sequestro di farmaci da parte dei Carabinieri
sequestro di farmaci da parte dei Carabinieri
Cronaca

Anche nella provincia Bat sequestri di farmaci dopanti da parte dei Carabinieri

I medicinali ad effetto dopante erano importati da paesi dell’est Europa come la Bulgaria e la Polonia

Ha interessato anche la provincia Bat, la vasta operazione condotta dai Carabinieri del Comando Provinciale di Ascoli Piceno e del N.A.S. di Ancona, coordinata dalla Procura della Repubblica di Ascoli Piceno, che ha consentito di disarticolare una rete composta da decine di soggetti italiani, ritenuti, a vario titolo, responsabili di ricettazione, utilizzo o somministrazione di farmaci o di altre sostanze al fine di alterare le prestazioni agonistiche degli atleti, nonché importazione illegale e vendita di medicinali al pubblico a distanza mediante i servizi della società dell'informazione senza autorizzazione.

L'indagine, che al momento vede degli indagati su Bari, è iniziata nel 2018 nelle Marche e si è presto allargata a tutta Italia, comprese le province di Bari e Bat, consentendo di individuare decine di persone, atleti di varie discipline sportive e frequentatori di palestre, avvezzi all'acquisto e alla commercializzazione di farmaci ad effetto dopante importati da paesi dell'est Europa come la Bulgaria e la Polonia.
L'impegno, sviluppato dagli investigatori dell'Arma anche con attività tecniche, ha consentito complessivamente di:
- ricostruire i ruoli e le funzioni degli indagati, residenti oltre che in provincia di Bari, in altre 29 distinte province ed impegnati, con una struttura reticolare, a proporre tramite vari social in tutto il territorio nazionale, sia a consumatori che a rivenditori al dettaglio, ingenti quantitativi di farmaci ad effetto dopante;
- accertare che i soggetti importassero illecitamente i dopanti dalla Bulgaria e dalla Polonia, per poi rivenderli in tutta Italia attraverso la fitta rete dei coindagati;
- quantificare, anche attraverso l'analisi di conti correnti, le transazioni avvenute sulle carte di pagamento e le spedizioni postali, un giro d'affari stimato in oltre 500.000 (cinquecentomila) € annui;
- riscontrare l'utilizzo di ricette mediche falsificate, da parte di alcuni indagati, al fine di approvvigionare ulteriori prodotti, provenienti dal circuito regolare nazionale;
- sequestrare, nel corso di 55 mirate perquisizioni disposte dalla Procura di Ascoli Piceno in 30 province (oltre che Bari, Barletta-Andria-Trani, anche ad Ascoli Piceno, Brescia, Cagliari, Cremona, Ferrara, Foggia, Latina, Lodi, Lucca, Massa Carrara, Messina, Milano, Padova, Parma, Perugia, Pesaro-Urbino, Reggio Calabria, Roma, Savona, Siracusa, Taranto, Terni, Torino, Trapani, Treviso, Trieste, Varese e Viterbo), migliaia di confezioni di farmaci ad effetto dopante, tra cui nandrolone, testosterone, ormone della crescita e steroidi anabolizzanti.

  • Carabinieri
  • carabinieri nas
  • controlli carabinieri
Altri contenuti a tema
Estorsione nella città di Trani: provvedimento del Gip del Tribunale tranese anche nei confronti di un andriese Estorsione nella città di Trani: provvedimento del Gip del Tribunale tranese anche nei confronti di un andriese L'indagine di Carabinieri del Comando provinciale ha messo in luce un vasto sistema di illegalità
I Carabinieri di Andria a Canosa di Puglia, "A scuola di legalità" I Carabinieri di Andria a Canosa di Puglia, "A scuola di legalità" I militari dell'Arma Benemerita, con il Tenente Pietro Zona, hanno incontrato gli studenti dell’Einaudi
Assolto dall'accusa di omessa denuncia il carabiniere di Andria, Riccardo Casamassima, teste chiave del processo per la morte di Stefano Cucchi Assolto dall'accusa di omessa denuncia il carabiniere di Andria, Riccardo Casamassima, teste chiave del processo per la morte di Stefano Cucchi E' il secondo giudizio di assoluzione per il militare che in questi anni ha vissuto una autentica odissea
Anche numerosi giovani di Andria controllati dai Carabinieri durante servizio contro la "malamovida" a Barletta Anche numerosi giovani di Andria controllati dai Carabinieri durante servizio contro la "malamovida" a Barletta Prosegue l'attività di contrasto nei luoghi più "caldi" della Città della Disfida
Ancora un furto di rame, sventrato un campo fotovoltaico nei pressi dell'A/14 Ancora un furto di rame, sventrato un campo fotovoltaico nei pressi dell'A/14 I predoni hanno fatto razzia di cavi: utilizzati anche martelli pneumatici
Lunedì dell'Angelo: controlli sulle strade extraurbane, Castel del Monte e nella zona di Montegrosso Lunedì dell'Angelo: controlli sulle strade extraurbane, Castel del Monte e nella zona di Montegrosso Pattuglie della Polizia di Stato, della Locale e dei Carabinieri operative sin dalle prime luci dell'alba
37 Nord africano sorpreso all'interno di una villa in contrada Cocevola: denunciato a piede libero Nord africano sorpreso all'interno di una villa in contrada Cocevola: denunciato a piede libero E' stato trovato dalle guardie giurate della Vigilanza giurata. Successivamente si è chiuso all'interno dell'autovettura del proprietario della villa
Arresti, armi e droga scoperti dai Carabinieri della Compagnia di Andria a Canosa di Puglia Arresti, armi e droga scoperti dai Carabinieri della Compagnia di Andria a Canosa di Puglia Si tratta di una operazione disposta dal Comando provinciale dell'Arma contro la criminalità del nord barese
© 2001-2022 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.