Papa Francesco con il Cardinale Marcello Semeraro. <span>Foto Dal sito del Vaticano</span>
Papa Francesco con il Cardinale Marcello Semeraro. Foto Dal sito del Vaticano
Religioni

Il Cardinale Marcello Semeraro ad Andria a conclusione delle celebrazioni del Venerabile Servo di Dio Mons. Di Donna

Il Prefetto della Congregazione delle Cause dei Santi giungerà venerdì 24 giugno

La Diocesi di Andria si appresta a vivere un momento di particolare importanza venerdì 24 giugno In tale giornata, in cui la chiesa cattolica celebra la solennità del Sacratissimo Cuore di Gesù, Giornata di santificazione sacerdotale, a conclusione delle celebrazioni per il 70.mo anniversario del Pio Transito del Venerabile Servo di Dio Mons. Giuseppe Di Donna, giungerà ad Andria il Cardinale Marcello Semeraro.

A darne l'annuncio è la Diocesi di Andria, con la Vicepostulazione della causa di beatificazione, la Provincia dell'Ordine della Ss.ma Trinità e degli schiavi (Padri Trinitari dell'Istituto "Quarto di Palo").
La visita ufficiale di Sua Eminenza il Cardinale Marcello Semeraro, Prefetto della Congregazione delle Cause dei Santi si svolgerà secondo un rigido programma:
L'arrivo e l'accoglienza del porporato è prevista in piazza Duomo per le ore 18.45. A seguire, si svolgerà una concelebrazione Eucaristica nella chiesa Cattedrale "Santa Maria Assunta in Cielo".

Al termine, il Cardinale Semeraro sosterrà presso la tomba del Venerabile e reciterà preghiera di intercessione.
Nei prossimi giorni la Diocesi di Andria illustrerà le modalità per poter consentire ai fedeli l'accesso presso la chiesa Cattedrale, onde seguire l'importante funzione religiosa, che dovrebbe comunque essere trasmessa sui media.

Dall'aprile del 1940 e fino alla sua morte, per 12 anni guidò la Diocesi di Andria, sempre a fianco degli ultimi, in particolare del popolo affamato dalla miseria e dalla guerra, sfruttato con salari da fame che permettevano solo di sopravvivere. La povertà era ovunque e le lotte sociali erano violente. Fu guida saggia per tutta la Diocesi ed arrivò a donare i propri beni ai poveri, finanche le lenzuola del suo letto. Fu un autentico operatore di pace sociale. Raccomandò ai sacerdoti l'insegnamento del catechismo, promosse in tutte le parrocchie l'Azione Cattolica, costituì un'Opera Diocesana per le Vocazioni, appoggiò le Pontificie Opere Missionarie, avviò con Mons. Riccardo Zingaro la Pontificia Opera Assistenza presso la Comunità dei Braccianti e le ACLI, che ebbe la sua sede nei locali al piano terra del Palazzo vescovile. Scrisse la lettera pastorale "L'edificio sociale" nel difficile momento del secondo dopoguerra. Amò molto la preghiera, con una particolare devozione per la Madre celeste.

Nel primi giorni del marzo del 1946, durante i sanguinosi moti popolari di Andria, che costarono la vita a numerosi civili ed appartenenti alle Forze dell'ordine, si adoperò per liberare dei carabinieri catturati e rinchiusi nella Camera del Lavoro e riuscì, scendendo in strada tra i rivoltosi, a far dare degna sepoltura ai cadaveri di Luisa e Carolina Porro, trucidate da una folla inferocita, vittime innocenti di una barbarie politica.

Monsignor Di Donna spirò il 2 gennaio 1952, dopo essere stato colpito tempo prima da un male incurabile, che sopportò senza mai lamentarsi. Il vescovo Di Donna amante dei poveri, umile, dalla straordinaria spiritualità, fu subito acclamato santo dal suo popolo. Dal 3 luglio 2008 è Venerabile.
  • Comune di Andria
  • Diocesi di Andria
  • mons. luigi mansi
Altri contenuti a tema
Elezioni politiche: il notaio Sabino Zinni candidato al Collegio uninominale della Camera per il Pd Elezioni politiche: il notaio Sabino Zinni candidato al Collegio uninominale della Camera per il Pd "È un tempo questo che va vissuto senza rinunciare a coltivare l'ambizione di un domani migliore", sottolinea il co fondatore del movimento Andria Bene in Comune
Ricerche in corso del feritore del 36enne, episodio avvenuto al quartiere Monticelli Ricerche in corso del feritore del 36enne, episodio avvenuto al quartiere Monticelli L'uomo ferito lievemente alla mano, si sarebbe frapposto ad un diverbio scoppiato davanti ad una sala scommesse
Colasuonno (Ass.Sicurezza):" Ad Andria la criminalità sta alzando il tiro, servono rinforzi ed intelligence"    Colasuonno (Ass.Sicurezza):" Ad Andria la criminalità sta alzando il tiro, servono rinforzi ed intelligence"    "È necessario fare argine insieme. Forse dell'ordine, politica e società civile" sottolinea l'esponente dell'esecutivo comunale
Assessore Loconte: "A fine mese partono i lavori di rifacimento di 17 km di rete urbana" Assessore Loconte: "A fine mese partono i lavori di rifacimento di 17 km di rete urbana" Ai circa 2,3 milioni resi dalla Regione per il progetto strada per strada, si aggiungono 160.000,00 € del Ministero dell'Interno
Incendio dei mezzi raccolta rifiuti: le forze di maggioranza esprimono solidarietà alla ditta ed ai lavoratori Incendio dei mezzi raccolta rifiuti: le forze di maggioranza esprimono solidarietà alla ditta ed ai lavoratori Nota del Partito Democratico, di Andria Bene in Comune, di Andria Lab 3 e di Futura Rete Civica Popolare
Accoltellamento nei pressi di una sala scommesse: ferito un 36enne Accoltellamento nei pressi di una sala scommesse: ferito un 36enne Il grave fatto di sangue sarebbe avvenuto intorno alle ore 20,15
Incendio di sterpaglie rischia di mandare in fumo villa su via vecchia Spinazzola: decisivo intervento dei Vigili del fuoco Incendio di sterpaglie rischia di mandare in fumo villa su via vecchia Spinazzola: decisivo intervento dei Vigili del fuoco Le fiamme hanno mandato distrutti due gazebo esterni alla costruzione. Sul posto Polizia Locale e Carabinieri
Incendio mezzi raccolta rifiuti, Sindaco Bruno: "Fare fronte comune contro malavita e illegalità" Incendio mezzi raccolta rifiuti, Sindaco Bruno: "Fare fronte comune contro malavita e illegalità" Dopo l'incontro con il Prefetto Riflesso, la Sindaca ha incontrato i lavoratori addetti al servizio di raccolta rifiuti
© 2001-2022 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.