pecore e capre sgozzate
pecore e capre sgozzate
Territorio

E dopo i cinghiali adesso è allarme lupi sulla Murgia: centinaia le pecore e capre sgozzate

E' quanto denuncia Coldiretti Puglia, a seguito del ritrovamento di pecore ferite e morte in pascoli e allevamenti

Ora occorre salvare le centinaia di pecore e capre sbranate, mucche sgozzate e asinelli uccisi in Puglia dove la presenza del lupo si è moltiplicata negli ultimi anni con il ripetersi di stragi negli allevamenti, una mattanza di capre, pecore e mucche nei pascoli e nelle stalle. E' quanto denuncia Coldiretti Puglia, a seguito del ritrovamento di pecore ferite e morte in pascoli e allevamenti, soprattutto sulle Murge dove si moltiplicano le denunce degli allevatori.

I numeri sembrano confermare che il lupo ormai, non è più in pericolo e – sottolinea la Coldiretti - impegnano le Istituzioni a definire un Piano nazionale che guardi a quello che hanno fatto altri Paesi UE come Francia e Svizzera per la difesa dal lupo degli agricoltori e degli animali allevati.
"Nelle campagne ci sono più animali selvatici, tra lupi, cinghiali e cani inselvatichiti che lavoratori agricoli e la situazione è drammatica in tutta la regione. Nel giro di dieci anni i lupi si sono moltiplicati, mettendo a rischio non solo gli animali nelle stalle e al pascolo, ma anche la vita stessa di agricoltori e pastori. In Puglia sono enormi le perdite registrate in campagna causate dalla fauna selvatica, con un danno pari ad oltre 14 milioni di euro", denuncia Savino Muraglia, presidente di Coldiretti Puglia.
Sono essenziali misure di contenimento – insiste Coldiretti Puglia - per non lasciar morire i pascoli e costringere alla fuga migliaia di famiglie che da generazioni popolano le aree rurali più difficili dove l'allevamento è l'attività principale, ma anche i tanti giovani che faticosamente sono tornati per ripristinare la biodiversità perduta con il recupero delle storiche razze pugliesi, come la pecora 'Gentile' di Altamura o la 'Moscia' leccese. Il problema dei grandi carnivori sta diventando insostenibile ed è necessario trovare una soluzione in tempi rapidi.
Serve responsabilità nella difesa degli allevamenti, dei pastori e allevatori che con coraggio continuano a presidiare le aree zootecniche e a garantire la bellezza del paesaggio. Senza i pascoli – afferma Coldiretti Puglia - aree straordinarie muoiono, l'ambiente si degrada e frane e alluvioni minacciano le città.
Negli ultimi anni si è reso necessario un continuo vigilare su greggi e mandrie, al fine di proteggerle dagli attacchi poiché recinzioni e cani da pastori spesso non sono sufficienti per scongiurare il pericolo. La resistenza degli agricoltori è al limite – spiega la Coldiretti – è urgente trovare nuove modalità di azione che permettano di organizzare in maniera più efficace un sistema di gestione di questi animali predatori, che non sono più specie in via di estinzione.
Del resto, questa situazione si somma – conclude Coldiretti Puglia - ai problemi di sovrappopolamento di numerose altre specie selvatiche, dai cinghiali agli storni, dai cormorani alle lepri, che si moltiplicano in una situazione di assoluta mancanza di adeguate misure di programmazione necessarie per evitare il conflitto con il lavoro agricolo.
centinaia le pecore e capre sgozzatecentinaia le pecore e capre sgozzate
  • Comune di Andria
  • coldiretti
  • Murgia
  • lupi
  • Parco nazionale alta murgia
Altri contenuti a tema
Raid dei predoni della Murgia sventato grazie al tempestivo intervento della Vegapol e dei Carabinieri Raid dei predoni della Murgia sventato grazie al tempestivo intervento della Vegapol e dei Carabinieri L'incursione compiuta in un'azienda agricola del territorio di Spinazzola
Castel del Monte circondato dalla fiamme: i Vigili del fuoco cinturano tutta la zona Castel del Monte circondato dalla fiamme: i Vigili del fuoco cinturano tutta la zona Corsa contro il tempo per non far giungere le fiamme vicino al maniero federiciano. È il sesto focolaio nelle ultime settimane
Vasto incendio a Castel del Monte: evacuato il maniero ed i ristoranti dai turisti presenti Vasto incendio a Castel del Monte: evacuato il maniero ed i ristoranti dai turisti presenti Mobilitata la Protezione civile regionale. Sul posto la Sindaca Giovanna Bruno ed il Presidente del parco Francesco Tarantini
Andria Bene in Comune: "La strumentalizzazione su qualsiasi cosa succeda in città da parte del centro destra andriese" Andria Bene in Comune: "La strumentalizzazione su qualsiasi cosa succeda in città da parte del centro destra andriese" "Più volte abbiamo suggerito all'opposizione di stare in silenzio su alcuni temi per evitare figuracce" sottolineano dal movimento civico che sostiene l'Amministrazione Bruno
Il Comune proroga la scadenza al 31 dicembre 2022, delle concessioni relative a posteggi o aree già assegnate Il Comune proroga la scadenza al 31 dicembre 2022, delle concessioni relative a posteggi o aree già assegnate La nota degli uffici per la Competitività Economica e Territoriale, Attività Produttive, Mercati e Fiere, Agricoltura, SUAP
Muore mentre usciva con la sua auto dal garage: è successo questa mattina ad Andria Muore mentre usciva con la sua auto dal garage: è successo questa mattina ad Andria Arresto cardiocircolatorio per un 86enne in via Rossini. Sul posto con i sanitari del 118 anche gli agenti della Polizia Locale
Controlli Polizia Locale e Carabinieri ad Andria: osservate speciali le bici elettriche Controlli Polizia Locale e Carabinieri ad Andria: osservate speciali le bici elettriche Finalmente giungono gli attesi posti di blocco nella Villa comunale ed al Monumento ai Caduti
Verso la nuova vita per Piazza Umberto e Palazzo Ducale: cantieri aperti anche ad agosto Verso la nuova vita per Piazza Umberto e Palazzo Ducale: cantieri aperti anche ad agosto Due luoghi simbolo della Città di Andria sottoposti ad importanti lavori di restauro urbano
© 2001-2022 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.