Tentata estorsione ad Andria: conferenza in Procura a Bari
Tentata estorsione ad Andria: conferenza in Procura a Bari
Cronaca

Operazione "Codice 666", dal tentativo di estorsione al tentato sequestro: i fatti

Riconosciuta l'aggravante del metodo mafioso: due andriesi arrestati

Questa mattina, i Carabinieri del Comando Provinciale di Barletta-Andria-Trani – supportati dello Squadrone Eliportato Carabinieri Cacciatori Puglia - hanno dato esecuzione all'ordinanza di custodia cautelare emessa dal GIP del Tribunale di Bari - su richiesta della Procura della Repubblica di Bari, Direzione Distrettuale Antimafia - nella quale vengono riconosciuti gravi indizi di colpevolezza nei confronti di 2 soggetti indagati - a vario titolo - per tentato sequestro di persona a scopo di estorsione e tentata estorsione, con l'aggravante del cosiddetto metodo mafioso.
Conferenza stampa Procura di Bari
Il provvedimento cautelare scaturisce dalle indagini condotte dal Nucleo Investigativo di BAT - sotto la direzione della DDA di Bari – sul tentato sequestro di persona a scopo di estorsione di un imprenditore andriese avvenuto a Bisceglie nella serata dell'11 novembre 2021 quando la vittima - che percorreva la SP 13 Andria / Bisceglie a bordo della sua auto - fu costretta a fermarsi da quattro soggetti - armati - che viaggiavano a bordo di un'autovettura di grossa cilindrata dotata di un lampeggiante blu, e riuscì a darsi alla fuga mettendosi in salvo.

Secondo l'impostazione accusatoria accolta dal Gip - fatta salva la valutazione nelle successive fasi processuali condotta anche alla luce del contributo della difesa - l'evento delittuoso era scaturito a seguito della mancata adesione della vittima ad una richiesta estorsiva finalizzata ad ottenere utilità per l'assistenza in favore dei detenuti avanzata attraverso una lettera anonima – ricevuta nel giugno 2021 - contenente il codice identificativo del gruppo di appartenenza 666 che sarebbe servito per stabilire un contatto nel caso in cui l'imprenditore avesse deciso di soggiacere alle pretese.

Una missiva dello stesso tenore e contenente il medesimo codice identificativo del gruppo di appartenenza 666 era stata poi ricevuta – nel dicembre 2022 – da un altro imprenditore locale con richieste estorsive rivolte a lui e ai suoi due soci.



Gli approfondimenti condotti sotto la direzione della D.D.A. di Bari – attraverso intercettazioni telefoniche e ambientali, analisi delle immagini di videosorveglianza, servizi di osservazione e accertamenti tecnico scientifici - hanno consentito di far emergere che il gruppo identificatosi con il codice 666 – già a partire dall'anno 2017 – aveva posto in essere condotte estorsive - attraverso l'invio di lettere anonime - nei confronti dei titolari di altre imprese locali ed hanno permesso di raccogliere elementi in relazione alla dinamica del tentativo di sequestro di persona avvenuto l'11 novembre 2021 e circa il ruolo nella vicenda dei due indagati i quali avrebbero monitorato i movimenti e le abitudini di vita della vittima con appostamenti e pedinamenti, segnalandoli ai complici – non ancora identificati - entrati in azione la sera dell'11 novembre 2021 e poi avrebbero avvicinato l'imprenditore, proponendosi quali mediatori rispetto alle richieste estorsive che gli erano state avanzate, reiterate con una ulteriore lettera anonima ed alcuni sms - provenienti da utenze sconosciute – ricevuti tra il gennaio ed il febbraio 2022.

È importante sottolineare che il procedimento si trova nella fase delle indagini preliminari e che - all'esecuzione della misura cautelare odierna - seguirà l'interrogatorio di garanzia e il confronto con la difesa degli indagati, la cui eventuale colpevolezza -in ordine ai reati contestati- dovrà essere accertata in sede di processo nel contraddittorio tra le parti.

Gli arrestati sono ora in carcere, a disposizione del GIP, ove si trovava già uno degli indagati che era stato tratto in arresto – il 16.03.2022 - in flagranza del reato di detenzione illecita di sostanze stupefacenti poiché trovato in possesso di kg.170 circa di hashish.
  • Carabinieri
Altri contenuti a tema
Ordinavano panini e caffè ma era droga, maxi operazione nel nord barese Ordinavano panini e caffè ma era droga, maxi operazione nel nord barese Gli stupefacenti provenivano dalla Spagna e venivano smerciate sul territorio della Bat
Ultimo giorno di lavoro per il Capitano dei Carabinieri Cignarella Ultimo giorno di lavoro per il Capitano dei Carabinieri Cignarella In pensione dopo quarant’anni di servizio effettivo, dal 2020 Comandante del Nucleo Informativo del Comando Provinciale
Contro le truffe agli anziani l’Arma arruola un testimonial speciale: Lino Banfi Contro le truffe agli anziani l’Arma arruola un testimonial speciale: Lino Banfi Il nonno più amato d'Italia ha compiuto 88 anni
Carabinieri confiscano ville e terreni per 1 milione di euro a pregiudicato di Andria. VIDEO Carabinieri confiscano ville e terreni per 1 milione di euro a pregiudicato di Andria. VIDEO L'importante risultato è frutto dell'attività condivisa della magistratura e delle componenti investigative specializzate dell'Arma
Controlli dei Carabinieri ad Andria, 17 assuntori di stupefacenti segnalati Controlli dei Carabinieri ad Andria, 17 assuntori di stupefacenti segnalati E 45 multe per un totale di 7000 euro. Operazione estate sicura avanti fino a settembre
Ladri seriali arrestati dai Carabinieri: erano l'incubo dei negozianti Ladri seriali arrestati dai Carabinieri: erano l'incubo dei negozianti Ad incastrarli le numerose immagini di video sorveglianza
Arresti per tentato sequestro a scopo estorsivo. Il plauso del Sindaco Bruno Arresti per tentato sequestro a scopo estorsivo. Il plauso del Sindaco Bruno «Continuare ad essere compartecipi di ogni azione a difesa della comunità, della città intera»
“Se vuoi ti dico a che ora vai in bagno”, la strategia del terrore per la tentata estorsione all'imprenditore andriese “Se vuoi ti dico a che ora vai in bagno”, la strategia del terrore per la tentata estorsione all'imprenditore andriese Il codice 666 e l’operazione spiegata dal comandante Galasso e dal sostituto dda Bari Chimienti. «Fondamentali le denunce delle vittime»
© 2001-2024 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.