Viale Venezia Giulia
Viale Venezia Giulia
Vita di città

Ancora un nulla di fatto per il "largo della discordia"

Installate fioriere e paletti da parte dei residenti delle case tra viale Venezia Giulia e via Perugia

Purtroppo è ancora in alto mare la vicenda del "largo della discordia", la zona delle abitazioni ex popolari situata tra viale Venezia Giulia e via Perugia, che da ormai alcuni anni attende di vedere risolta la questione se sia un'area privata o pubblica.

Nei mesi scorsi numerose sono state le proteste dei residenti che chiedevano al Comune che finalmente nella zona tornasse la tranquillità, perché col tempo quell'area era diventata un parcheggio pubblico, dove tutti lasciavano la propria autovettura (anche in maniera disordinata), soprattutto da quando nella zona erano state apposte le strisce blu dell' area di parcheggio a pagamento.

Iniziamo col dire che è vero che si tratta di un'area privata ma che questa è ad uso pubblico e pertanto non può escludersi che terzi possano attraversarla o utilizzarla, a piedi o con la propria autovettura. Ed il motivo del contendere risiede proprio su questa particolare interpretazione.

I residenti delle case che affacciano su questa piazzetta, come dicevamo ex alloggi di edilizia popolare pubblica, non ci stavano più a veder giungere in quest'area tante autovetture che hanno privato questa zona della sua originaria tranquillità, tanto da chiedere più volte l'intervento di Palazzo di Città.

Al momento l'area è stata delimitata da paletti e da fioriere, ma purtroppo la questione non è stata assolutamente risolta, anche se nei giorni scorsi qualche residente si era affrettato a farci sapere che tutto era stato definito, naturalmente a proprio vantaggio.

Stando a ciò che raccontavano, "la piazzetta con l'avvio della sosta a pagamento, era diventata un parcheggio gratis". La conseguenza è che per le loro auto non c'era mai posto. Ma ancor di più l'aria è diventata irrespirabile per il continuo via vai di mezzi. Essi, quindi chiedevano che lo spazio venisse delimitato e che vi fosse un cartello con su scritto "divieto per i non residenti" perché sostenevano il largo fosse "una zona di loro proprietà".

In passato vi è stata anche una raccolta firme e diverse segnalazioni al Comune ma al momento, come dicevamo la situazione non è stata affatto risolta, in quanto si tratta sì di un'area privata ma ad uso pubblico, con tutte le conseguenze del caso.
  • Viale Venezia Giulia
Altri contenuti a tema
Lavori Telecom-Sirti: divieti al traffico veicolare su viale Venezia Giulia Lavori Telecom-Sirti: divieti al traffico veicolare su viale Venezia Giulia Sino al 2 aprile dalle ore 7.00 alle ore 16.00
Qualità della vita: ancora lunghe file di auto su viale Venezia Giulia Qualità della vita: ancora lunghe file di auto su viale Venezia Giulia Traffico in tilt in alcune ore della giornata, a causa della presenza degli autobus
Malore in auto, un 40enne si schianta contro un muro in viale Venezia Giulia Malore in auto, un 40enne si schianta contro un muro in viale Venezia Giulia Ancora ignote le condizioni dell'uomo. Nessun'altra persona è rimasta ferita
Potatura alberi: divieto di fermata e sosta su viale Venezia Giulia dal 7 al 20 febbraio Potatura alberi: divieto di fermata e sosta su viale Venezia Giulia dal 7 al 20 febbraio Nel tratto compreso tra via Cagliari e via Reggio Calabria
Il "largo della discordia" ad Andria Il "largo della discordia" ad Andria Piazzetta privata o parcheggio pubblico? Protestano i residenti di viale Venezia Giulia
Viale Venezia Giulia: colonnina pericolante dell'Enel Viale Venezia Giulia: colonnina pericolante dell'Enel Disagi al traffico veicolare nell'importante arteria andriese
© 2001-2022 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.