caporalato
caporalato
Cronaca

Caporalato, giro di vite dei carabinieri: oltre 50 arresti dall'inizio dell'anno

Bari e Bat le province capofila. Task forse da giugno al lavoro

Giro di vite da parte dei carabinieri nei confronti dei fenomeni di caporalato e riduzione in schiavitù nelle aziende agricole, nella pastorizia e nel campo della manifattura. Il totale di arresti operati dai militari nel recente periodo ammonta a 51 in tutta la Puglia, con le province di Bari e Bat interessate da 69 controlli totali, che dal 1 gennaio 2019 hanno portato all'arresto di 9 persone di cui uno straniero (otto caporali e un imprenditore), 55 denunce in stato di libertà (otto all'indirizzo di stranieri) e 133 ammende/sanzioni amministrative per un totale di 1 milione 365.187 euro. Controlli sono stati effettuati su 264 lavoratori, di cui 109 stranieri e 8 clandestini.

L'indagine ha fatto emergere un'inedita situazione di caporalato e sfruttamento del lavoro in provincia di Taranto, dove sono stati eseguiti 33 arresti e 40 denunce, per sanzioni da oltre 1 milione e 500mila euro. A seguire le province di Brindisi (4 arresti, 46 denunce), Lecce (3 arresti e 31 denunce) e Foggia (2 arresti e 39 denunce).

Dal 1 giugno 2019, inoltre, in ogni provincia è stata attivata una task force specialistica coordinata dal nucleo carabinieri ispettorato del lavoro di Napoli, che ha giurisdizione in tutto il Mezzogiorno. La task force provinciale di Bari, gestita dal comando di Monopoli, ha operato con un drone che ha permesso di eseguire operazioni a distanza e durature nel tempo. A Bari e provincia, come hanno evidenziato i fatti di cronaca nera degli ultimi mesi, quello del caporalato è un fenomeno trasversale che interessa aziende manifatturiere oltre che agricole e pastorali.

Sono state accertate le condizioni disumane di molti lavoratori, alcuni pagati 2 euro l'ora. La paga oraria, nei casi su cui hanno fatto lucei carabinieri, non superava mai i 2,50 euro su base oraria, fino a volte ad arrivare anche a 70 centesimi. Le testimonianze offerte dai lavoratori, nella grande maggioranza stranieri, ai carabinieri hanno permesso agli inquirenti di stabilire come braccianti, operai e stallieri fossero costretti ad accettare quelle condizioni a causa del bisogno di mantenere le famiglie nei paesi di provenienza. Alcuni operai non riposavano dal 2017, altri da gennaio, e anche le pause per il pranzo venivano detratte dalla paga oraria.

In quasi tutti i casi le condizioni alloggiative degli sfruttati erano prive di requisiti minimi di igiene, decoro e sicurezza. I pastori vivevano con le bestie, in stalle senza servizi igienici, bevendo e cucinando con la stessa acqua messa a disposizione delle mandrie. Nei casi di aziende tessili di import export le condizioni alloggiative erano leggermente migliori, ma i lavoratori venivano sorvegliati con le telecamere installate dal caporale. Spesso si tratta di "invisibili", persone senza permesso di soggiorno e senza contratto. L'unica minima differenza era il tempo di impiego: chi lavorava da meno tempo aveva spesso condizioni più pesanti.
WhatsApp Image atWhatsApp Image atWhatsApp Image atWhatsApp Image at
  • caporalato
Altri contenuti a tema
Rete del lavoro agricolo nella Bat: "Siamo sulla strada giusta" Rete del lavoro agricolo nella Bat: "Siamo sulla strada giusta" Cgil e Flai: "Una battaglia di civiltà che così continuiamo a combattere"
Caporalato in agricoltura, piaga sociale da combattere Caporalato in agricoltura, piaga sociale da combattere In Prefettura al via l'iter per la Rete del lavoro agricolo di qualità
Sicurezza sui luoghi di lavoro e lotta al caporalato: riunioni operative da parte della Asl/Bt e Prefettura di Barletta Sicurezza sui luoghi di lavoro e lotta al caporalato: riunioni operative da parte della Asl/Bt e Prefettura di Barletta Due importanti vertici per avviare una serie di iniziative a tutela dei lavoratori e per la legalità
Riunione della Conferenza regionale dell'Autorità di Pubblica Sicurezza Riunione della Conferenza regionale dell'Autorità di Pubblica Sicurezza Si è parlato della tutela del personale delle Guardie mediche e del fenomeno del caporalato
Morte braccianti nel foggiano, Simone (Forza Italia): "Una tragedia che racchiude molti problemi irrisolti" Morte braccianti nel foggiano, Simone (Forza Italia): "Una tragedia che racchiude molti problemi irrisolti" Intervento del responsabile del dipartimento Enti locali Puglia di Forza Italia
Zinni (ESP): "Due giorni, 16 braccianti morti…" Zinni (ESP): "Due giorni, 16 braccianti morti…" «Queste morti ci sbattono in faccia la triste realtà di un problema fra i più complessi che ci troviamo di fronte»
Associazione dedita al caporalato sgominata dalla Finanza, operava anche su terreni nell'agro di Andria. VIDEO Associazione dedita al caporalato sgominata dalla Finanza, operava anche su terreni nell'agro di Andria. VIDEO Coinvolta azienda biscegliese: 3 persone arrestate, obbligo di dimora per 4 persone, sequestro di oltre un mln di beni
Coldiretti Puglia: "Tutti i contadini sono caporali? Basta campagne denigratorie senza frontiere" Coldiretti Puglia: "Tutti i contadini sono caporali? Basta campagne denigratorie senza frontiere" In Puglia in 5 anni è aumentata del 6% il numero degli occupati in agricoltura
© 2001-2019 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.