donne
donne
Bandi e Concorsi

Quando il linguaggio della pubblicità può aiutare le donne

Tv, giornali, internet: al via la terza edizione del «Premio Immagini Amiche». Termine ultimo per le iscrizioni, 31 gennaio

C'è tempo sino al 31 gennaio per partecipare al «Premio Immagini Amiche», promosso dal Parlamento Europeo, Ufficio d'informazione in Italia e dall'Unione Donne in Italia. Si tratta di un riconoscimento dedicato a pubblicità, web e programmi Tv atto a sottolineare messaggi positivi sulle donne. Giunto ormai alla sua terza edizione il premio mira ad eliminare quelle immagini che molto spesso vediamo e che tendono ad abusare del corpo femminile.

Ben 5 le sezioni a cui iscriversi: spot televisivo, uno spot andato in onda su una rete locale o nazionale; affissione pubblicitaria, manifesti o cartelloni pubblicitari; programma tv, una trasmissione di intrattenimento andata in onda su qualsiasi emittente; inserzioni su carta stampata; pubblicità sul web. E' necessario, per partecipare, iscriversi al sito www.premioimmaginiamiche.it, ci saranno anche due sezioni speciali dedicate al Comune e alle Scuole.

La Consigliere Regionale di Parità, Serenella Molendini, lancia il suo invito a tutti gli Istituti scolastici Pugliesi, di design e di arti pubblicitarie, affinchè le nuove generazioni crescano con un'idea corretta della televisione e della pubblicità. Giudice sarà il pubblico che sceglierà i finalisti per ciascuna sezione, con l'assegnazione di due premi, quello della Giuria e quello dei cittadini. La premiazione avverrà il primo marzo.
  • immagini amiche
  • violenza sulle donne
Altri contenuti a tema
Abusi su minorenne, il commento dell'on. Matera (Fdi): «È inconcepibile ed inaccettabile. Unica via denunciare» Abusi su minorenne, il commento dell'on. Matera (Fdi): «È inconcepibile ed inaccettabile. Unica via denunciare» La deputata di Fratelli d'Italia spiega: «Fondamentale il lavoro delle forze dell'ordine. Vicina alla giovane ed alla sua famiglia»
"Mahsa Amini. La devianza della teocrazia”: incontro con Porzia Quagliarella per parlare della rivolta in Iran "Mahsa Amini. La devianza della teocrazia”: incontro con Porzia Quagliarella per parlare della rivolta in Iran La giovane Mahsa è morta il 16 settembre a Teheran, dopo due giorni di coma all'ospedale, perché picchiata per non aver indossato correttamente il velo islamico
Assegnati 2 milioni di euro alla Regione Puglia per potenziare l’assistenza alle donne vittime di violenza Assegnati 2 milioni di euro alla Regione Puglia per potenziare l’assistenza alle donne vittime di violenza Proposto anche un ciclo di eventi da ottobre al 25 novembre con il coinvolgimento di numerose associazioni sportive
Botte alla moglie che lo tradisce: arrestato marito boss ed i tre figli Botte alla moglie che lo tradisce: arrestato marito boss ed i tre figli Maltrattata per più di un anno, la donna avrebbe anche tentato il suicidio
Progetto “Dalla loro parte, Sportelli informativi e spazio di ascolto per le vittime di reato” Progetto “Dalla loro parte, Sportelli informativi e spazio di ascolto per le vittime di reato” Lo sportello sarà tenuto da avvocati del foro specializzati e sarà attivo dal lunedì al venerdì dalle ore 10 alle ore 13
Arrestato un uomo ad Andria dalla Polizia di Stato per maltrattamenti contro familiari e conviventi Arrestato un uomo ad Andria dalla Polizia di Stato per maltrattamenti contro familiari e conviventi L'arresto eseguito giovedì 3 febbraio dal personale della Squadra mobile
Identificato "falso ginecologo" che terrorizzava le donne con diagnosi di gravi infezioni: almeno 400 le vittime Identificato "falso ginecologo" che terrorizzava le donne con diagnosi di gravi infezioni: almeno 400 le vittime I dati delle donne, sarebbero stati ottenuti dalla consultazione di portali di annunci di compravendite on line
Violenza familiare: 32enne arrestato dopo lunghe vessazioni ed angherie nei confronti della ex compagna Violenza familiare: 32enne arrestato dopo lunghe vessazioni ed angherie nei confronti della ex compagna L'uomo, già noto alle forze dell'ordine, era divenuto irreperibile, dopo un' ordinanza di carcerazione emessa dalla magistratura tranese
© 2001-2022 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.