Affitto Bacheca
Affitto Bacheca
Scuola e Lavoro

Concorso a cattedra, partito il conto alla rovescia

L'iscrizione è possibile entro il 7 novembre. Tutti pazzi per il concorso

Colleghi docenti e aspiranti tali: è giunta l'occasione di una vita.
Il 26 settembre è stato pubblicato il bando che tutti coloro che ancora credono nell'opportunità irrinunciabile di svolgere una delle professioni più antiche e nobili, attendevano. Il gioco a quiz è pronto. Il premio in palio? Una cattedra tutta nostra. Diamo un'occhiata ai dettagli.
I posti disponibili sono 11542, numero soggetto a variazione; tali posti sono ripartiti nelle regioni italiane, alle quali verranno presentate le domande ( se ne può scegliere una sola). L'iscrizione alle prove è possibile entro il 7 novembre, compilando il modello delle istanze online della piattaforma Polis. Per la scuola secondaria possono partecipare al concorso tutti gli abilitati (ossia tutti coloro che hanno già superato un esame di Stato ) e tutti coloro che hanno conseguito una laurea valida per l'insegnamento delle varie discipline entro il 7 giugno 99 data di entrata in vigore del D.I. n.460; per la scuola primaria tutti i laureati in scienze della formazione e coloro che hanno conseguito il diploma dell'istituto magistrale sempre prima del d.i. 460. Le prove previste saranno tre: la prima consisterà in un test di 50 quesiti per soddisfare il quale bisognerà essere ferrati in logica, informatica, inglese, comprensione dei testi. Il tutto si consumerà in 50 minuti dinanzi ad un pc, con risultati immediati. Chi dovesse ottenere un punteggio uguale o superiore ai 35 punti avrà accesso alla seconda prova, dovrà cioè cimentarsi con delle domande aperte ed elaborati relativi alla propria disciplina.
Ultimo gradino sarà un colloquio orale, in cui si potranno sfoggiare le proprie capacità oratorie e affabulatorie poiché si terrà una lezione dinanzi alla commisione che valuterà il futuro docente.

Al termine delle prove i concorrenti vincitori saranno inseriti in una nuova graduatoria che affiancherà quella ad esaurimento già esistente; si attingerà da entrambe, nella misura del 50% e 50% per affidare gli incarichi.
In bocca al lupo a tutti!

Ah, dimenticavo, se vinciamo una cattedra, forse ci danno anche l'ipad per lavorare... ne vale proprio la pena, no?

  • Scuola
Altri contenuti a tema
Unimpresa Bat: "Anche quest'anno i libri della scuola primaria sono un miraggio" Unimpresa Bat: "Anche quest'anno i libri della scuola primaria sono un miraggio" Il ritardo sarebbe addebitabile alla procedura adottata dall'Ufficio Pubblica Istruzione del Comune
Puglia, pochi insegnanti di sostegno. Si consiglia di lasciare a casa i ragazzi Puglia, pochi insegnanti di sostegno. Si consiglia di lasciare a casa i ragazzi Anffas: «Discriminazione per evitare la quale alcuni genitori si sono offerti come insegnanti ad interim per i propri bambini»
Libri di testo, Sinisi (Confcommercio): “Chiediamo chiarezza su alcune procedure” Libri di testo, Sinisi (Confcommercio): “Chiediamo chiarezza su alcune procedure” Chiesto l’intervento del Commissario prefettizio Tufariello in merito ad una vicenda che riguarda un cartolibraio associato
IV edizione della Settimana Nazionale della Dislessia: tutti gli appuntamenti nella Bat IV edizione della Settimana Nazionale della Dislessia: tutti gli appuntamenti nella Bat Iniziative nelle scuole di Trani, Andria e Bisceglie
Insegnanti a scuola di Protezione Civile presso il Dipartimento regionale Insegnanti a scuola di Protezione Civile presso il Dipartimento regionale Il percorso formativo per i docenti -che coinvolgerà anche Andria- si svilupperà nell’arco di 5 giornate
Vicenda comodato d’uso gratuito per i libri di testo: si paventa la lesione della privacy da parte di alcune scuole Vicenda comodato d’uso gratuito per i libri di testo: si paventa la lesione della privacy da parte di alcune scuole Nota del comitato Genitori Andriesi che stigmatizza l’operato poco corretto tenuto da addetti ai lavori di alcune scuole cittadine
Testi in comodato d’uso gratuito per scuole secondarie, Comitato Genitori Andriesi: "Non ci sentiamo agitatori di popolo" Testi in comodato d’uso gratuito per scuole secondarie, Comitato Genitori Andriesi: "Non ci sentiamo agitatori di popolo" E' il tempo dei chiarimenti su una vicenda che ci auguriamo al più presto possa completamente definirsi
25 milioni per le scuole pugliesi, se ne parla domani in un seminario 25 milioni per le scuole pugliesi, se ne parla domani in un seminario L'iniziativa della Uil Puglia a Bari
© 2001-2019 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.