Risollevatevi e alzate il capo
Risollevatevi e alzate il capo
Religioni

Risollevatevi e alzate il capo…

Riflessione di don Ettore Lestingi, Presidente della Commissione Liturgica della Diocesi di Andria

Miei Cari,
con la Prima Domenica di Avvento inizia un nuovo Anno liturgico, che viviamo al di qua di un tempo in cui ci è parso di vedere realizzate le parole di Gesù riportate dal Vangelo di Luca: "Ci sarà angoscia di popoli in ansia …, mentre gli uomini moriranno per la paura". La pandemia da Covid 19 ha piegato le nostre spalle, ma non ci ha spezzati, ha reso smorta la fiamma della nostra speranza, ma non l'ha spenta, ci ha posti di fronte ad una verità tante volte da noi rimossa e rinnegata: passa la scena di questo mondo! Ma se è vero che tutto ciò che viviamo accade sotto l'egida della caducità e della precarietà, non è così per coloro che ripongono la loro fiducia in Colui senza il quale non possiamo fare nulla.

Il tempo liturgico dell'Avvento che da Domenica prossima inizieremo a vivere manifesta ancora una volta la volontà di Dio che, nel deserto della vita, apre una nuova strada che è la via del riscatto, della liberazione, del ritorno al canto e alla danza, perché all'intera umanità viene ridata "la gloria e lo splendore di prima". Il periodo di grande prova che abbiamo vissuto con lo sconvolgimento delle potenze dei cieli, ci ha fatto sperimentare quanto fragili sono le nostre forze e inutili i nostri progetti: le torri di Babele che il nostro orgoglio innalza fino a sfidare il cielo, risultano castelli di carta, i nostri sistemi economici, politici e religiosi, sono giganti di ferro con i piedi di argilla, basta un lieve movimento sismico che crollano e la loro rovina è grande, i nostri progetti, per quanto belli e affascinanti sono case costruite sulla sabbia che non riescono a sostenere tempeste di vento e di pioggia che subito cadano.

E su tutto e su tutti regna l'incertezza e la paura. Ma l'incertezza e la paura non sono le ultime parole del vocabolario dell'esistenza umana, né tantomeno di chi si gloria del nome cristiano. Oltre ogni limite e sofferenza c'è un tempo di speranza di cui già sentiamo l'eco che torna da antiche valli come ci ricorda un bellissimo canto liturgico:
"L'eco torna d'antiche valli,
la sua voce non porta più
ricordo di sommesse lacrime
di esili in terre lontane.
Ora è tempo di gioia
non ve ne accorgete?
Ecco faccio una cosa nuova,
nel deserto una strada aprirò.
Come l'onda che sulla sabbia
copre le orme e poi passa e va,
così nel tempo si cancellano
le ombre scure del lungo inverno.
Fra i sentieri dei boschi il vento
con i rami ricomporrà
nuove armonie che trasformano
i lamenti in canti di festa.

Con l'Avvento Dio torna a ripeterci: "Ecco faccio una cosa nuova". L'attesa che si compia questa beata speranza deve indurre tutti a risollevarci ed alzare il capo per contemplare cieli nuova e terra nuova. E così poter gridare a quanti faticano a riprendere il cammino: "Siate forti, non temete! Ecco il vostro Dio! Verrà egli stesso a salvarvi». Ma tutto ciò sarà possibile sperimentare ad una condizione: se finalmente riusciamo a riempire di silenzi le nostre giornate e vincere il chiasso di rumori ed umori che ormai spaccano le orecchie del nostro cuore. Il silenzio per imparare ad ascoltare innanzitutto le voci del cuore, il grido del povero e la voce di Dio che crea, agisce, rinnova, risana l'uomo "mentre un profondo silenzio avvolge tutte le cose".
Buon cammino.
  • don Ettore Lestingi
Altri contenuti a tema
In una mangiatoia per causa mia In una mangiatoia per causa mia Riflessione di Don Ettore Lestingi, Presidente della Commissione Liturgia della Diocesi di Andria
“Ascolta e Cammina”, alla Basilica Madonna dei Miracoli un percorso di ascolto e preghiera “Ascolta e Cammina”, alla Basilica Madonna dei Miracoli un percorso di ascolto e preghiera A partire dal 21 ottobre cinque appuntamenti che saranno guidati da don Ettore Lestingi
Crisi vocazionale è crisi di senso Crisi vocazionale è crisi di senso Riflessione di don Ettore Lestingi, sacerdote andriese
“Ecco l’Uomo!”: meditazione sul Venerdì di Passione “Ecco l’Uomo!”: meditazione sul Venerdì di Passione Una riflessione di don Ettore Lestingi, sacerdote andriese
Gli auguri di don Ettore Lestingi alla sindaca di Andria Giovanna Bruno Gli auguri di don Ettore Lestingi alla sindaca di Andria Giovanna Bruno Il parroco della chiesa Madonna della Grazia: «Auguri, carissima Giovanna e sentiti fasciata dall’affetto dei tuoi cittadini»
Don Ettore Lestingi compie 30 anni di sacerdozio: la lettera della comunità parrocchiale Madonna della Grazia Don Ettore Lestingi compie 30 anni di sacerdozio: la lettera della comunità parrocchiale Madonna della Grazia Al parroco l'augurio di una pronta guarigione
1 Sulla croce l’Abbandonato, si abbandona Sulla croce l’Abbandonato, si abbandona Riflessione di don Ettore Lestingi in occasione del Venerdì Santo
“Tutta la creazione geme e soffre": il messaggio di don Ettore Lestingi per la Pasqua “Tutta la creazione geme e soffre": il messaggio di don Ettore Lestingi per la Pasqua Parole di fede e fiducia in questo tempo di prova a causa del Coronavirus
© 2001-2022 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.