua deturpazione di un angolo bellissimo della città di Andria impreziosito negli ultimi mesi anche dall'illuminazione del campanile della chiesa del Carmine? Perché questa strada deve essere sempre piena di rifiuti che rimangono lì per giorni? Perché gli utenti della Biblioteca diocesana devono attraversare tutta questa bruttezza?
I comportamenti incivili dei gruppi di ragazzini che abitualmente frequentano quello spazio poi suscitano ulteriori riflessioni e domande perché siamo dinanzi ad una vera e propria emergenza educativa. Perché gli operatori della Biblioteca devono temere per la loro incolumità? Perché il Seminario deve rinunciare a un suo ingresso perché troppo pericoloso per far passare i seminaristi? Tante volte ci viene detto di denunciare alle forze dell'ordine, e le denunce in questi anni sono state fatte corredate anche dai filmati delle telecamere di videosorveglianza che hanno ripreso, tra gli altri, una serie di episodi che hanno procurato danni ingenti anche dal punto di vista economico.
Denunce e telecamere, eventualmente anche da aumentare nel numero, potranno risolvere il problema? Sono sicuro di no, forse lo sposterebbe solo qualche metro più in là. Quello che avviene sotto i nostri occhi è un appello al nostro essere cittadini e al ruolo educativo che ciascuno di noi in maniera diversa riveste. Gli atti vandalici su Largo Seminario sono sicuramente un richiamo per le istituzioni, ma tutti noi in quanto cittadini dobbiamo essere toccati, ciascuno deve domandarsi qual è la propria responsabilità. Don Lorenzo Milani educava i suoi ragazzi nella scuola di Barbiana alla logica dell' I CARE (mi interessa, mi sta a cuore) nei confronti della società. E a noi, sta a cuore lo spazio pubblico? Sentiamo che abbiamo una responsabilità collettiva? Sono domande che mi pongo costantemente e alle quali non ho una risposta, forse perché la risposta può essere figlia solo di una presa di coscienza collettiva. Sicuramente la tenacia dell'opera culturale della Biblioteca diocesana è un segno di civiltà e di cura educativa, ma tutti, istituzioni e semplici cittadini, dovremmo chiederci cosa possiamo fare per servire la nostra Città.
  • Comune di Andria
  • biblioteca diocesana
  • Diocesi di Andria
  • seminario vescovile
Altri contenuti a tema
Consiglio Comunale convocato per  mercoledì 29 maggio alle ore 16 Consiglio Comunale convocato per  mercoledì 29 maggio alle ore 16 Diversi i temi da discutere oltre ad interpellanze ed interrogazioni
Andria, processo usura ed estorsioni: udienza rinviata al 14 giugno Andria, processo usura ed estorsioni: udienza rinviata al 14 giugno Attualmente cinque imputati sono detenuti in carcere ed un avvocato è agli arresti domiciliari
Il Tempo dei Piccoli: torna la festa dell’infanzia guidata dai Maestri Ribelli. Andria tra le città protagoniste Il Tempo dei Piccoli: torna la festa dell’infanzia guidata dai Maestri Ribelli. Andria tra le città protagoniste Dal 29 maggio al 23 giugno. In allegato il programma completo
Torna ad Andria anche quest’anno, dal 7 al 16 giugno 2024, il Festival della Disperazione Torna ad Andria anche quest’anno, dal 7 al 16 giugno 2024, il Festival della Disperazione Crisi climatica e futuri possibili: temi green al centro dell'VIII edizione
Aggredito in casa dal suo Pitbull, sul balcone per ripararsi viene soccorso dai vigili del fuoco Aggredito in casa dal suo Pitbull, sul balcone per ripararsi viene soccorso dai vigili del fuoco È accaduto nel pomeriggio in un'abitazione nel quartiere di Santa Maria Vetere
Centrosinistra Comune di Andria: "Le menzogne delle opposizioni sui finanziamenti degli asili nido" Centrosinistra Comune di Andria: "Le menzogne delle opposizioni sui finanziamenti degli asili nido" La nota dei capigruppo di maggioranza, PD, Andria Bene in Comune, AndriaLab3 e di Futura
Allerta meteo gialla per piogge dalle ore 8 del 25 maggio Allerta meteo gialla per piogge dalle ore 8 del 25 maggio Nuovo avviso della Sezione Protezione Civile della Regione Puglia
Individuato il ladro che aveva rubato una borsa ad una donna durante una manifestazione Individuato il ladro che aveva rubato una borsa ad una donna durante una manifestazione Grazie alle indagini della Polizia Locale. I fatti risalgono al mese di aprile e maggio 2024
© 2001-2024 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.