Riconsegnato alla città il  Cristo deturpato (Foto Riccardo Di Pietro)
Riconsegnato alla città il Cristo deturpato (Foto Riccardo Di Pietro)
Religioni

Riconsegnato alla città il Cristo deturpato

Benedizione del Crocifisso restaurato a cura del titolare dell'impresa edile Michele Di Noia

E' ritornato al suo posto, all'ingresso del viale del Cimitero, in via Togliatti, il Crocifisso che il 20 luglio scorso venne mutilato della testa e degli arti da un 45enne cittadino italiano, disagiato psichico.

Stamane alle ore 12:00, il Vescovo di Andria, Mons Luigi Mansi alla presenza del Sindaco Nicola Giorgino, del Presidente del Consiglio comunale Marcello Fisfola e di alcune autorità civili e militari, ha benedetto la statua restaurata esortando: "Fratelli e sorelle carissimi, adoriamo l'eterno disegno del Padre che nel mistero della Croce ci ha dato il sacramento della sua Misericordia. Guardando la Croce vediamo il memoriale dell'amore di Cristo per la Chiesa sua sposa. Salutando la Croce facciamo memoria di Cristo che mediante il suo sangue ha abbattuto il muro di divisione, e di tutte le genti ha fatto l'unico popolo di Dio. Adorando la Croce prendiamo coscienza di proclamarci e di essere discepoli di Cristo, per seguirne generosamente le orme, carichi della nostra croce quotidiana. Impegniamoci dunque con tutta l'anima a partecipare a questa celebrazione, perché il mistero della Croce riveli a noi la sua luce radiosa e ci comunichi la sua forza redentrice".

Dopo la benedizione ha preso la parola il Sindaco Giorgino: "Ringrazio Mons. Luigi Mansi, ma voglio ringraziare il maestro Michele Di Noia, titolare dell'omonima impresa edile, che ha voluto donare alla Diocesi ed alla città il restaurato Gesù Crocifisso, deturpato da un gesto frutto di un momento di intolleranza, di esaltazione o di raziocinio. Ci auguriamo e preghiamo anche per questa persona che possa riprendere un sereno cammino.
Gesù Crocifisso rappresenta per tutti noi un'ispirazione di principio e di valori, perché è importante per tutti noi, soprattutto per un momento come questo, di prendere una comunità di intenti, di unione e di fede. Questo dimostra che in questa città ci sono tante persone dal cuore grande che non hanno bisogno di particolari stimoli per fare gesti di generosità" ha quindi concluso il Sindaco Giorgino.

Hanno fatto da cornice numerosi devoti che alla fine della cerimonia hanno ringraziato anch'essi l'impresa Di Noia ed il Vescovo Mansi per aver riportato in tempi brevi questo simulacro, alla sua tradizionale postazione, luogo tanto caro al popolo andriese.
36 fotoRiconsegnato alla città il Cristo deturpatoRiccardo Di Pietro
Riconsegnato alla città il  Cristo deturpatoRiconsegnato alla città il  Cristo deturpatoRiconsegnato alla città il  Cristo deturpatoRiconsegnato alla città il  Cristo deturpatoRiconsegnato alla città il  Cristo deturpatoRiconsegnato alla città il  Cristo deturpatoRiconsegnato alla città il  Cristo deturpatoRiconsegnato alla città il  Cristo deturpatoRiconsegnato alla città il  Cristo deturpatoRiconsegnato alla città il  Cristo deturpatoRiconsegnato alla città il  Cristo deturpatoRiconsegnato alla città il  Cristo deturpatoRiconsegnato alla città il  Cristo deturpatoRiconsegnato alla città il  Cristo deturpatoRiconsegnato alla città il  Cristo deturpatoRiconsegnato alla città il  Cristo deturpatoRiconsegnato alla città il  Cristo deturpatoRiconsegnato alla città il  Cristo deturpatoRiconsegnato alla città il  Cristo deturpatoRiconsegnato alla città il  Cristo deturpatoRiconsegnato alla città il  Cristo deturpatoRiconsegnato alla città il  Cristo deturpatoRiconsegnato alla città il  Cristo deturpatoRiconsegnato alla città il  Cristo deturpatoRiconsegnato alla città il  Cristo deturpatoRiconsegnato alla città il  Cristo deturpatoRiconsegnato alla città il  Cristo deturpatoRiconsegnato alla città il  Cristo deturpatoRiconsegnato alla città il  Cristo deturpatoRiconsegnato alla città il  Cristo deturpatoRiconsegnato alla città il  Cristo deturpatoRiconsegnato alla città il  Cristo deturpatoRiconsegnato alla città il  Cristo deturpatoRiconsegnato alla città il  Cristo deturpatoRiconsegnato alla città il  Cristo deturpatoRiconsegnato alla città il  Cristo deturpato
  • Cimitero
Altri contenuti a tema
Commemorazione dei defunti: ecco gli orari del cimitero comunale Commemorazione dei defunti: ecco gli orari del cimitero comunale Informazioni utili anche sull'apertura degli uffici
Festa Patronale: orari cimitero comunale Festa Patronale: orari cimitero comunale Lo comunica la società gestore, la San Riccardo srl
Grosso incendio a ridosso del cimitero: a fuoco sterpaglie e rifiuti Grosso incendio a ridosso del cimitero: a fuoco sterpaglie e rifiuti Intervento delle volanti della Polizia di Stato e dei Vigili del Fuoco da Barletta
Strage di icone sacre, restaurato il Crocifisso del cimitero Strage di icone sacre, restaurato il Crocifisso del cimitero Domani il Cristo tornerà al suo posto, cerimonia all'ingresso del viale alle 11
"Strage" di icone sacre questa notte ad Andria "Strage" di icone sacre questa notte ad Andria Uno solo il responsabile, fermato dai Carabinieri mentre distruggeva il crocifisso nei pressi del cimitero
Distrutto il crocifisso nei pressi del cimitero; il vandalo è nelle mani dei Carabinieri Distrutto il crocifisso nei pressi del cimitero; il vandalo è nelle mani dei Carabinieri I pezzi della statua saranno consegnati a Mons. Mansi mentre gli inquirenti indagano sul movente del gesto
Cimitero comunale: cambia apertura e chiusura nel mese di agosto Cimitero comunale: cambia apertura e chiusura nel mese di agosto Ecco i nuovi orari in vigore da lunedì 30 luglio
Rifiuti in fiamme nei pressi del Cimitero, intervengono i Federiciani Rifiuti in fiamme nei pressi del Cimitero, intervengono i Federiciani Il prof. Martiradonna ammonisce a prestare la massima attenzione nella differenzazione degli scarti
© 2001-2018 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.