Coldiretti, incontro ad Andria sulle buone pratiche in agricoltura
Coldiretti, incontro ad Andria sulle buone pratiche in agricoltura
Territorio

Incontro ad Andria sulle buone pratiche in agricoltura per combattere la xylella

Promosso da Coldiretti, la riunione ha visto la partecipazione massiccia di tantissimi agricoltori

Primo degli incontri richiesti da Coldiretti Puglia agli enti pubblici che devono occuparsi, al pari degli agricoltori, delle buone pratiche per contrastare la diffusione della Xylella.
"Abbiamo incontrato il Direttore del Demanio, Vincenzo Capobianco e i responsabili per ogni area territoriale di Lecce/Brindisi, Taranto, Bari. Il Demanio ha appaltato le lavorazioni superficiali del terreno, trinciatura ed interramento della vegetazione spontanea, le buone pratiche che partiranno nei prossimi giorni, perché serve un'attività congiunta privata e pubblica, perché non basta che gli agricoltori facciano doviziosamente arature e trinciature, se le stesse procedure non vengono attuate su ben più vaste aree pubbliche, troppo spesso in stato di abbandono", riferisce il presidente di Coldiretti Puglia, Savino Muraglia.

"Almeno fino al 30 aprile 2019 – aggiunge il presidente Muraglia - nelle zone delimitate infetta, cuscinetto e di contenimento sono obbligatorie le buone pratiche per la lotta all'insetto vettore, la sputacchina, mentre nella zona indenne sono raccomandate. Per questo ad Andria abbiamo illustrato e distribuito l'opuscolo anti-Xylella, per la lotta obbligatoria ed il contenimento che in area infetta è già raccomandata".
Il contagio della Xyella ha già provocato con 21 milioni di piante infette una strage di ulivi – aggiunge Coldiretti Puglia - lasciando un panorama spettrale e il danno del settore olivicolo è stato stimato per difetto in 1,2 miliardi di euro.

"La vastità del problema, la rilevanza economica della coltura per l'intero territorio regionale e l'obbligatorietà che impone la normativa fitosanitaria comunitaria e nazionale in caso di ritrovamento di patogeni da quarantena – aggiunge il vicepresidente di Coldiretti Andria, Agostino Tortora - impongono scelte e provvedimenti urgenti, anche in considerazione della diffusione della malattia che, dopo aver causato il disseccamento degli ulivi leccesi ha intaccato il patrimonio olivicolo di Brindisi e Taranto, arrivando pericolosamente a Monopoli, con effetti disastrosi sull'ambiente, sull'economia e sull'occupazione. Non dobbiamo e possiamo permetterci di sottovalutare il problema, perché per gli anni persi e la irresponsabilità nella gestione regionale la Xylella è arrivata sino alla provincia di Bari".

Secondo i dati di monitoraggio, diffusi dall'Osservatorio fitosanitario regionale utili alla valutazione della popolazione degli insetti e del loro stadio di sviluppo pubblicati il 3 aprile dall'osservatorio fitosanitario regionale, è stata registrata la presenza di forme giovanili di P. spumarius "sputacchina" nella maggior parte dei siti selezionati, con una densità di popolazione prevalente in areali incolti, caratterizzati da elevata biodiversità floristica e soggetti a minime lavorazioni.
L'Osservatorio ha individuato 40 siti rappresentativi di diverse condizioni pedoclimatiche e distribuiti nella zona infetta, zona contenimento, zona cuscinetto e zona indenne. I siti sono principalmente oliveti, ma anche mandorleti e ciliegeti, con differenti modalità di gestione del suolo e fitosanitaria ed aree incolte.
Coldiretti, incontro ad Andria sulle buone pratiche in agricolturaColdiretti, incontro ad Andria sulle buone pratiche in agricoltura
  • coldiretti
  • xylella
  • agricoltura
  • Savino Muraglia
Altri contenuti a tema
Agricoltura biologica e Xylella: Regione adotta due provvedimenti a tutela colture Agricoltura biologica e Xylella: Regione adotta due provvedimenti a tutela colture Importanti pratiche colturali per migliorare la condizione delle produzioni agricole
Prevenzione e controllo xylella fastidiosa 2018/19: in corso il terzo monitoraggio Prevenzione e controllo xylella fastidiosa 2018/19: in corso il terzo monitoraggio Operazioni avviate il 17 maggio 2019
Xylella, l'allarme di Italia Olivicola: il 75% dei terreni non viene curato adeguatamente Xylella, l'allarme di Italia Olivicola: il 75% dei terreni non viene curato adeguatamente Ciò comporta il rischio elevatissimo di un avanzamento della sputacchina e della xylella con danni incalcolabili per l'olivicoltura
Prosegue la conta dei danni causati dal maltempo: raccolta del miele azzerata Prosegue la conta dei danni causati dal maltempo: raccolta del miele azzerata Adesso aumenteranno le importazioni dall'estero
Futuro dell'olivicoltura dopo le emergenze: a Bari confronto tra produttori e politica Futuro dell'olivicoltura dopo le emergenze: a Bari confronto tra produttori e politica Si discuterà anche degli scenari post emergenze. Previsto l'intervento della Sottosegretaria Alessandra Pesce
Danni ingenti per il maltempo: campi allagati per la pioggia incessante Danni ingenti per il maltempo: campi allagati per la pioggia incessante Per Coldiretti dopo le ciliegie adesso è la volta delle angurie
Il Decreto Emergenze agricole finalmente è legge Il Decreto Emergenze agricole finalmente è legge Interessati i settori olivicolo, lattiero-caseario, agrumicolo, suinicolo, ittico nonché frantoi e vivaisti
Maltempo, Cia Puglia: "Disperati i produttori, il Governo deve intervenire" Maltempo, Cia Puglia: "Disperati i produttori, il Governo deve intervenire" Agrumeti non assicurati, chi è stato colpito dalla grandine è in ginocchio
© 2001-2019 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.