scuola
scuola
Scuola e Lavoro

Distinzione tra studenti vaccinati e non: l'associazione "Scuola è Vita" scrive al Garante della Privacy

Il presidente Pietro Lamorte sul Decreto Legge del 7 gennaio 2022: «Per la prima volta viene introdotta una discriminazione tra studenti»

L'associazione "Scuola è Vita" di Andria, nella persona del presidente Pietro Lamorte, ha scritto al Garante per la protezione dei dati personali chiedendo di intervenire in merito al Decreto Legge del 7 gennaio 2022 riguardante le "Misure urgenti per fronteggiare l'emergenza COVID-19, in particolare nei luoghi di lavoro, nelle scuole e negli istituti della formazione superiore".

In particolare, ad essere attenzionato dall'associazione è l'articolo 4 intitolato "Gestione dei casi di positività all'infezione da SARS-CoV-2 nel sistema educativo, scolastico e formativo", nel quale è previsto che nelle scuole secondarie di primo e secondo grado, "con due casi di positività nella classe, per coloro che diano dimostrazione di avere concluso il ciclo vaccinale primario o di essere guariti da meno di centoventi giorni oppure di avere effettuato la dose di richiamo, si applica l'autosorveglianza, con l'utilizzo di mascherine di tipo FFP2 e con didattica in presenza. Per gli altri soggetti, non vaccinati o non guariti nei termini summenzionati, si applica la didattica digitale integrata per la durata di dieci giorni".

«Per la prima volta – spiega Pietro Lamorte - viene introdotta una discriminazione tra studenti, in violazione dell'articolo 34 della Costituzione laddove recita che "la scuola è aperta a tutti" e, per venire alla competenza del Garante Privacy, in totale violazione della disciplina in materia di protezione dei dati personali. Lo stesso Garante, con lettera del 23 settembre u.s., indirizzata al Ministero dell'Istruzione, aveva perentoriamente dichiarato che "L'Autorità ricorda inoltre che, secondo il quadro normativo vigente, agli istituti scolastici non è consentito conoscere lo stato vaccinale degli studenti del primo e secondo ciclo di istruzione, né a questi (a differenza degli universitari) è richiesto il possesso e l'esibizione della certificazione verde per accedere alle strutture scolastiche", per poi concludere con una considerazione di buonissimo senso "L'Autorità ribadisce la necessità che vengano in ogni caso individuate modalità che non rendano identificabili gli studenti interessati, anche al fine di prevenire possibili effetti discriminatori per coloro che non possano o non intendano sottoporsi alla vaccinazione".

In assenza di intervento urgente e tempestivo del Garante, già da lunedì 10 gennaio 2022, - conclude Pietro Lamorte - data della ripresa delle attività scolastiche in tutta Italia, gli studenti non vaccinati o comunque non in regola con l'iter vaccinale, si troverebbero esposti al pubblico ludibrio, con il rischio di subire danni irreversibili nel delicatissimo percorso di crescita emotiva ed umana, in una età che necessita della massima protezione di tutti gli aspetti della privacy».
  • Scuola
Altri contenuti a tema
Maestra accusata di violenze sui suoi alunni. Parla il difensore: "Il processo non è affatto concluso" Maestra accusata di violenze sui suoi alunni. Parla il difensore: "Il processo non è affatto concluso" L'avvocato Carmine Di Paola: "Insegnante amata e difesa dalla quasi totalità della classe ed attaccata da una sparuta minoranza di genitori prima e di alunni poi"
Armato di ascia tenta di aggredire contendente davanti all'uscita dei bambini da edificio scolastico: intervento coraggioso di una vigilessa Armato di ascia tenta di aggredire contendente davanti all'uscita dei bambini da edificio scolastico: intervento coraggioso di una vigilessa E' accaduto intorno alle ore 13.30 in via Murge. L'uomo è stato condotto presso il Comando della Polizia Locale di Andria
Condannata in Appello la maestra di Andria accusata di violenza contro i suoi alunni Condannata in Appello la maestra di Andria accusata di violenza contro i suoi alunni In primo grado la donna era stata assolta dal Giudice dell'udienza preliminare di Trani
Simonetta Gola, vedova di Gino Strada, fondatore di Emergency, ad Andria per l'inaugurazione del CPIA Bat Simonetta Gola, vedova di Gino Strada, fondatore di Emergency, ad Andria per l'inaugurazione del CPIA Bat Cerimonia martedì 17 maggio alla presenza delle autorità del territorio
I Carabinieri di Andria a Canosa di Puglia, "A scuola di legalità" I Carabinieri di Andria a Canosa di Puglia, "A scuola di legalità" I militari dell'Arma Benemerita, con il Tenente Pietro Zona, hanno incontrato gli studenti dell’Einaudi
Il 3° Circolo "Cotugno" partecipa al progetto“Una Rete per il Sud: obiettivo STEAM” Il 3° Circolo "Cotugno" partecipa al progetto“Una Rete per il Sud: obiettivo STEAM” Impegnati nella sfida “Come contribuire a ridurre il divario di genere nell’accesso ai percorsi formativi e alle professioni STEAM?”
Il 14 settembre si torna a scuola, fino al 10 giugno 2023 Il 14 settembre si torna a scuola, fino al 10 giugno 2023 Approvato il calendario scolastico 2022-2023
Incontro per genitori eletti nei Consigli di Istituto delle scuole di Andria Incontro per genitori eletti nei Consigli di Istituto delle scuole di Andria Promosso dal Comitato presidenti di Circolo e di Istituto
© 2001-2022 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.