siccità: olive avvizzite e campi a secco
siccità: olive avvizzite e campi a secco
Territorio

Siccità record a ottobre, ad Andria olive avvizzite e campi a secco. Cia Puglia: "È già calamità"

Italia spaccata in due. Precipitazioni assenti al Sud, è ormai emergenza in tutta la regione. Aumentano i costi di produzione

Ormai per ogni bella giornata in più, aumentano le preoccupazioni degli olivicoltori pugliesi che ormai segnano il loro quinto mese di irrigazione. Già nella seconda decade del mese di ottobre le anomalie pluviometriche registrate (Dati Assocodipuglia - Associazione Regionale Consorzi Difesa Puglia) erano superiori (fino a -27 mm) rispetto allo stesso periodo del 2017, considerato siccitoso. In tutta la Puglia le precipitazioni pressoché assenti stanno mettendo a rischio soprattutto le colture olivicole, foraggere e orticole.

Purtroppo la situazione ad Andria non è da meno e si temono già da parte di numerosi agricoltori dei cali nella produzione olivicola, a fronte delle attuali drupe molto più piccole, rispetto a quelle che solitamente si ammirano alla vigilia della raccolta.
"Sugli alberi le olive sono avvizzite - spiega il presidente CIA Puglia Raffaele Carrabba - gli agricoltori stanno ricorrendo all'irrigazione d'emergenza, come si fa nei periodi più torridi dell'anno per salvare le produzioni in sofferenza. Mai come quest'anno, fino alla terza decade di ottobre, si trovano a fronteggiare una condizione di persistente siccità così marcata. L'Italia è letteralmente spaccata in due. Mentre al Nord le piogge stanno devastando i territori, in Puglia non piove da settimane ed è ancora estate, con punte di oltre 30 gradi. È una vera e propria calamità per l'agricoltura".

Gli invasi reggono, la disponibilità idrica è pressoché la stessa dell'anno precedente e la situazione è sotto controllo nel Nord della Puglia, ma molti torrenti sono in secca. Ad accusare maggiormente il deficit idrico sono il Salento, il Tarantino e la provincia di Brindisi, già impegnati nella lotta alla Xylella fastidiosa, ma anche nella Murgia Barese i danni sono evidenti. "L'anomalia di pioggia determina ulteriori costi di produzione che si aggiungono a quelli per il contenimento del batterio killer degli ulivi - prosegue il presidente Carrabba - Se non dovesse piovere nei prossimi giorni, le spese sarebbero esorbitanti. Per fortuna, molte amministrazioni comunali si sono prontamente attivate per prorogare i termini del servizio di riuso irriguo delle acque reflue. Il tema dei cambiamenti climatici è quotidianamente in agenda, ma i governi, a tutti i livelli, non affrontano ancora le conseguenze in maniera sistematica, nonostante le nostre pressanti richieste. Di questo passo ci troveremo sempre a tamponare le emergenze, in assenza di un piano che possa mettere al riparo i nostri agricoltori dalle anomalie meteorologiche ormai all'ordine del giorno".
Andria olive avvizzite e campi a seccoAndria olive avvizzite e campi a seccoAndria olive avvizzite e campi a seccoAndria olive avvizzite e campi a seccoAndria olive avvizzite e campi a secco
  • campagna
  • agricoltura
  • Cia Puglia
  • Cia
Altri contenuti a tema
In Puglia 310 incidenti stradali nel 2019 per colpa dei cinghiali In Puglia 310 incidenti stradali nel 2019 per colpa dei cinghiali E con si contano i danni arrecati a colture, impianti e materiale aziendale
Vendita agrumi: prezzi stracciati dalla grande distribuzione Vendita agrumi: prezzi stracciati dalla grande distribuzione Pur a fronte del calo della produzione (del 50%), avvengono vendite sottocosto
Ognissanti, Puglia: con le temperature primaverili boom di presenze negli agriturismi Ognissanti, Puglia: con le temperature primaverili boom di presenze negli agriturismi Aumentata anche la richiesta di pernottamento e di attività ricreative per trascorrere i 2/3 giorni
Convegno sul tema: “Qualità e tipicità per lo sviluppo sostenibile della filiera delle Api"  Convegno sul tema: “Qualità e tipicità per lo sviluppo sostenibile della filiera delle Api"  In programma il 7 Novembre 2019 presso l'agriturismo "Il Pino Grande", SP 234 km 20+920 a Castel del Monte
Aumenta l'export di pasta pugliese: "Piatto simbolo del Made in Italy e dieta mediterranea" Aumenta l'export di pasta pugliese: "Piatto simbolo del Made in Italy e dieta mediterranea" La Puglia è il principale produttore italiano di grano duro, con 346.500 ettari coltivati e 9.990.000 quintali prodotti
Furti di uva ed olive nella notte: ronde di agricoltori ad Andria e nella Bat Furti di uva ed olive nella notte: ronde di agricoltori ad Andria e nella Bat Allarme criminalità, produttori preoccupati per l'escalation di furti. Coldiretti chiede più controlli da parte delle FF.OO.
Puglia al terzo posto per infiltrazione criminale in agricoltura: la Bat cresce dell'1,27% Puglia al terzo posto per infiltrazione criminale in agricoltura: la Bat cresce dell'1,27% Il tessuto criminale sta distruggendo l'imprenditoria onesta
Preoccupa il persistere delle alte temperature sulla nostra regione: irrigazione di soccorso nei campi a secco Preoccupa il persistere delle alte temperature sulla nostra regione: irrigazione di soccorso nei campi a secco Dagli ortaggi agli oliveti fino al foraggio la situazione non accenna a migliorare
© 2001-2019 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.