Ciccio
Ciccio
Calcio

Larosa rinnova fino al 2014

Il giocatore ringrazia e incoraggia: «Ora corriamo uniti verso la salvezza»

Lo scontento, il nome nella lista di Depasquale, l'accostamento al Barletta e poi il lieto fine. Arriva nella serata di ieri, attraverso un comunicato sul sito ufficiale dell'A.S. Andria, la notizia che annuncia il rinnovo del contratto di Francesco Larosa fino al 30 giugno 2014.

Una buona notizia sia per i tifosi che per mister Cosco, il quale già aveva allontanato le voci su una possibile partenza del centrocampista di origini barlettane. Il tecnico degli azzurri, dunque, potrà ancora contare sul proprio jolly. E' quindi molto probabile che Larosa terminerà la propria carriera fra le file dell'A.S. Andria.

Ecco le parole con le quali Larosa ha commentato il rinnovo del contratto:«Vorrei ringraziare, innanzitutto, il presidente Depasquale che si è dimostrato molto disponibile nei miei confronti ascoltando la mia richiesta e trovando subito un punto di accordo. Il mio ringraziamento va anche al direttore sportivo Torma e al segretario generale Greco, oltre che a mister Cosco senza il cui consenso non avrei potuto prolungare il mio contratto. Per quanto riguarda il mister devo dire che, oltre ad essere un grande allenatore, è una persona fantastica che merita sicuramente di allenare in categorie superiori. Vorrei anche ringraziare tutti i miei compagni di squadra, in particolare il nostro nuovo capitano Vincenzo Migliaccio, grande professionista e grande uomo. E' un onore avere la possibilità di indossare per un altro anno i colori azzurri, essere legato all'Andria è motivo d'orgoglio in quanto mi sento andriese a tutti gli effetti essendo cresciuto qui sia calcisticamente che come uomo. Andria mi ha adottato ed io sento una particolare responsabilità ogni qualvolta indosso quella maglia e quei colori. Grazie a tutti, ora corriamo uniti verso la salvezza".»
© 2001-2022 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.