rappresentanti delle Organizzazioni agricole pugliesi
rappresentanti delle Organizzazioni agricole pugliesi
Territorio

Sicurezza nelle campagne: sale la preoccupazione degli agricoltori pugliesi

Non solo episodi delinquenziali e le agromafie, adesso anche le difficoltà economiche del post covid 19

Non c'è pace tra gli ulivi, specie dopo l'emergenza covid 19. Una situazione, quella relativa all'ordine pubblico e della sicurezza nelle campagne pugliesi, che sta preoccupando sempre più il mondo produttivo della regione, come rappresentato nei giorni scorsi dai vari responsabili delle organizzazioni del settore nelle sedi istituzionali deputate.

Per Onofrio Spagnoletti Zeuli, presidente onorario di Confagricoltura Puglia, si tratta di un problema grave, ancora non valutato per le sue rilevanze sociali, non più solo economiche. Campagne in preda a bande di predoni, produzioni nel mirino delle agromafie ed ora con la drammatica crisi causata dal covid 19, il malessere dell'agricoltura pugliese sta assumendo connotazioni sociali: la mancanza di lavoro nelle campagne, il fermo produttivo, gli attesi sovvenzionamenti non ancora giunti sia per i produttori che per i lavoratori, stanno creando tensione e non di poco conto. Le banche, a fronte degli impegni presi con il governo, mentre danno sostegno all'industria del nord, qui nel nostro meridione continuano a creare spasmodiche attese, ferraginosa burocrazia per l'elargizione di brevi mutui e ridotto credito alle imprese. I raccolti delle ultime annate hanno negativamente patito le persistenti gelate e le inusuali elevate temperature nel periodo primaverile. A questo calo della produzione si sono aggiunte le temerarie razzie nelle campagne, con i taglieggiamenti da parte del racket che specula su questa situazione, anche per accaparrarsi buone aziende agricole, messe in vendita per poche decine di migliaia di euro. Se poi a questa situazione si aggiungono pericolose situazioni locali, come il caso di Andria, dove un Consorzio autonomo delle Guardie campestri, con la crisi che sta attraversando, economica ed occupazionale, non riesce ormai a garantire quella sufficiente vigilanza nel vasto agro comunale, il dato è purtroppo tratto.

E' purtroppo notorio che sempre più dai mercati ai supermercati, dall'agricoltura all'allevamento, il volume d'affari delle agromafie cresce con attività che riguardano l'intera filiera agroalimentare, con un danno nei campi che ammonta a 300 milioni di euro. La denuncia è stata così portata all'esame delle Autorità di Pubblica Sicurezza, anche da parte di Coldiretti Puglia, alla presenza dei vertici politico-istituzionali e della magistratura regionale.
"L'agroalimentare è divenuto una delle aree prioritarie di investimento della malavita - ribadisce Savino Muraglia, presidente di Coldiretti Puglia- che ne comprende la strategicità in tempo di crisi perché consente di infiltrarsi in modo capillare nella società civile e condizionare la via quotidiana della persone. Masserie, pozzi e strutture letteralmente depredate, chilometri e chilometri di fili di rame, letteralmente volatilizzati lasciano le imprese senza energia elettrica e possibilità di proseguire nelle quotidiane attività imprenditoriali, furti di prodotti in campo e delle piantine resistenti a Xylella appena messe a dimora, taglio di ceppi di uva da vino Primitivo, di uva da tavola e tiranti di tendoni, sabotaggi di cantine, taglio e furti di ulivi secolari, sono solo alcuni degli atti criminosi a danno degli agricoltori. La criminalità organizzata e la mafia, approfittando della crisi economica, penetrano in modo massiccio e capillare nell'economia legale ricattando con l'usura o acquisendo direttamente o indirettamente strutture economiche".

"Gli odiosi reati perpetrati nelle campagne richiedono un'intensificazione dei controlli. Abbiamo proposto ancora una volta l'impiego dell'Esercito -spiega il presidente CIA Puglia Raffaele Carrabba- per presidiare il territorio e l'istituzione della polizia rurale, perché siamo convinti che sia una soluzione valida per implementare uomini e mezzi, in grado di perlustrare capillarmente le aree rurali, da sempre zone sensibili ma marginali. I reati in agricoltura interessano tutta la regione, dal Gargano al Salento. Sono di più varia natura e per noi fenomeni gravi in egual misura. I più frequenti sono i furti di prodotti agricoli, trattori, macchinari e attrezzature varie – continua Raffaele Carrabba - I predoni delle campagne, ormai, tagliano e portano via alberi da frutto e ulivi, o piante appena messe a dimora. Sono senza scrupoli. Gli agricoltori sono vittime di illeciti che vanno affrontati in maniera disaggregata, considerando anche le specificità e peculiarità dei singoli territori - conclude il presidente CIA Puglia Raffaele Carrabba - Ecco perché costruire un percorso finalizzato ad esaminare le diverse tipologie ci sembra il modo migliore per poi aggredire i fenomeni e contrastarli".

  • regione puglia
  • furto energia elettrica
  • coldiretti
  • furti di olive
  • confagricoltura puglia
  • agricoltura
  • furti auto
  • Confederazione Italiana Agricoltori
  • Cia Puglia
  • tentativo di furto
Altri contenuti a tema
Scuola e covid 19: la Regione emana gli indirizzi per gestire i casi e focolai per una ripresa sicura Scuola e covid 19: la Regione emana gli indirizzi per gestire i casi e focolai per una ripresa sicura Tali misure devono essere osservate con particolare rigore nell'ambito delle attività scolastiche, universitarie e formative
Sospese le domeniche gratuite nei musei statali, tra questi Castel del Monte Sospese le domeniche gratuite nei musei statali, tra questi Castel del Monte La decisione della Direzione regionale Musei Puglia: "In attuazione delle misure di riduzione e contenimento dell’emergenza sanitaria da Covid-19"
Grandinate e nubifragi mettono a rischio gli ulivi pugliesi: allarme di Coldiretti Grandinate e nubifragi mettono a rischio gli ulivi pugliesi: allarme di Coldiretti Inviata richiesta di declaratoria di stato di calamità all’Assessorato regionale all’Agricoltura
Nuova allerta meteo sulla Puglia da parte della Protezione civile Nuova allerta meteo sulla Puglia da parte della Protezione civile Previsto forte vento e precipitazioni anche sulla provincia Bat
Salgono a 12 i casi covid-19 nella Bat: 76 in tutta la Puglia Salgono a 12 i casi covid-19 nella Bat: 76 in tutta la Puglia Per fortuna non sono stati registrati  decessi
Olio d'oliva, positivo lo sblocco degli 8 milioni per i frantoi e le cooperative pugliesi Olio d'oliva, positivo lo sblocco degli 8 milioni per i frantoi e le cooperative pugliesi “Una bella notizia per i frantoiani alla vigilia di una campagna che si preannuncia difficile" - sottolinea Elia Pellegrino, vicepresidente di Aifo
Meteo allerta gialla: ancora maltempo sul nostro territorio Meteo allerta gialla: ancora maltempo sul nostro territorio Un nuovo avviso è stato diramato dalla Protezione Civile
Coronavirus, altri 89 nuovi positivi in Puglia. Nella Bat 11 casi Coronavirus, altri 89 nuovi positivi in Puglia. Nella Bat 11 casi Nella nostra Regione attualmente si registrano 2.222 casi positivi e due decessi
© 2001-2020 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.