Screenshot
Screenshot
Vita di città

Giorno del Ricordo, Bruno: "Andria rifiuta l'odio verso il diverso"

Oltre al Sindaco anche l'assessore alla Bellezza Di Bari che ha letto un passo di “Dentro l'Istria. Diario 1945-1947” di Miglia

Cerimonia stamane, alle 10.00, al Monumento ai Caduti, per la deposizione di una corona di alloro dinanzi al cippo che ricorda le vittime delle foibe. Sono intervenuti il Sindaco, avv. Giovanna Bruno, l'assessore alla Bellezza, Daniela Di Bari, i rappresentanti delle Forze dell'ordine.

La cerimonia è stata aperta da Benedetto Inchingolo, dell'associazione Puntoit e del Comitato 10 Febbraio.

Di seguito il testo degli interventi del Sindaco e dell'Assessore.

Il Saluto del Sindaco

Cari amici,
qualche volta il ricordo del tempo passato può tingersi del colore della retorica. Oggi, invece, ha un sapore amaro, una tinta forte o, meglio, ha il dolore di una piaga che brucia, poiché per troppo tempo questo flusso è stato ostruito da un dibattito controverso, in cui ci si poneva, pur sempre da Italiani, l'un contro l'altro armato. Le foibe sono il buco in cui è stata seppellita una parte della nostra storia contemporanea. E da quelle stesse cavità carsiche, molto simili alla natura delle nostre terre di Murgia, sono affiorati frammenti di storie semplici, quotidiane, narrate da famiglie di Fiume, Pola e altre località dalmate, arrivate profughe anche nella terra di Puglia, nella vicina Bari, dove non è difficile trovare cognomi istriani. Famiglie logorate da un viaggio in cui si consumava un dramma simile a quello iniziato solo alcuni anni prima in Europa: lasciare casa, affetti e brandelli di vita per cercare di dimenticare e ricostruire un viaggio, da Italiani.
Questa storia ci fa riflettere sull'assurdità della Guerra, ma ancor di più sulla follia della discriminazione di uomo contro uomo. Contro persone che avrebbero vissuto una vita in pace, sulle sponde di una terra confinante a Trieste, costrette a lasciare tutto e fuggire. Come alternativa, la morte.
Il ricordo è funzione attiva della memoria: sono legate strettamente, nel delicato e istintivo processo dell'elaborazione mentale. L'uomo ha memoria di ciò che VUOLE ricordare. Nella matta bestialità del II conflitto bellico mondiale, che tanto assomiglia a ciò che in questi tempi si va consumando in Medioriente, i narratori più illuminati hanno rivelato le tracce di un germe antico che non ci ha mai abbandonato: l'odio verso chi è diverso. Domenica scorsa, Papa Francesco ha riacceso il suo sogno: vedere il termine della guerra in Siria, il paradigma contemporaneo di tutti gli odii mai sopiti. Odii che hanno travolto l'incedere della nostra convivenza civile. Che hanno assurdamente contrapposto, nella giusta causa della Resistenza, i partigiani della Brigata Garibaldi a quelli della Brigata Osoppo. Odii che hanno legato le mani con il filo di ferro a decine di inermi civili, di seguito lanciati nelle voragini della terra, perché diversi, in una sorta di contrappasso animalesco che prevedeva la punizione e l'umiliazione dello sconfitto nemico.
Oggi, cari amici, il dramma è un film recente, in una Terra che non ha ancora scoperto il valore della PACIFICAZIONE nazionale. Un risvolto che riscopriamo, con dolore, ogniqualvolta ci troviamo divisi da steccati ideologici, da interessi o da semplici obblighi democratici, come ad esempio possono essere le elezioni. Il mio, mi permetto di dire, è il sogno di Francesco: che la Guerra finisca, ma che non sia solo la guerra combattuta con le armi convenzionali. Il dramma del Covid 19, infatti, ha molto da insegnare agli uomini distratti dalla contemporaneità. Che basta poco per abbandonare l'esistenza umana e che, in fondo, conviene riscoprire il bene di essere impegnati in un cammino lungo un tratto di esistenza nella storia. Cerchiamo, perciò, di ricordare, contro ogni residuo negazionista questo, oggi, sarà il migliore tributo verso quei martiri a cui fu sottratta la gioia della nostra convivenza democratica, frutto del sangue versato dagli italiani, che oggi ricordiamo avversari e non più come nemici.

Avv. Giovanna Bruno

Il Saluto dell'Assessore alla Cultura, Daniela Di Bari

"Ho atteso questo dieci febbraio nella trepidazione della notte insonne, fuori il vento ha fischiato sinistro, un lampione tremava e gettava la sua povera luce fredda nella mia finestra vuota; poi con la grande valigia ho camminato sulle strade della mia città quando il cielo era ancora buio, gli alberi dei Giardini erano scossi dal vento.
Lungo il Corso stretto mi seguiva il vento, che veniva gelido dal mare, molti negozi erano senza vetrine, strappati anche i vetri e le saracinesche, come volti senza occhi, i portoni dei palazzi erano aperti, le imposte lasciate libere si aprivano e si chiudevano nelle case abbandonate, come tombe scoperchiate.
Un vecchio, prima di salire sulla nave, si inchinò fino a terra e la baciò, poi si mise sulla poppa e io vidi la sua schiena che sussultava in un tremito convulso. Guardai ancora una volta la splendida banchina della mia riva, l'Arena e il palazzo dell'Ammiragliato, il ponte di Scoglio Olivi, le piccole case sulla mia collina, e scesi sotto coperta a fissare intontito la mia valigia".


Tratto da "Dentro l'Istria. Diario 1945-1947" di Guido Miglia, giornalista e insegnante a Trieste, nato nel 1919, originario di Pola e profugo nel 1947.
IMG WAIMG WAScreenshot
  • giovanna bruno
  • giorno del ricordo
Altri contenuti a tema
Gioventù Nazionale, foibe ed esodo: "No a revisionismi nelle scuole!" Gioventù Nazionale, foibe ed esodo: "No a revisionismi nelle scuole!" "Taglio riduzionista e giustificazionista della narrazione sul Giorno del Ricordo durante un convegno presso l’Ites-Les Carafa"
Zes Adriatica, conferenza stampa in sala giunta ad Andria Zes Adriatica, conferenza stampa in sala giunta ad Andria A seguire, il 22 febbraio alle 17.30, all'ex Mattatoio di via Canosa si svolgerà un convegno pubblico
“Il dono della vita”: alimentazione e prevenzione delle malattie al centro di un evento F.I.D.A.P.A. Andria “Il dono della vita”: alimentazione e prevenzione delle malattie al centro di un evento F.I.D.A.P.A. Andria Si terrà venerdì 16 febbraio, alle ore 16:30, presso l’auditorium I.C. Jannuzzi – Mons. Di Donna
Giorno del Ricordo: evento commemorativo all’ITES LES "Ettore Carafa" Giorno del Ricordo: evento commemorativo all’ITES LES "Ettore Carafa" I relatori intervenuti hanno approfondito le diverse sfaccettature di questa pagina dolorosa della nostra storia
10 Febbraio il giorno del ricordo: Carabinieri “Vittime con gli alamari” 10 Febbraio il giorno del ricordo: Carabinieri “Vittime con gli alamari” Bandiere a mezz’asta, così l’Arma Benemerita ricorda tutte le vittime e soprattutto i militari che sacrificarono la loro vita per la Patria
Giorno del Ricordo, celebrazioni anche ad Andria Giorno del Ricordo, celebrazioni anche ad Andria Cerimonia nel Parco della Rimembranza
Giorno del Ricordo: Andria celebra il 10 febbraio in memoria delle Vittime delle foibe Giorno del Ricordo: Andria celebra il 10 febbraio in memoria delle Vittime delle foibe Manifestazione su proposta delle associazioni “Punto it” e “Comitato dieci febbraio” presso il Monumento ai Caduti
Scomparsa Maria Fida Moro, il cordoglio del sindaco di Andria, Giovanna Bruno Scomparsa Maria Fida Moro, il cordoglio del sindaco di Andria, Giovanna Bruno La Prima cittadina è Presidente della Federazione dei Centri Studi “Aldo Moro e Renato Dell’Andro”
© 2001-2024 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.