Provincia di Foggia
Provincia di Foggia
Politica

«Caos istituzionale»: le province restano in vita ma svuotate

La non conversione in legge del 188/2012 apre un possibile conflitto di ruoli e competenze. Entro il 31 dicembre dovrebbe iniziare il trasferimento delle funzioni ai Comuni

L'esultanza, per la non conversione del decreto legge n.188/2012 sul riordino delle province e la conseguente non abolizione della BAT assieme ad altre 30 Province italiane, è durata poco poichè ora giunge il vero dilemma da dissipare: cosa accadrà alle province? Infatti, la decadenza del decreto stesso non completa il processo di riforma avviato e lascia le funzioni assegnate alle Province definite dall'articolo 23 comma 14 del D.L. n. 201/2011, convertito, con modificazioni, dalla L. n. 214/2011, il cosiddetto decreto «salva Italia».

Di conseguenza alla Provincia, dovrebbe spettar solo una funzione di indirizzo e di coordinamento delle attività dei Comuni nelle materie e nei limiti indicati con legge statale o regionale, secondo le rispettive competenze. «All'esito della procedura di riordino, sono funzioni delle province quali enti con funzioni di area vasta»: in questa riga c'è tutto il caos istituzionale che si creerà saltata la conversione in legge del D.L. 188/2012. L'articolo 17 della legge 135 del 2012, infatti, implica che vi è una sostanziale non riconoscibilità delle funzioni contemplate nello stesso articolo: e quindi salterebbe la pianificazione territoriale, la valorizzazione dell'ambiente, la pianificazione dei trasporti, la gestione delle strade, la programmazione della rete scolastica e la gestione dell'edilizia scolastica.

Il decreto «salva Italia», inoltre, correlato agli articoli 117 e 118 della Costituzione, «fatte salve le funzioni di cui al comma 14, lo Stato e le Regioni, con propria legge, secondo le rispettive competenze, provvedono a trasferire ai Comuni, entro il 31 dicembre 2012, le funzioni conferite dalla normativa vigente alle Province, salvo che, per assicurarne l'esercizio unitario, le stesse siano acquisite dalle Regioni». Di conseguenza non sono state appostate risorse sufficienti a mantenere in vita tutte le Province italiane ed entro il 31 dicembre, paradossalmente, si dovrebbe iniziare il trasferimento delle funzioni dalle Province ai Comuni tranne se alcune funzioni non siano acquisite dalle Regioni stesse. Il caos istituzionale è assicurato.
  • Provincia Bat
  • Riordino Province
  • news andria
Altri contenuti a tema
"Il Gusto dell’Inclusione”: il nuovo progetto rivolto agli studenti delle scuole superiori "Il Gusto dell’Inclusione”: il nuovo progetto rivolto agli studenti delle scuole superiori Promosso dalla Provincia Bat nell’ambito delle politiche a sostegno dei giovani
Incremento dell'attività dei Carabinieri Forestali nella Bat durante il 2019 Incremento dell'attività dei Carabinieri Forestali nella Bat durante il 2019 Ben 465 i reati perseguiti a fronte di 287 persone denunciate e 144 sequestri penali
Indagini e verifiche dei solai e controsoffitti in 30 scuole della Provincia Bat Indagini e verifiche dei solai e controsoffitti in 30 scuole della Provincia Bat Ottenuto un finanziamento di 300mila euro dal Ministero dell'Istruzione
Svincoli al buio nel tratto di Andria della ex sp 231: timori per la viabilità stradale Svincoli al buio nel tratto di Andria della ex sp 231: timori per la viabilità stradale Una situazione che perdura ormai da molto tempo, purtroppo in alcuni casi da anni
Rifiuti, Troia (Verdi): "Necessario passaggio da Tassa a Tariffa" Rifiuti, Troia (Verdi): "Necessario passaggio da Tassa a Tariffa" Secondo il componente dell'esecutivo regionale dei Verdi "ancora lontani per avere classe politica lungimirante ed accorta"
Sede legale ad Andria della Bat: fu il consiglio provinciale di Bari a deciderlo nel 2009 Sede legale ad Andria della Bat: fu il consiglio provinciale di Bari a deciderlo nel 2009 Lo ricorda Cesareo Troia, all'epoca consigliere e capogruppo provinciale dei Verdi
Trasferimento uffici Bat a Barletta, Mirko Malcangi: "Sgarbo istituzionale senza precedenti" Trasferimento uffici Bat a Barletta, Mirko Malcangi: "Sgarbo istituzionale senza precedenti" L'esponente del gruppo "Partecipa" Andria chiede una pronuncia anche del Commissario Tufariello
Scamarcio (FI): "Non è pensabile che gli uffici della BAT vengano trasferiti da Andria a Barletta" Scamarcio (FI): "Non è pensabile che gli uffici della BAT vengano trasferiti da Andria a Barletta" Il Coordinatore provinciale di FI-Giovani Bat, attacca l'ex consigliera Laura Di Pilato
© 2001-2020 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.