Onda d'Urto onlus
Onda d'Urto onlus
Attualità

Coronavirus: "Combattere l'ignoranza per il bene della salute di tutti"

L'associazione Onda d’Urto – Uniti contro il Cancro onlus lancia un pubblico appello

Elezioni Amministrative 2020
Candidati sindaco
Candidati al consiglio comunale
Elezioni Regionali 2020
E' un preciso e chiaro appello quello che lancia l'associazione Onda d'Urto, Uniti contro il cancro onlus, ad assumere tutti dei comportamenti responsabili.

"Lungi da noi fare commenti e considerazioni sulla gestione dell'epidemia coronavirus, si avete letto bene, EPIDEMIA, e sul comportamento IRRESPONSABILE di alcuni concittadini ed esercenti andriesi. Oramai il danno è fatto. Andiamo avanti e ai fatti.
Onda d'Urto , e come noi tante altre associazioni, si è costituita a difesa dei più deboli, bambini e giovani ammalati di cancro, e non può restare in silenzio davanti a questo vergognoso menefreghismo che parte proprio dai giovani e i loro genitori.
L'ignoranza va combattuta a 360°, l'ignoranza va sbattuta in faccia a chi continua ancora oggi a sminuire quello che sta accadendo attraverso un comportamento irresponsabile.
RISPETTATE LE PRESCRIZIONI E I DIVIETI, da subito. Non aspettate le"istituzioni" e le loro indicazioni. E' dal pomeriggio del 4 marzo 2020 che TUTTI NOI sappiamo cosa è giusto e cosa sia sbagliato fare.
Non c'è nulla allo stato attuale che possa fermare il propagarsi del virus ed è FATTO OBBLIGO difendere i più deboli. Lo capite che in queste circostanze ci sono PRIORITA' è quelle sono oggi il CONTENIMENTO DEL VIRUS che si ottiene solo con la quarantena e attenendosi alle prescrizioni che non stiamo qui ad elencarvi (lavarsi spesso le mani, evitare luoghi affollati e assembramenti) e soprattutto con credete ALLE BALLE DEL CALORE CHE AMMAZZA I VIRUS o altre bufale che girano sui social.

IL VIRUS E' SCONOSCIUTO A TUTTI GLI SCIENZIATI DEL MONDO E NESSUNO CONOSCE IL SUO COMPORTAMENTO ANCHE A TEMPERATURE PIU' CALDE.
Vergognatevi ! Vergognatevi se siete giunti dalle zone rosse (ultima Lombardia e altre 14 province) e non vi siete "autodenunciati" mettendo a rischio altri nostri concittadini (tra i quali vostri amici e parenti in primis)
Dalle istituzioni, come ASL e Comune di Andria, PRETENDIAMO TRASPARENZA è notizie certe, augurandoci che ci sia collaborazione con la Regione Puglia. NON SI DEVE PERMETTERE che delle persone ignoranti con dei semplici vocali possano creare panico e allarmismo, è inconcepibile.
Alla ASL: AIUTATE I NOSTRI MEDICI E INFERMIERI mettendoli in condizioni di lavorare nel modo più sereno (in questi tempi un eufemismo) INFROMANDOLI PER TEMPO, hanno il DIRITTO di tutelarsi e tutelare chi visitano.
A tutti i menefreghisti e ignoranti (le definizioni vanno a pari passo) va ricordato che NON E' IL VIRUS IN SE' (anche se questa tesi viene messa in discussione da parecchi scienziati) ma è LA MANCANZA DI POSTI LETTO IN TERAPIA INTENSIVA il PROBLEMA PRINCIPALE. Gli infettati con problemi seri DEVONO AVERE UN POSTO LETTO IN TERAPIA INTENSIVA.
Chiediamo:
  1. Al Commissario prefettizio di mettere in atto tutto quello che è in suo potere, anche con l'ausilio delle forze dell'ordine ove si renda necessario, che tutti i cittadini, le imprese e tutte le attività commerciali RISPETTINO LE PRESCRIZIONI (non la chiusura!);
  2. Al Direttore della ASL BT , di rendere edotta GLI OPERATORI SANITARI e la POPOLAZIONE sull'evolversi della situazione nella nostra città e il nostro territorio, NE ABBIAMO IL DIRTTO E VOI IL DOVERE;
  3. Ai cittadini di uscire solo se strettamente necessario e di continuare una vita quotidiana con le dovute precauzioni oramai note e soprattutto di non AFFOLLARE PRONTO SOCCORSO E STUDI MEDICI utilizzando il triage telefonico ove possibile;
  4. Ai cittadini che hanno transitato o provengono (nell'arco degli ultimi 24 giorni) dalle zone rosse Lombardia e altre 14 province Modena, Parma, Piacenza, Reggio Emilia, Rimini, Pesaro e Urbino, Venezia, Padova, Treviso, Asti, Vercelli, Novara, Verbano Cusio Ossola e Alessandria;
  5. Ai cittadini coscienziosi chiediamo di tenere duro e di denunciare chi infrange le restrizioni.

I numeri da chiamare sono:

Regione Puglia: 800 713 931

ASL BT: 0883299502 - 0883299505 - 0883299515
Oppure compilando e inviando un modulo che possono trovare su questo sito all'indirizzo direzione.sisp@aslbat.it
  • Comune di Andria
  • onda d'urto
Coronavirus

Speciale Coronavirus

Tutte le notizie sulla pandemia che ha cambiato il mondo

1025 contenuti
Altri contenuti a tema
Incendio di sterpaglie nei pressi di via Vecchia Barletta: intervento dei Vigili del Fuoco Incendio di sterpaglie nei pressi di via Vecchia Barletta: intervento dei Vigili del Fuoco Le fiamme si sono sviluppate tra alcune palazzine e la linea ferroviaria della Bari nord. Odore acre nella zona di via Barletta-Monticelli-piazza Municipio
Coronavirus, 16 nuovi casi in Puglia e zero decessi Coronavirus, 16 nuovi casi in Puglia e zero decessi Un caso attribuito ieri a Bari è stato assegnato oggi alla provincia Bat
1 No all' attività elettorale in aree di pertinenza parrocchiale No all' attività elettorale in aree di pertinenza parrocchiale La segnalazione giunge da don Adriano Caricati, parroco della chiesa del Sacro Cuore di Gesù e dalla Comunità parrocchiale
Misure anti Covid-19: scatta da domani obbligo di mascherina in discoteca e all'aperto se necessario Misure anti Covid-19: scatta da domani obbligo di mascherina in discoteca e all'aperto se necessario Pubblicata la nuova ordinanza della Regione Puglia per arginare i nuovi focolai scoppiati in questi giorni
1 Coronavirus, 4 andriesi positivi. Sono turisti di rientro da Malta Coronavirus, 4 andriesi positivi. Sono turisti di rientro da Malta Si sono autosegnalati al rientro. Solo successivamente si è aggiunto un quinto caso, anch'egli proveniente da Malta
Coronavirus: la Puglia registra 33 nuovi casi, cinque nella provincia Bat Coronavirus: la Puglia registra 33 nuovi casi, cinque nella provincia Bat Non si registrano nuovi decessi. I chiarimenti dei direttori generali delle Asl provinciali
Obbligo di isolamento fiduciario di 14 giorni per chi rientra in Puglia nella propria abitazione da Grecia, Malta e Spagna Obbligo di isolamento fiduciario di 14 giorni per chi rientra in Puglia nella propria abitazione da Grecia, Malta e Spagna Il testo dell'ordinanza emessa dalla Regione per contenere il diffondersi degli ultimi focolai
Covid 19: Venti casi in Puglia e due nella Bat. Attenzione ai rientri dall'estero Covid 19: Venti casi in Puglia e due nella Bat. Attenzione ai rientri dall'estero Le dichiarazioni dei Direttori generali della Asl di Bari, della Bat, di Lecce e Taranto
© 2001-2020 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.