Carabinieri al funerale di Mons. Giuseppe Di Donna
Carabinieri al funerale di Mons. Giuseppe Di Donna
Attualità

Quando Mons. Di Donna salvò la vita ai Carabinieri presi in ostaggio ad Andria

In occasione del suo funerale, 68 anni fa, i militari testimoniarono il loro ringraziamento per il coraggio dimostrato

Elezioni Amministrative 2020
Candidati sindaco
Candidati al consiglio comunale
Elezioni Regionali 2020
E' una pagina di storia ancora recente, del primissimo secondo dopoguerra, quella che racconta di un prete anzi un padre missionario dell'Ordine Trinitario, che con coraggio e carità cristiana, salvò dalla morte dei carabinieri tenuti in ostaggio durante i sanguinosi tumulti di Andria del marzo 1946. Da solo, armato di sola fede, si presentò ai rivoltosi che avevano in ostaggio dei carabinieri, disarmati e pestati a sangue, riuscendo a liberarli, salvando loro la vita.

E' Don Carmine Catalano, vice postulatore della causa di beatificazione dell'amato Vescovo di Andria, Mons. Giuseppe Di Donna che ha voluto ricordare questo episodio poco conosciuto della storia di Andria. Le cronache del tempo e le immagini riprese dal dott. Nicola Fattibene, farmacista di Andria, riviste lo scorso 2 gennaio del 2015 nella chiesa Cattedrale di Andria, ricordano anche oggi, non solo le grandi folle presenti in eccezionali eventi, ma anche la semplice ed umile devozione di persone che facevano passare i loro rosari sul corpo del Vescovo "santo", perché potesse dare la sua ultima benedizione e vivere di quella protezione celeste. «Le immagini sono state qualche anno fa digitalizzate dal figlio del dottore farmacista, con la passione del "regista-operatore" - tiene a sottolineare Don Carmine - di nome Alessandro, non a caso fotografo, ci raccontano di strade affollate, di piazza Catuma gremita di gente e di Carabinieri in alta uniforme, venuti da Bari non per fermare le lotte sociali, ma per rendere onore al loro Vescovo-liberatore, di Andria listata a lutto con piccoli manifesti sulle porte delle chiese e degli esercizi commerciali». Era il 5 gennaio del 1952 quando la città di Andria rese omaggio alle spoglie di Fra Giuseppe Di Donna, Vescovo di Andria, scomparso tre giorni prima a causa di un male incurabile.

«Ci raccontano di nemici dialettici - ha ricordato Don Carmine come il sindaco comunista dell'epoca, Vincenzo Mucci, che rende le armi al "nemico", con un telegramma di condoglianze in cui apprezza il coraggio e la coerenza dell'uomo-vescovo. Le stesse immagini ci raccontano di elogi funebri, quello ecclesiastico in Cattedrale di Mons. Giuseppe Ruotolo, Vescovo di Ugento, amico personale dell'umile Vescovo, e quello civile del Senatore Onofrio Jannuzzi, entrambi di altissimo afflato, dignità, rispetto e sincera devozione al Vescovo che ora è nella comunione della SS. Trinità». Il ricordo che si rinnova ogni 2 gennaio, in Cattedrale, con le parole su Mons. Di Donna, che riscaldano la memoria ed il cuore della coscienza del popolo andriese, perché «quei racconti ci appartengono, non solo a chi era presente fisicamente, ma a noi tutti, in quanto parlano di momenti indelebili, che fanno parte della nostra identità sociale e cristiana».

Questa memoria non è unicamente un ricordare quei tempi, ma è soprattutto una comunicazione di ciò che eravamo e che oggi possiamo essere e che in futuro potremo essere: un popolo non freddo, che non si accalora solamente con la violenza, ma la testimonianza di uomini coerenti e coraggiosi, accende i nostri cuori e li eleva per la costruzione dell'edificio sociale (titolo della lettera pastorale di mons. Di Donna), fondato sulla condivisione di valori, come la convivenza civile, il rispetto reciproco e l'ascolto di tutti, la tolleranza e la solidarietà, tutti iscritti nella coscienza civile della nostra città.
Carabinieri al funerale di Mons. Giuseppe Di DonnaCarabinieri al funerale di Mons. Giuseppe Di Donna
  • Mons. Giuseppe Di Donna
Altri contenuti a tema
"I Care": la vita e le opere di don Lorenzo Milani nel solco della lettera pastorale diocesana "I Care": la vita e le opere di don Lorenzo Milani nel solco della lettera pastorale diocesana Tre appuntamenti il 29 e 31 gennaio presso l'auditorium "Mons. Di Donna", sarà allestita anche una mostra
68° anniversario Pio Transito di Mons. Giuseppe Di Donna 68° anniversario Pio Transito di Mons. Giuseppe Di Donna Tanti i fedeli accorsi nella chiesa Cattedrale di Andria
S. Messa in Cattedrale per il 68° anniversario scomparsa di Mons. Di Donna S. Messa in Cattedrale per il 68° anniversario scomparsa di Mons. Di Donna La celebrazione officiata dal nostro vescovo mons. Mansi e da quello della diocesi Conversano-Monopoli, mons. Favale
In ricordo del mio papà, collaboratore di don Riccardo Zingaro e devoto di mons. Giuseppe Di Donna In ricordo del mio papà, collaboratore di don Riccardo Zingaro e devoto di mons. Giuseppe Di Donna Ad un anno dalla scomparsa dell'indimenticato Taddeo Albo, un ricordo delle figlie Paola e Luisa e della consorte signora Lina
Audizioni aperte per il musical dedicato a Mons. Giuseppe Di Donna Audizioni aperte per il musical dedicato a Mons. Giuseppe Di Donna I performers dovranno inviare la propria candidatura entro domenica 8 settembre
Convegno su la pastorale da Mons. Di Donna a Don Zingaro: “Nessun patrocinio comunale” Convegno su la pastorale da Mons. Di Donna a Don Zingaro: “Nessun patrocinio comunale” Secca smentita dal Commissario prefettizio Tufariello su patrocini concessi dal Comune di Andria
Celebrazione liturgica per il 67° anniversario Pio Transito di Mons. Giuseppe Di Donna Celebrazione liturgica per il 67° anniversario Pio Transito di Mons. Giuseppe Di Donna Tanti i fedeli accorsi nella chiesa Cattedrale di Andria
67° anniversario della scomparsa di mons. Di Donna: questa sera S. Messa in Cattedrale 67° anniversario della scomparsa di mons. Di Donna: questa sera S. Messa in Cattedrale Celebrazione officiata dal nostro vescovo mons. Luigi Mansi e da quello della diocesi Conversano-Monopoli, mons. Giuseppe Favale
© 2001-2020 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.