Tribunale e Procura di Trani
Tribunale e Procura di Trani
Cronaca

"Giustizia svenduta": manca il braccialetto elettronico, Nardi e Di Chiaro lasciano il carcere dopo una settimana dall'ok

Per il giudice e il poliziotto l'ok ai domiciliari era arrivato lo scorso 19 giugno

Elezioni Amministrative 2020
Candidati sindaco
Candidati al consiglio comunale
Elezioni Regionali 2020
L'ok a lasciare il carcere di Matera per proseguire la detenzione ai domiciliari per il giudice Michele Nardi e per l'ispettore della Polizia di Stato Vincenzo Di Chiaro era arrivato già lo scorso 19 giugno. I due imputati nel processo relativo a presunti atti di corruzione per manovrare inchieste giudiziarie, sono però rimasti in carcere ancora per una settimana prima di essere definitivamente assegnati ai luoghi in cui proseguire la custodia cautelare domiciliare. Il motivo? Non era stato ancora installato loro il dispositivo elettronico di sicurezza, il cosiddetto braccialetto elettronico.

Dopo 17 mesi di carcere i due imputati hanno così potuto abbandonare il carcere, così come disposto dalla seconda sezione penale del Tribunale di Lecce accogliendo la richiesta degli avvocati Tiziana Tandoi (per Di Chiaro) e Domenico Mariani (per Nardi), nonostante il parere contrario della Procura. Nardi ha lasciato il carcere lo scorso 25 giugno, mentre ieri è stata la volta del coratino di Vincenzo Di Chiaro.

Nardi e Di Chiaro erano stati arrestati il 19 gennaio del 2019 nell'ambito di una inchiesta della Procura di Lecce. Secondo gli inquirenti avrebbero fatto parte di un sistema che avrebbe dirottato indagini e processi a carico di imprenditori, in cambio di tangenti pagate ai magistrati. Nell'inchiesta sono coinvolti anche due altri magistrati, Antonio Savasta e Luigi Scimè, entrambi già in servizio nella Procura di Trani, avvocati e imprenditori.
  • procura della repubblica trani
  • tribunale di trani
Altri contenuti a tema
2 Concessi i domiciliari al giudice Nardi ed all'ispettore di polizia Di Chiaro Concessi i domiciliari al giudice Nardi ed all'ispettore di polizia Di Chiaro Ieri la decisione della seconda sezione penale del Tribunale di Lecce
Presunte truffe su fondi per l'agricoltura, Riesame annulla sequestri per 380mila euro Presunte truffe su fondi per l'agricoltura, Riesame annulla sequestri per 380mila euro Il decreto era stato eseguito lo scorso 17 aprile nei confronti di 18 indagati
Per l'ex procuratore di Trani Capristo, confermati gli arresti domiciliari Per l'ex procuratore di Trani Capristo, confermati gli arresti domiciliari Alla decisione del Gip di Potenza, ora il legale del magistrato si rivolgerà al Tribunale del riesame
AndriaMultiservice: scoppia la querelle sui compensi non spettanti ad alcuni funzionari AndriaMultiservice: scoppia la querelle sui compensi non spettanti ad alcuni funzionari L’amministratore unico avrebbe già richiesto la restituzione di tali somme, ma ne sarebbe nato un contenzioso giudiziario
«Ripartono tutti tranne i Tribunali», flash mob degli avvocati a Trani «Ripartono tutti tranne i Tribunali», flash mob degli avvocati a Trani Diversi legali anche di Andria in piazza Duomo per chiedere la ripresa effettiva delle attività
Banca Popolare di Bari, la rabbia per gli azionisti truffati: «Vogliamo i nostri soldi» Banca Popolare di Bari, la rabbia per gli azionisti truffati: «Vogliamo i nostri soldi» Anche dalla Bat al corteo di questa mattina a Bari, terminato con sit-in davanti alla Banca d'Italia. Il grido disperato di chi ha perso tutto
Processo strage ferroviaria: prossime udienze ad Andria, presso l'oratorio S. Annibale Maria di Francia Processo strage ferroviaria: prossime udienze ad Andria, presso l'oratorio S. Annibale Maria di Francia La decisione del Presidente de Luce: "Si tornerà in aula nonostante i limiti imposti dall'emergenza sanitaria"
1 Arresto ex procuratore di Trani, in manette anche tre imprenditori della provincia di Bari Arresto ex procuratore di Trani, in manette anche tre imprenditori della provincia di Bari Coinvolti nell'indagine i fratelli Mancazzo oltre a Capristo e al poliziotto Scivattaro. L'accusa è di aver fatto pressioni su un magistrato
© 2001-2020 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.