Contrada Barbadangelo
Contrada Barbadangelo
Cronaca

Odore sgradevole in contrada Barbardangelo

Il problema deriva dal mal funzionamento del digestore. Gli abitanti della zona e le aziende si ribellano

Continuano i problemi in zona Contrada Barbadangelo. Dopo la mancanza di illuminazione per circa sette mesi, questa volta a creare disagio è una puzza nauseabonda che stanzia in tutto il quartiere. Lo sgradevole odore infesta l'intera zona, costringendo gli abitanti a serrare le finestre per evitare di far penetrare la puzza all'interno della propria abitazione. Puzza che si respira anche all'interno delle aziende. Le lamentele provengono soprattutto da Ipercoop e Multisala, all'interno dei quali la puzza stanzia quotidianamente, aumentando anche in orario serale.

Le cause sarebbero più d'una. In primis il cosiddetto digestore, strumento il cui compito sarebbe di smaltimento di acque reflue in arrivo in zona. Quello di Andria risulta antiquato e il suo progetto di modernizzazione sarebbe in cantina da più di dieci anni. All'arretratezza del digestore, si aggiunge anche questo particolare periodo dell'anno. Periodo nel quale vi è un eccessivo flusso nel canale, causato soprattutto dagli scarichi molte volte fuori norma delle aziende olivicole, che di conseguenza provoca il blocco dello strumento prima citato. Ma c'è di più: oltre all'insopportabile puzza, vi è lo sversamento di acque non depurate all'interno del Ciappetta Camaggio, le quali unendosi con i flussi di escrementi giungono nel mare di Barletta.

Il principale responsabile della vicenda sarebbe l'Acquedotto Pugliese. Quest'ultimo fa sapere di un futuro ampliamento dell'impianto che, per contrastare il problema, dovrebbe essere triplicato. Inoltre servirebbe un aumento di controlli, per quanto riguarda lo scarico abusivo di acque reflue provenienti dalle aziende. A tutto ciò si aggiunge la scarsa operatività dell'Amministrazione Comunale. Il problema si era presentato già durante le Amministrazioni Caldarone e Zaccaro, le quali avevano elaborato un progetto senza mai attuarlo. La palla passa ora nelle mani dell'attuale giunta, che dovrà provvedere alla risoluzione del problema, accogliendo adeguatamente le numerose lamentele dei cittadini.
© 2001-2022 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.