Benzina
Benzina
Attualità

Caro-benzina, ad Andria l’allarme dei gestori: “Stiamo guardando al futuro con apprensione”

Storico sorpasso del diesel sulla benzina e anomali andamenti dei prezzi a causa del conflitto tra Russia e Ucraina

Proseguono gli incrementi sulla rete carburanti. A causa dei venti di guerra tra Russia-Ucraina, la settimana è iniziata con evidenti rincari in tutta Italia: in molti distributori i prezzi della benzina e gasolio hanno superato i due euro al litro e l'aumento potrebbe continuare nei prossimi giorni. Inoltre, non si esclude in futuro lo stop da parte della Russia di forniture di gas e petrolio all'Europa, facendo schizzare i prezzi all'ingrosso, con conseguenze notevoli soprattutto per gli autotrasportatori.

"La situazione è molto complessa per via dell'incertezza generale" ha sottolineato Riccardo Scarcelli, gestore di un grosso distributore di benzina della nostra città. "La difficoltà maggiore è quella di attuare un prezzo congruo rispetto alle "pompe bianche" cioè quei distributori indipendenti (per intenderci senza marchio), non legati ad una delle compagnie petrolifere multinazionali ma piuttosto a distributori locali. Ed è la prima volta, inoltre, che il diesel supera la benzina. E' vero si tratta di casi isolati, ma rimane un campanello d'allarme sull'anomalo andamento dei prezzi". Prosegue il gestore "Stiamo guardando con apprensione il futuro: al prezzo carburante si applica oltre alle accise, la normale Iva al 22%. Pertanto, all'aumentare dei prezzi, cresce anche il relativo gettito fiscale".

La criticità del momento stanno spingendo gli automobilisti ad andare alla ricerca di distributori più economici per far rifornimento. In tal caso l'Osservatorio carburanti ha messo a disposizione dei cittadini la possibilità di scoprire dove costa meno la benzina in città. Osservaprezzi carburanti è il sito del Ministero dello sviluppo economico che consente di consultare in tempo reale i prezzi di vendita carburanti praticati presso gli impianti di distribuzione situati nel territorio nazionale.

"Di solito il carburante mi costa da 50 a 70 centesimi al litro. Ho saputo che il prossimo rifornimento costerà 1.30 al litro e quindi sono fermo", dichiara questa volta l' armatore di Bisceglie, Giuseppe Pasquale. "Esco in mare con due pescherecci perché peschiamo a coppia. Ogni peschereccio ha bisogno di 1000 litri di gasolio, per rifornirli entrambi ci vogliono 2000 euro al giorno, su 4 giorni che esco sono 8000. Impossibile sostenere questi costi, tanto vale stare fermi. Una delegazione delle marinerie pugliesi ieri è stata a Roma, sono partiti da Barletta, Bisceglie, Molfetta per protestare contro i rincari. Ci auspichiamo che il Governo intervenga al più presto. Devono assolutamente supportarci".

Al vertiginoso aumento dei prezzi si stanno registrando i furti di carburante dalle auto in sosta, specialmente nelle ore notturne e addirittura dalle barche. Un fenomeno in crescita esponenziale che è in diretta connessione con l'aumento dei prezzi alla colonnina. Si tratta di un'escalation da non sottovalutare da parte delle forze dell'ordine anche perché a pagare sono sempre ignari cittadini. Ricordiamo anche per coloro che si dovessero far "tentare" da queste condotte, che questo tipo di furto è ritenuto "aggravato" ai sensi dell'articolo 625 del codice penale e pertanto procedibile d'ufficio con pene da 2 a sei anni e della multa da euro 927 a euro 1500 mentre chi viene trovato a in possesso senza poter fornire una spiegazione lecita rischia il non meno grave deferimento per ricettazione, reato punito dall'articolo 648 del codice penale con la reclusione da due ad otto anni e con la multa da euro 516 a euro 10.329.
  • Guerra Russia - Ucraina
  • caro benzina
Altri contenuti a tema
Benzinai, revocato il secondo giorno di sciopero Benzinai, revocato il secondo giorno di sciopero Serrata ridotta e domani si torna alla normalità
I benzinai confermano lo sciopero, ecco chi resta aperto I benzinai confermano lo sciopero, ecco chi resta aperto Stop dalle 19 del 24 gennaio. Serrata per 48 ore
Sciopero benzinai, due giorni di stop: chiusi anche i self Sciopero benzinai, due giorni di stop: chiusi anche i self La protesta durerà 48 ore a partire dalle 19 del 24 gennaio
Caro benzina: il 2023 si apre con la fine dello sconto di 18 centesimi Caro benzina: il 2023 si apre con la fine dello sconto di 18 centesimi L’orientamento è quello di non prorogare più lo sconto, portando ad un aumento automatico dei listini
Più prodotti alimentari comprati dal contadino a causa della corsa dell'inflazione Più prodotti alimentari comprati dal contadino a causa della corsa dell'inflazione Anche nei pesanti tempi del Covid e della guerra in Ucraina i mercati contadini hanno offerto un contributo fondamentale
Marcia della Pace a Roma: presente una delegazione da Andria guidata dall'Assessore Daniela Di Bari Marcia della Pace a Roma: presente una delegazione da Andria guidata dall'Assessore Daniela Di Bari Oltre 100mila persone, circa 600 tra associazioni ed organizzazioni varie provenienti da tutta Italia per dire No alla guerra
Al via il progetto "Passpartù" sull'affido culturale per minori ucraini ad Andria Al via il progetto "Passpartù" sull'affido culturale per minori ucraini ad Andria La proposta del collettivo CapitalSud è stata tra i vincitori del bando "Orizzonti Solidali" nel 2021
Rincaro prezzi: i pugliesi pagheranno quasi 49 mln di euro in più per l'aumento della pasta Rincaro prezzi: i pugliesi pagheranno quasi 49 mln di euro in più per l'aumento della pasta "Un conto che grava soprattutto sulle famiglie più povere dove la pasta ha una incidenza più elevata sulla spesa quotidiana"
© 2001-2023 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.