Giuseppe De Benedictis
Giuseppe De Benedictis
Cronaca

Arresto bis De Benedictis. Il sospetto: «Armi custodite per i clan»

Custodiva un «arsenale degno di una cosca mafiosa», ma il timore è che lo facesse per conto dei clan

Custodiva un «arsenale degno di una cosca mafiosa», ma il sospetto degli inquirenti della Dda di Lecce è che l'ex gip di Bari Giuseppe De Benedictis detenesse quelle armi anche per conto di clan, «di soggetti terzi - si legge negli atti - appartenenti a persone orbitanti nell'ambito della criminalità organizzata locale».

È un passaggio dell'ordinanza di custodia cautelare per traffico e detenzione di armi e munizioni, anche da guerra, e ricettazione, notificata il 13 maggio scorso in carcere all'ex giudice barese, in cella dal 24 aprile per il reato di corruzione in atti giudiziari. L'inchiesta sull'arsenale scoperto in una villa alla periferia di Andria, quindi, è tutt'altro che conclusa.

Dopo aver accertato chi procacciava le armi (il caporal maggiore capo scelto dell'Esercito Italiano Antonio Serafino, anch'egli in carcere da ieri), chi le custodiva (l'ex gip di Bari) e dove (nella villa dell'imprenditore agricolo Antonio Tannoia, arrestato il 29 aprile dopo il rinvenimento dell'arsenale), gli inquirenti salentini stanno adesso indagando sulla «provenienza delle armi» e sui collegamenti con la criminalità organizzata.

La traccia la fornisce lo stesso De Benedictis in alcune intercettazioni con Serafino, nelle quali dice di temere che un eventuale rinvenimento delle armi avrebbe «smascherato» la loro provenienza, «perché risalgono a chi non devono». La stessa «tipologia delle armi, alcune con matricola abrasa, depone - si legge negli atti - per l'inserimento degli indagati in circuiti delinquenziali di criminalità organizzata anche transnazionali».

Nelle conversazioni intercettate si parla di canali illeciti di approvvigionamento delle armi, «una montagna di roba» dice De Benedictis, da San Marino, dai Balcani e forse anche da strutture militari. Il passo ulteriore su cui si concentreranno gli uomini della Squadra Mobile di Bari, infatti, è il coinvolgimento di «altri pubblici ufficiali, in specie appartenenti ai Carabinieri e comunque alle forze dell'ordine».

I magistrati salentini ipotizzano una «possibile sottrazione di talune delle armi in sequestro all'Esercito Italiano, plausibilmente con la compiacenza se non proprio con il contributo positivo di altri pubblici ufficiali infedeli che hanno garantito, anche, copertura. Basti soltanto pensare all'utilizzo di cinque Carabinieri da parte del magistrato per il trasporto delle armi».

Il particolare emerge da un'altra intercettazione, dell'8 dicembre 2020, nella quale l'ex gip, parlando sempre con Serafino, spiega che «devi fare le vedette, perché se ti prendono con un carico del genere è meglio che ti spari, se ti prendono sono 20 anni ciascuno». Le indagini hanno accertato che le armi erano custodite nella villa di Tannoia da tre anni, in una botola «messa a disposizione del giudice» dall'imprenditore «per riconoscenza, per averlo fatto uscire da galera».

Armi che l'ex gip andava anche a «provare», come la sera della vigilia di Capodanno, sul balcone di casa di Serafino a Ruvo di Puglia, dove dopo aver sparato con una mitraglietta a raffica, i due avrebbero anche esploso due colpi con un «lanciarazzi, di quelli di segnalazione della Marina».
  • polizia
Altri contenuti a tema
Incendi di sterpaglie in via Ceruti e viale Ausonia mentre in via Castel del Monte, va in tilt una cabina Enel Incendi di sterpaglie in via Ceruti e viale Ausonia mentre in via Castel del Monte, va in tilt una cabina Enel Pomeriggio impegnativo per le quadre dei Vigili del Fuoco di Barletta e Corato, intervenuti con Polizia di Stato e Locale
Due feriti gravi per incidente stradale tra auto e scooter Due feriti gravi per incidente stradale tra auto e scooter E' accaduto questo pomeriggio sulla strada comunale via Vecchia Canosa di Puglia
Tamponamento sulla sp 231 tratto Corato Andria: due feriti in codice rosso al "Bonomo" Tamponamento sulla sp 231 tratto Corato Andria: due feriti in codice rosso al "Bonomo" E' accaduto intorno alle 16.45. Sul posto 118 e Polizia Locale di Andria
I poliziotti del Commissariato di Andria consegnano le agende agli alunni I poliziotti del Commissariato di Andria consegnano le agende agli alunni L'obiettivo è avvicinare i ragazzi ai valori dell'amicizia e della solidarietà ed alla conoscenza ed al rispetto delle regole
Sulla Questura di Andria interrogazioni dei parlamentari della Lega al Ministro dell'Interno Lamorgese Sulla Questura di Andria interrogazioni dei parlamentari della Lega al Ministro dell'Interno Lamorgese Complessivamente saranno assegnati meno di 200 poliziotti, molti provenienti dai Commissariati limitrofi
Giordano (SAP): "Parte male l'apertura della Questura di Andria" Giordano (SAP): "Parte male l'apertura della Questura di Andria" L'inaugurazione prevista per la prima decade di luglio, ma si preannuncia la grave carenza di personale
Ex giudice De Benedictis, ecco le foto delle altre armi ritrovate ad Andria Ex giudice De Benedictis, ecco le foto delle altre armi ritrovate ad Andria La Polizia di Stato ieri ha eseguito un'altra perquisizione alla villa di dell'imprenditore 55enne detenuto in carcere
Ex giudice De Benedictis: altre armi trovate nella villa di via Corato Ex giudice De Benedictis: altre armi trovate nella villa di via Corato La scoperta sarebbe avvenuta martedì scorso da parte del personale della Squadra mobile di Bari
© 2001-2021 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.