Cani randagi
Cani randagi
Vita di città

Maltrattato e poi ucciso un cucciolo nei pressi di piazza Caduti sul Lavoro

Ancora disinteresse da parte degli enti preposti alla tutela dei cani randagi. L'appello dell'associazioni di volontariato, "Amici di Magù-onlus"

Elezioni Amministrative 2020
Candidati sindaco
Candidati al consiglio comunale
Elezioni Regionali 2020
Nel quartiere San Vito, precisamente in piazza Caduti sul Lavoro, da giorni si aggiravano quattro cuccioli con a seguito la mamma. Quotidianamente il titolare di un esercente presente nella zona, donava del cibo agli animali, che oramai abituati a ricevere queste particolari attenzioni, ogni mattina, attorno alle 6.00, facevano capolino dinanzi la vetrata del negozio.

Per il titolare era diventata una consuetudine piacevole, far trovare a quell' ora una busta colma di cibo, ai nostri amici a quattro zampe. Un'abitudine, purtroppo, destinata da lì a poco, ad essere turbata da una deplorevole vicenda.

Purtroppo, il male di certi uomini, continua ad inondare ciecamente le vie della città, poiché inspiegabilmente un nostro concittadino, forse colto da un attimo di follia, ha maltrattato fino ad uccidere uno dei quattro cuccioli. Inutili i tentativi di rianimazione da parte dei passanti: oramai era passato troppo tempo per salvare l'indifeso cagnolino.

"Se poi al male uniamo il disinteresse delle istituzioni nei confronti degli animali randagi allora non possiamo che manifestare tutta la nostra indignazione" - affermano i volontari dell' associazione di volontariato, "Amici di Magù-onlus" di Andria. Infatti, pare che gli enti preposti alla cura e alla salvaguardia dei cani, come l'Asl Bat, il Servizio Veterinario e lo stesso Comune di Andria, continuano a manifestare scarsa considerazione nei confronti di questo crescente fenomeno del randagismo.

"Se ci fosse stata una maggiore attenzione da parte degli organi istituzionali, sicuramente molti nostri amici a quattro zampe si sarebbero salvati, molto spesso vittime non soltanto della follia di certi uomini, ma anche di altri cani randagi o animali selvatici che li sbranano, riducendoli in fin di vita e senza considerare che alcuni cuccioli sono deceduti per disidratazione" - continuano i volontari dell' associazione.

Infatti, molto spesso, gli interventi di tutela vengono esclusivamente, effettuati dalle associazioni di volontariato locali che devono provvedere, da soli, alle cure mediche degli animali e affrontando, per altro, l'enorme esborso economico che questi stessi interventi comportano.

Pertanto, ancora una volta, si invitano gli uffici preposti alla tutela degli animali, a rispettare quei principi sanciti da un punto di vista normativo sin dal 1991, anno in cui è stata emanata la legge quadro del 14 agosto 1991, n.281, che enuncia il principio generale secondo il quale "lo Stato promuove e disciplina la tutela degli animali d'affezione, condanna gli atti di crudeltà contro di essi, i maltrattamenti ed il loro abbandono al fine di favorire la corretta convivenza tra uomo e animale e di tutelare la salute pubblica e l'ambiente".
Social Video1 minutoCani Randagi
  • asl bat
  • randagismo
Altri contenuti a tema
L'andriese dott.ssa Enza Memeo nuova direttrice dell'area personale dell'Asl Bt L'andriese dott.ssa Enza Memeo nuova direttrice dell'area personale dell'Asl Bt L'incarico conferito dalla Direzione generale. Subentra al dottor Francesco Nitti
Inaugurata al "Bonomo" di Andria l'Unità operativa per i trapianti della Asl Bt Inaugurata al "Bonomo" di Andria l'Unità operativa per i trapianti della Asl Bt Dg Delle Donne "Molto soddisfatti del lavoro fatto fino ad ora e siamo certi che si potrà fare sempre meglio"
Operatori socio-sanitari Asl Bt: proroga nel rispetto di normative e procedure concorsuali Operatori socio-sanitari Asl Bt: proroga nel rispetto di normative e procedure concorsuali "I contratti in scadenza al 30 giugno, sono stati prorogati al 30 settembre" assicura il Dg Delle Donne
2 Malati soli in ospedale: visite dei parenti? Meglio la prudenza Malati soli in ospedale: visite dei parenti? Meglio la prudenza L'Asl Bt sta valutando la possibilità di consentire ai padri di assistere al parto naturale delle proprie compagne
Aumentano nella Bat i posti letto di terapia intensiva e semintensiva Aumentano nella Bat i posti letto di terapia intensiva e semintensiva La Regione Puglia ha trasmesso al Ministero della Salute la proposta di piano di potenziamento della rete ospedaliera
Ripresa attività sanitarie, i sindacati alla Asl: “Un incontro per misure necessarie” Ripresa attività sanitarie, i sindacati alla Asl: “Un incontro per misure necessarie” D’Alberto (Cgil), Boccuzzi (Cisl) e Posa (Uil) scrivono al Dg Delle Donne: “Già a novembre scorso criticità su liste d’attesa. Serve assistenza di prossimità”
Completate oggi le vaccinazioni nelle scuole medie di Andria Completate oggi le vaccinazioni nelle scuole medie di Andria Iniziate a novembre dello scorso anno, erano state interrotte a marzo a causa del lockdown
Alta tecnologia alla Asl Bt: un robot per le attività chirurgiche dell’ospedale "Bonomo" di Andria Alta tecnologia alla Asl Bt: un robot per le attività chirurgiche dell’ospedale "Bonomo" di Andria Ed al "Dimiccoli" di Barletta presto due acceleratori lineari di ultima generazione
© 2001-2020 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.