fuochi pirotecnici sequestrati ad Andria dalla Guardia di Finanza
fuochi pirotecnici sequestrati ad Andria dalla Guardia di Finanza
Associazioni

Divieto di uso di botti e fuochi pirotecnici: richiesta d'ordinanza sindacale

L'associazione 3Place chiede alle Forze dell'ordine di effettuare i controlli relativi alla vendita e uso di botti e fuochi

Una richiesta di emissione di un'ordinanza di divieto di uso di botti e fuochi pirotecnici, con la contestuale istanza di controlli relativi alla vendita e uso dei predetti fuochi è giunta questa mattina sulla posta certificata del Sindaco Bruno e dei vertici di Polizia di Stato, Carabinieri, Guardia di Finanza e Polizia locale.

L'istanza è stata inoltrata dall' associazione cittadina 3Place, che scrive: «nella perfetta consapevolezza del fatto che si tratti di un'usanza e tradizione, che si è sempre fatto così, vale la pena di ricordare le conseguenze della crisi CLIMATICA che stiamo vivendo sulla nostra pelle: le forti ondate di calore, lo scioglimento dei ghiacciai, l'aumento del livello dei mari, le alluvioni e le inondazioni. Come è noto, tali cambiamenti climatici sono dovuti per gran parte alle attività umane. Considerato che:
  • i fuochi d'artificio inquinano l'aria (e l'ambiente) in quanto i metalli usati per i coloranti rimangono dispersi nell'ambiente per giorni dopo l'evento e che per realizzare i fuochi d'artificio vengono utilizzati anche metalli pesanti ed altamente tossici quali piombo, cromo, antimonio;
  • il particolato con diametro di 10 e 2.5 micron, generato durante la combustione, rimane sospeso in aria (in particolare, i PM2.5 possono dare gravi problemi respiratori e cardiovascolari. Clorati e perclorati vengono utilizzati per aumentare l'effetto scenico di alcuni colori rendendoli più brillanti, ma quantità elevate di perclorati possono contaminare le falde acquifere nelle immediate vicinanze del luogo dove vengono utilizzati i fuochi d'artificio);
  • inquinanti gassosi quali biossido di azoto (NO2) e biossido di zolfo (SO2), monossido di carbonio (CO) e biossido di carbonio/anidride carbonica (CO2) vengono prodotti e liberati in grandi quantità durante la combustione dei fuochi d'artificio (possono portare a problemi respiratori ed asma);
  • i fuochi e i rumori forti sono fonte di pericolo e di stress per molti animali: mentre per gli animali domestici è possibile tenerli in casa e chiudere le finestre per cercare di attutire il rumore, ciò non è possibile per gli animali che vivono nelle fattorie o per gli animali selvatici. L'impatto dei suoni forti ed improvvisi sugli animali selvatici è difficile da valutare e dipende dalla specie. Tuttavia, è indubbio che i forti rumori arrechino disturbo sia ai selvatici sia agli animali da fattoria. Inoltre, i selvatici che vivono in cattività subiscono un forte stress poiché non sono in grado di attuare i loro normali comportamenti di fuga. Molti cani mostrano chiari segnali di paura e stress e possono anche ferirsi, lanciandosi per strada e provocando che incidenti possono anche risultare fatali per l'animale e per l'uomo.
Tanto premesso e considerato, la scrivente Associazione chiede l'emissione di un'Ordinanza che ponga il divieto di:
  1. vendita di qualsiasi tipo di fuochi d'artificio, che possano arrecare danno all'ambiente, alla salute umana e degli animali;
  2. vendita di lanterne cinesi e non, le quali ricadendo sulla Terra possono essere scambiate per cibo dalla fauna di terra e/o marina, possono costituire cagione di incendi oppure diventano rifiuto in ambiente, nella migliore delle ipotesi;
  3. vendita di qualsiasi tipo di palloncino biodegradabile e non, i quali ricadendo sulla Terra provocano le stesse problematiche sopra esposte per le lanterne.
Si chiede che tale DIVIETO sia in vigore dal giorno 29/12/2022 alle ore 08.00 al giorno 02/01/2022 alle ore 08.00, alla stregua degli auspicati controlli. In sostituzione dei classici modi di festeggiare il nuovo anno, con rammarico profondo per le attività economiche del territorio che perderanno occasioni di guadagno, si propongono azioni più rispettose di ambiente e salute quali a titolo esemplificativo e non esaustivo (con la consueta disponibilità e apertura al dialogo) la piantumazione di ALBERI in aree che potrebbero abbisognarne, coordinando tale attività con l'ufficio Ambiente. A tal proposito, come Associazione, si offre il supporto necessario alla messa a dimora delle specie arboree mediante i propri volontari».
richiesta d'ordinanza sindacalerichiesta d'ordinanza sindacale
  • Comune di Andria
  • botti di capodanno
  • capodanno
Altri contenuti a tema
Tir perde parte del suo carico che colpisce un'autovettura in transito alla periferia di Andria Tir perde parte del suo carico che colpisce un'autovettura in transito alla periferia di Andria Miracolosamente illeso il conducente, solo danni all'autovettura. E' accaduto nel tratto dell'ex 231, Andria Canosa
Volante del 113 interviene in soccorso per aiutare una 97enne sola ad Andria Volante del 113 interviene in soccorso per aiutare una 97enne sola ad Andria E' accaduto nella giornata dell'Immacolata. I poliziotti hanno provveduto non solo a rincuorarla ma a cucinarle un pasto caldo
Nuovo ospedale di Andria e ospedale nord-barese lunedì 11 dicembre audizione in III commissione Nuovo ospedale di Andria e ospedale nord-barese lunedì 11 dicembre audizione in III commissione Lo annuncia il presidente del gruppo Pd in consiglio regionale, Filippo Caracciolo “ Per definire procedure e tempistiche”
Giornata del Malato Oncologico del Calcit, l'8 dicembre Santa Messa in Cattedrale Giornata del Malato Oncologico del Calcit, l'8 dicembre Santa Messa in Cattedrale Officiata dal Vescovo Mons. Luigi Mansi
La Giunta in quartiere: l'amministrazione Bruno incontra i cittadini del Centro storico La Giunta in quartiere: l'amministrazione Bruno incontra i cittadini del Centro storico Appuntamento per il giorno 11 dicembre 2023, presso l’Officina San Domenico, alle ore 19,30
Presentazione libro “Vite controvento” alla biblioteca "Giuseppe Ceci" di Andria Presentazione libro “Vite controvento” alla biblioteca "Giuseppe Ceci" di Andria Lunedì 11 dicembre 2023 alle ore 18,00 il volume editato al Concorso letterario internazionale "Elca Ruzzier. Una Donna da non dimenticare"
Associazione Schierarsi, Nuovo Ospedale: "Contro il dileggio di Andria la sindaca Bruno si dimetta" Associazione Schierarsi, Nuovo Ospedale: "Contro il dileggio di Andria la sindaca Bruno si dimetta" "Perché non si chiede conto della centrale operativa del 118 ancora inesistente nella BAT?"
Femminicidio: istituito il conto corrente dedicato ai figlioli di Enza Femminicidio: istituito il conto corrente dedicato ai figlioli di Enza Giovanna Bruno "Vi chiedo di diffondere il più possibile, ringraziandovi sin d'ora per la generosità e sensibilità"
© 2001-2023 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.