Cani randagi
Cani randagi
Vita di città

Maltrattato e poi ucciso un cucciolo nei pressi di piazza Caduti sul Lavoro

Ancora disinteresse da parte degli enti preposti alla tutela dei cani randagi. L'appello dell'associazioni di volontariato, "Amici di Magù-onlus"

Nel quartiere San Vito, precisamente in piazza Caduti sul Lavoro, da giorni si aggiravano quattro cuccioli con a seguito la mamma. Quotidianamente il titolare di un esercente presente nella zona, donava del cibo agli animali, che oramai abituati a ricevere queste particolari attenzioni, ogni mattina, attorno alle 6.00, facevano capolino dinanzi la vetrata del negozio.

Per il titolare era diventata una consuetudine piacevole, far trovare a quell' ora una busta colma di cibo, ai nostri amici a quattro zampe. Un'abitudine, purtroppo, destinata da lì a poco, ad essere turbata da una deplorevole vicenda.

Purtroppo, il male di certi uomini, continua ad inondare ciecamente le vie della città, poiché inspiegabilmente un nostro concittadino, forse colto da un attimo di follia, ha maltrattato fino ad uccidere uno dei quattro cuccioli. Inutili i tentativi di rianimazione da parte dei passanti: oramai era passato troppo tempo per salvare l'indifeso cagnolino.

"Se poi al male uniamo il disinteresse delle istituzioni nei confronti degli animali randagi allora non possiamo che manifestare tutta la nostra indignazione" - affermano i volontari dell' associazione di volontariato, "Amici di Magù-onlus" di Andria. Infatti, pare che gli enti preposti alla cura e alla salvaguardia dei cani, come l'Asl Bat, il Servizio Veterinario e lo stesso Comune di Andria, continuano a manifestare scarsa considerazione nei confronti di questo crescente fenomeno del randagismo.

"Se ci fosse stata una maggiore attenzione da parte degli organi istituzionali, sicuramente molti nostri amici a quattro zampe si sarebbero salvati, molto spesso vittime non soltanto della follia di certi uomini, ma anche di altri cani randagi o animali selvatici che li sbranano, riducendoli in fin di vita e senza considerare che alcuni cuccioli sono deceduti per disidratazione" - continuano i volontari dell' associazione.

Infatti, molto spesso, gli interventi di tutela vengono esclusivamente, effettuati dalle associazioni di volontariato locali che devono provvedere, da soli, alle cure mediche degli animali e affrontando, per altro, l'enorme esborso economico che questi stessi interventi comportano.

Pertanto, ancora una volta, si invitano gli uffici preposti alla tutela degli animali, a rispettare quei principi sanciti da un punto di vista normativo sin dal 1991, anno in cui è stata emanata la legge quadro del 14 agosto 1991, n.281, che enuncia il principio generale secondo il quale "lo Stato promuove e disciplina la tutela degli animali d'affezione, condanna gli atti di crudeltà contro di essi, i maltrattamenti ed il loro abbandono al fine di favorire la corretta convivenza tra uomo e animale e di tutelare la salute pubblica e l'ambiente".
Social Video1 minutoCani Randagi
  • asl bat
  • randagismo
Altri contenuti a tema
Verso una proroga per gli Operatori Socio Sanitari i cui contratti scadono il 31 gennaio Verso una proroga per gli Operatori Socio Sanitari i cui contratti scadono il 31 gennaio Le dichiarazioni del consigliere e presidente del gruppo PD Filippo Caracciolo e di Giuseppe Tupputi, della lista "Con Emiliano"
Randagismo ad Andria, Ass. Colasuonno: «Facciamo chiarezza» Randagismo ad Andria, Ass. Colasuonno: «Facciamo chiarezza» Il Comune non dispone di canile sanitario nè di un rifugio comunale per gli amici animali
Al Dimiccoli di Barletta il primo parto gemellare nella Bat Al Dimiccoli di Barletta il primo parto gemellare nella Bat Residente a San Ferdinando, la donna di 32 anni alla sua seconda gravidanza è stata trasportata con il 118
Al Bonomo di Andria un robot per la chirurgia mininvasiva Al Bonomo di Andria un robot per la chirurgia mininvasiva La direzione generale ha dotato la Asl di un Sistema da Vinci Xi IS4000 Dual Console
Area economico finanziaria: il bilancio della Asl Bat è certificabile Area economico finanziaria: il bilancio della Asl Bat è certificabile Concluso con esito positivo il percorso attuativo della certificabilità
Donazione di organi, al Bonomo di Andria l'opposizione più bassa di Puglia Donazione di organi, al Bonomo di Andria l'opposizione più bassa di Puglia Ecco tutti i numeri di espianti avvenuti nel 2020 nella Asl Bat
Covid, ad Andria le prime dosi del vaccino. Delle Donne: "Giornata storica" Covid, ad Andria le prime dosi del vaccino. Delle Donne: "Giornata storica" È partita oggi la campagna vaccinale nella Bat contro il covid 19
Covid-19, il V-Day anche ad Andria: in diretta la storica giornata Covid-19, il V-Day anche ad Andria: in diretta la storica giornata La prima vaccinazione della Bat al dipartimento di prevenzione di viale Trentino di Andria
© 2001-2021 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.