I taralli
I taralli "senza sbarre" dal Papa
Cronaca

I taralli "senza sbarre" dal Papa, da Andria i detenuti in udienza a Roma

All'udienza papale, don Riccardo Agresti e il magistrato Giannicola Sinisi hanno presentato il progetto "Senza sbarre"

Per la prima volta, Don Riccardo Agresti e il magistrato Giannicola Sinisi hanno presentato al Pontefice, mercoledì 8 marzo, il progetto "Senza Sbarre". Il progetto, rivolto alle persone recluse nel carcere, che intende restituire loro dignità e speranza per combattere così il pericolo più grande: scongiurare che queste persone tornino a delinquere. E così che i detenuti di Andria hanno simbolicamente donato, a Papa Francesco, i "loro" taralli, insieme all'olio extra vergine d'oliva, frutto del loro lavoro.

All'udienza papale in Vaticano, con loro una rappresentanza della parrocchia "Gesù Crocifisso" di Andria.

Fondamentale, dice don Agresti, è «il sostegno del vescovo di Andria, monsignor Luigi Mansi, della Caritas e della Cei». Tra i progetti, l'ampliamento dello stabilimento che — all'interno della masseria in Contrada San Vittore, il patrono dei detenuti — già oggi consente la produzione di taralli, circa 8.000 chili al mese, che poi vengono venduti in alcuni supermercati del sud Italia».

Un progetto portato avanti con il contributo di imprenditori privati, ristoratori e associazioni, in particolare "Amici per la vita". Sostenuto fortemente dal vescovo Luigi Mansi, "Senza Sbarre" nasce su iniziativa di don Riccardo Agresti e don Vincenzo Giannelli, da anni impegnati nel volontariato in carcere. Un sogno diventato realtà. La masseria "San Vittore" un tempo dalla famiglia Azzariti, oggi di proprietà della diocesi pugliesi, è divenuto un vero e proprio laboratorio artigianale per la produzione di taralli, a mano libera. Ma soprattutto luogo di fiducia e speranza dove è possibile rieducare, reinserire e conciliare.

«Siamo una squadra con una fortissima motivazione interiore: reintegrare chi ha ancora molto da dare e non cedere, come ci insegna Papa Francesco, alla cultura dello scarto» sono le parole che, mercoledì 8 marzo, hanno presentato al Papa il progetto "Senza sbarre".
Progette Senza Sbarre dal PapaTaralli Senza Sbarre in udienza dal PapaProgetto Senza Sbarre dal PapaProgetto Senza SbarreProgetto Senza Sbarre dal PapaProgetto Senza Sbarre dal PapaProgetto Senza Sbarre dal Papa
  • Diocesi di Andria
  • papa francesco
  • don riccardo agresti
  • giannicola sinisi
  • mons. luigi mansi
  • Progetto Senza Sbarre
Altri contenuti a tema
Pellegrinaggio Macerata-Loreto: "Un cammino irriducibile" Pellegrinaggio Macerata-Loreto: "Un cammino irriducibile" L'esperienza di questo particolare evento, raccontata dal nostro concittadino Peppino Abbasciano
Don Ettore Lestingi: "Il mondo ha bisogno di un cuore… " Don Ettore Lestingi: "Il mondo ha bisogno di un cuore… " La riflessione del presidente Commissione Liturgica diocesana
Pastorale giovanile Diocesi di Andria: «Prendi il largo!» Pastorale giovanile Diocesi di Andria: «Prendi il largo!» Venerdì 7 Giugno alle ore 20, tutti gli animatori degli oratori della Diocesi si ritroveranno presso la Parrocchia del Sacro Cuore
Festa parrocchiale della chiesa Cuore Immacolato di Maria ad Andria Festa parrocchiale della chiesa Cuore Immacolato di Maria ad Andria Don Sabino Troia: «Per noi viverla significa anche accogliere la dimensione della pace». Il programma dei festeggiamenti
Corpus Domini: a chi serve questa Processione? Corpus Domini: a chi serve questa Processione? Riflessone di don Ettore Lestingi, Presidente Commissione Liturgica Diocesana
La Solennità del Corpo e Sangue del Signore: le celebrazioni ad Andria La Solennità del Corpo e Sangue del Signore: le celebrazioni ad Andria La Santa messa e l'itinerario della processione
Don Vito Miracapillo parla della sua lunga esperienza missionaria e sociale in Brasile Don Vito Miracapillo parla della sua lunga esperienza missionaria e sociale in Brasile Evento organizzato da Italia Nostra di Andria, venerdì 24 maggio alle ore 19.30, presso la chiesa di Sant' Anna in via Flavio Giugno 19
Il ricordo di Giovanni Falcone il 23 maggio alla Corte d’Appello di Bari Il ricordo di Giovanni Falcone il 23 maggio alla Corte d’Appello di Bari Conferiti riconoscimenti a familiari di vittime pugliesi della mafia
© 2001-2024 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.