Antonio Nespoli
Antonio Nespoli
Politica

Chiusura CPI e riorganizzazione uffici comunali: Nespoli chiede ulteriori chiarimenti all'ass. Lopetuso

Il consigliere azzurro rivolge una nuova interrogazione con risposta scritta, dopo le dichiarazioni rese dall'Amministrazione comunale

Non si è fatta attendere la replica del consigliere di Forza Italia, avv. Antonio Nespoli alle dichiarazioni rese dall'Assessore comunale avv. Michele Lopetuso.
Il consigliere azzurro Nespoli infatti, ha prodotto una nuova interpellanza con risposta per iscritto proprio a seguito del comunicato stampa che riporta le dichiarazioni di Lopetuso. Eccola integralmente:

Il sottoscritto consigliere comunale,
Premesso che:
con contratto n. 1284 di rep. del 10.01.1991, registrato all'Agenzia delle Entrate di Barletta il 15.01.1991 al n. 99 mod. I, vennero assunti in fitto i locali in Via Spontini nn. 10 - 12 e 14 angolo Via Carissimi, adibiti a sede Centro per l'Impiego, di proprietà del Sig. Marchio Riccardo, per la durata di anni sei, al canone annuo aggiornato in base all'indice ISTAT dell'anno 2008, pari all'importo di €. 43.582,92, con nuova scadenza contrattuale al 30.03.2021;
in esecuzione dell'art. 24 comma 4 del D. Lgs. n. 66/2014, con Determinazione Dirigenziale n. 2451 del 4.7.2014 il canone annuo di locazione del suddetto immobile veniva ridotto del 15%, portandolo ad 38.507,00;
il canone locativo è attualmente convenuto in euro 3.208,98 mensili, da pagarsi in rate trimestrali anticipate;

Considerato che:
il Comune di Andria, allo stato, è moroso di tutte le mensilità maturate da aprile 2017 (compreso) fino al mese di marzo 2019, per un totale di 24 mesi e per un importo complessivo di euro (3.208,98 x 24) 77.015,52;
risulterebbe che il locatore ha più volte intimato, senza esito, il conduttore (Comune di Andria) ad adempiere al pagamento delle mensilità arretrate;

Rilevato che:
risulta pendente una procedura di sfratto per morosità presso il Tribunale di Trani per l'immobile de qua, la cui esecuzione è oramai prossima;
l'eventuale esecuzione dello sfratto non solo priverebbe la comunità andriese di un rilevante servizio quale il Centro per l'Impiego, in un periodo storico particolarmente complesso sul fronte occupazionale, ma di fatto farebbe gravare sull'Ente anche rilevanti spese legali legate alla procedura di che trattasi, oltre ai canoni pregressi da corrispondere;

Evidenziato che:
l'assessore al Patrimonio Avv. Lopetuso, per il tramite dell'Ufficio Stampa dell'Ente, ha dichiarato che è in fase di definizione un piano complessivo di riorganizzazione degli spazi destinati agli uffici comunali, soprattutto di quelli per i quali vi è il pagamento, a carico del Comune, di canoni di locazione;
per il predetto Centro per l'Impiego è in via di definizione con la firma della convenzione, una soluzione che prevede di utilizzare i locali attualmente occupati dal Settore Ambiente e Mobilità in via Potenza, angolo viale Venezia Giulia. Analogamente, anche per il Settore Servizi Sociali è previsto lo spostamento da via Mozart, dove occupa un intero immobile privato, nella sede comunale degli uffici di piazza Trieste e Trento;

Per questi motivi, ai sensi dell'art. 5 del Regolamento del Consiglio Comunale, interroga il Sindaco al fine di conoscere, anche alla luce delle dichiarazioni rilasciate ufficialmente dall'Assessore al Patrimonio Avv. Lopetuso:

- se ed in quale data è stata effettuata formale disdetta dei contratti di locazione per gli immobili che ospitano sia il Centro per l'Impiego che quelli relativi al Settore Socio Sanitario;
- in quali provvedimenti ufficiali è prevista la riorganizzazione dei suddetti spazi comunali;
- la data in cui sono stati emessi gli ultimi mandati di pagamento, con richiesta di relative copie contabili, sia per gli Uffici del Centro per l'Impiego che per i locali che ospitano il Settore Socio Sanitario. Si richiede la risposta per iscritto ai sensi dell'art. 5 comma 2 del Regolamento di C.C.", conclude l'interrogazione del consigliere comunale avv. Antonio Nespoli.
  • Comune di Andria
  • antonio nespoli
  • Centro per l'Impiego Andria
Altri contenuti a tema
Tassa rifiuti, Michele Coratella (M5S): "Arriva un nuovo aumento del 15%" Tassa rifiuti, Michele Coratella (M5S): "Arriva un nuovo aumento del 15%" Immagine impietosa quella che traccia il capogruppo pentastellato della situazione a Palazzo San Francesco
Comune: dirigente Settore finanziario la scelta tra una rosa di sei nomi Comune: dirigente Settore finanziario la scelta tra una rosa di sei nomi Rinviato invece al 26 marzo il colloquio per il Dirigente tecnico
Consiglio Comunale: approvati tutti gli argomenti all'odg, tenuta della maggioranza Consiglio Comunale: approvati tutti gli argomenti all'odg, tenuta della maggioranza Questa sera quindi non si terrà alcuna seduta. Via libera alla variante per l'ampliamento dell'industria Sanguedolce
Affissioni pubblicitarie: spunta un esposto su asserita nuova irregolarità Affissioni pubblicitarie: spunta un esposto su asserita nuova irregolarità Il documento è stato inviato con pec a tutti i componenti del consiglio comunale, paventati danni erariali
Andria celebra la giornata della "Festa della Primavera” Andria celebra la giornata della "Festa della Primavera” Iniziativa di “FareAmbiente - laboratorio verde" di Andria e  dell’Istituto Scolastico Secondario di 1° grado "G. Salvemini"
Via Giovanni Gentile: la culla dell’inciviltà di alcuni andriesi Via Giovanni Gentile: la culla dell’inciviltà di alcuni andriesi Drammatica situazione segnalata dalla segreteria del Partito Democratico di Andria
Occupazione suolo pubblico, la Polizia locale sui cantieri edili Occupazione suolo pubblico, la Polizia locale sui cantieri edili Un terzo delle imprese controllate non sono in regola, avendo evaso il previsto tributo comunale
Troppe le cose non vere dette sul conto della Soc. AndriaMultiservice Troppe le cose non vere dette sul conto della Soc. AndriaMultiservice L’Amministratore unico della Società in house del comune di Andria, il dr. Martiradonna replica alle accuse dell'USB         
© 2001-2019 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.