Laboratorio scientifico medico
Laboratorio scientifico medico
Attualità

Tumore al colon-retto attraverso prelievo di sangue: approvata proposta di legge regionale

Il progetto di ricerca, chiamato “Colon al sicuro” vede in Italia i tumori del colon retto, tra le maggiori cause di morte, specie tra gli uomini

La III Commissione presieduta da Mauro Vizzino ha approvato all'unanimità la proposta di legge (primo firmatario Fabiano Amati) che "serve a sperimentare la possibilità di poter diagnosticare il tumore al colon-retto attraverso un semplice prelievo di sangue, così da individuare e validare un pannello di biomarcatori associati alla presenza di lesioni pre-cancerose o cancerose nel colon".
Il progetto di ricerca, si legge nella relazione di accompagnamento alla legge, potrebbe rilevarsi idoneo a determinare, ove concluso con successo e secondo tutte le regole della sperimentazione, anche la sostituzione del test di primo livello sul sangue occulto nelle feci (SOF), così da assicurare una maggiore precisione nell'eleggibilità al più complesso approfondimento diagnostico a mezzo di colonscopia. Il test SOF, infatti, ha caratteristiche aspecifiche, ben potendo registrare un esito positivo causato da motivazioni benigne e quindi diverse dalle lesioni cancerose.
Nel dettaglio. Il progetto di ricerca, chiamato "Colon al sicuro" propone la valutazione del profilo metabolomico e lipidomico ottenuto dal siero dei pazienti risultati positivi al test SOF ed eleggibili per lo screening endoscopico, nonché la valutazione dei fattori di stili di vita che possono determinare un aumentato rischio di sviluppare neoplasia colorettale.
In Italia i tumori del colon retto sono un rilevante problema sanitario e si collocano al terzo posto per incidenza tra gli uomini, al secondo tra le donne. In entrambi i sessi, l'incidenza è aumentata tra la metà degli anni Ottanta e gli anni Novanta, seguita da una lieve riduzione della mortalità. Riguardo alla distribuzione, l'Italia è in linea con la media europea: 49% per gli uomini e 51% per le donne. Lo screening dei carcinomi colorettali (CCR) mira a identificare precocemente le forme tumorali invasive, ma anche a individuare e rimuovere possibili precursori.
Le modalità esecutive dello screening del CCR in Puglia prevede l'invio di un invito a recarsi alla farmacia territoriale di riferimento territoriale per ritirare il kit per l'esecuzione della ricerca del SOF e quindi riconsegnare alla stessa farmacia la provetta adeguatamente utilizzata. Il soggetto SOF è successivamente contattato telefonicamente ed invitato ad eseguire, se idoneo, la colonscopia come esame di approfondimento di II livello con l'obiettivo di evidenziare l'eventuale presenza di polipi o lesioni tumorali nell'intestino e rendere possibile la prevenzione e/o una più efficace e tempestiva la cura.
L'obbiettivo della ricerca proposta è individuare uno o più biomarcatori che si correlino con la presenza di formazioni precancerose o con la diagnosi di lesioni neoplastiche avanzate. Una tale auspicabile riscontro permetterebbe di avere a disposizioni indagini non invasive con una alta sensibilità e specificità e quindi in grado di meglio selezionare il target della popolazione da sottoporre a colonscopia. Ciò contribuirebbe ad ottenere una maggiore appropriatezza prescrittiva endoscopica non solo nei programmi di screening, ma anche nelle prescrizioni ambulatoriali con conseguente abbattimento delle liste d'attesa ed indubbio vantaggio anche economico.
Inoltre, il progetto prevede la valutazione di numerosi parametri legati allo stile di vita (abitudini alimentari, livello di attività fisica, abitudine al fumo), in modo da evidenziare eventuali fattori di rischio e/o fattori confondenti che possono determinare poi falsi positivi/negativi nelle analisi lipidomiche e metabolomiche.
La durata prevista del progetto è di 2 anni, arruolando una coorte di pazienti di circa 2000 unità e comunque non meno di 1600 unità, per ottenere una giusta significatività dei risultati.
Buone notizie dall'assessore alla sanità, Rocco Palese, per che laureato voglia svolgere attività professionale in uno studio o ambulatorio odontoiatrico. Questo tema è stato sottoposto all'attenzione della Commissione da consigliere Francesco Paolicelli.
L'assessore Palese ha assicurato che la Giunta intende avviare un percorso di modifica del regolamento per poter ampliare il numero delle prestazioni erogabili negli studi professionali e negli ambulatori odontoiatrici ridefinendo i requisiti strutturali, organizzativi e tecnologici degli studi professionali, sulla base delle aumentate esigenze.
Sui temi sottoposti all'attenzione della Commissione dai consiglieri Galante e Gabellone, tutti riconducibili alla carenza di medici ormai strutturale nella nostra Regione e non solo, l'assessore Palese è stato chiaro. Nessuna soluzione tampone può risolvere il problema. "Mancano i medici punto e basta" – ha detto Palese – le ragione sono varie e tante volte sottoposte all'attenzione della Commissione. Adesso occorre una interlocuzione con il ministero perché in tempi lampo ponga rimedio a questo deficit importante e grave.
"Per fortuna - ha concluso l'assessore - abbiamo un servizio di emergenza 118 che funziona e molto bene. Le misure tampone non serviranno nemmeno per l'emergenza nelle località turistiche. L'unica soluzione è rendere possibile il reclutamento di nuovi medici".
  • regione puglia
  • lotta ai tumori
  • registro tumori bat
Altri contenuti a tema
Incendi boschivi, accordo tra Regione Puglia e Ministero. Bruno: “Sei squadre in più per i vigili del fuoco” Incendi boschivi, accordo tra Regione Puglia e Ministero. Bruno: “Sei squadre in più per i vigili del fuoco” Più sicurezza per cittadini, territorio e operatori. Operative con orario 08:00 - 20:00, fino al 30 settembre 2024
Mercoledì a Bari sarà presentato il cronoprogramma per il nuovo ospedale di Andria Mercoledì a Bari sarà presentato il cronoprogramma per il nuovo ospedale di Andria Alle ore 13,00 seduta congiunta della I e III Commissione
Eventi artistici: l’estate nei luoghi della cultura pugliesi è appena cominciata    Eventi artistici: l’estate nei luoghi della cultura pugliesi è appena cominciata    Ecco le aperture straordinarie, gli spettacoli e le performance artistiche
Quasi 1200 gli ettari ISMEA in vendita in Puglia: 170 solo nella Bat Quasi 1200 gli ettari ISMEA in vendita in Puglia: 170 solo nella Bat Agevolazioni per i giovani agricoltori
Al via la campagna di marketing “Patrimoni di Puglia” Siti UNESCO Al via la campagna di marketing “Patrimoni di Puglia” Siti UNESCO Presentazione a Bari in una conferenza stampa lunedì 22 luglio
Sarà riqualificato il verde di Largo Grotte Sarà riqualificato il verde di Largo Grotte Grazie al contributo di 10mila da parte della Regione Puglia per il progetto “Alberi per il futuro”
Cgil, Cisl e Uil contro le liste d'attesa in sanità, siglato con la Asl un protocollo Cgil, Cisl e Uil contro le liste d'attesa in sanità, siglato con la Asl un protocollo È il primo caso del genere in Puglia ma servono i soldi per finanziare le misure
Emergenza caldo: i Sindaci pugliesi a sostegno della salute e della dignità dei lavoratori Emergenza caldo: i Sindaci pugliesi a sostegno della salute e della dignità dei lavoratori La Presidente Anci Puglia Pascazio ha chiesto la collaborazione dei Sindaci per dare attuazione all’ordinanza regionale
© 2001-2024 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.